LA CROCIFISSIONE DI GESU'

Per capire i crudeli dolori della Passione

Per amare i sublimi misteri dell'Amore

Di Padre Enzo Redolfi

La Fede Casella Postale 184 38068 Rovereto TN.

INTRODUZIONE

Dice il profeta Isaia parlando del Redentore:

"Egli è stato trafitto per i nostri delitti, schiacciato per le nostre iniquità. Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui; per le sue piaghe noi siamo stati guariti" (Libro del Profeta Isaia 53,5). La Passione di Gesù è il compimento dell'amore di Dio verso l'uomo, per annullare il peccato dell'uomo verso Dio.

"Tutto è compiuto!" (Vangelo di Giovanni 19,30). Nel sangue del Redentore, sparso per noi, troviamo la salvezza. Per colmare la grande frattura fra cielo e terra non sarebbe bastata l'offerta di migliaia di agnelli. Occorreva una Vittima perfetta e divina, la quale, essendo Dio come il Dio offeso, pagasse in tutto il debito dell'uomo.

O Gesù, Re supremo di amore, potevi fare qualcosa di più per noi che Tu non abbia fatto? Ti sei ridotto a un cencio sanguinante, sei stato ripudiato da amici e da nemici, ti hanno appeso a un legno perché tutti potessero calunniarti e disprezzarti. E noi non ti ameremo? Non ti ameremo con tutte le nostre forze? Non ti ameremo fino alla follia? Sì, venga su di noi questa follia, perché questa pazzia è l'unica e vera saggezza! (Antonio Rosmini). "La parola della croce infatti è stoltezza per quelli che vanno in perdizione, ma per quelli che si salvano, per noi, è potenza di Dio" (Prima Lettera ai Corinti 1,18).

"Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto", è detto (Vangelo di Giovanni 19,37). In Gesù Crocifisso troviamo la salvezza. Nel suo Sangue troviamo la vita. Chiunque crede in Lui ha la vita eterna (Vangelo di Giovanni 3,15).

 

NOTA

Il lungo brano della Crocifissione (pag. 4178) è il risultato della mia formazione biblica, della mia sensibilità religiosa e delle mie letture spirituali, che non hanno la pretesa di sostituire il racconto evangelico canonico, bensì di rafforzarlo e illuminarlo alla luce di quello Spirito che da sempre accompagna i credenti nella conoscenza della verità tutta intera (Vangelo di Giovanni 16,13).

 

LA SACRA SINDONE

Impronta dell'amore di Dio

TESSUTO DI LINO

La parola "Sindone" deriva dal termine greco "Sindon", che indica un telo di lino, una porzione di panno o un lenzuolo.

La Sindone, conservata a Torino da più di quattro secoli, è un grande pezzo di stoffa rettangolare, lunga metri 4,36 e larga 1,10. è il lenzuolo nel quale fu avvolto il corpo di Gesù dopo la Passione e sul quale si è formata la sua immagine.

Il tessuto, consistente e robusto, è di puro lino di colore giallastro. Lo spessore del telo è di circa 0,34 millimetri, maggiore di quello delle comuni stoffe, e pesa circa 2,45 chilogrammi.

Prima di giungere a Torino nel 1578, la Sacra Sindone passò in Francia (13531578), in Turchia (5441353) e in Palestina dopo la morte di Gesù avvenuta nel 33. Per il lungo tempo trascorso e per gli avvenimenti storici accaduti, è un vero miracolo che sia giunta integra fino a noi.

 

LINCENDIO DEL 1532

Il Sacro Telo era custodito in un reliquiario rivestito d'argento, ripiegato due volte nel senso della lunghezza e quattro volte nel senso della larghezza, così da formare quarantotto sovrapposizioni.

A causa di un incendio che devastò la cappella del castello di Chambéry in Francia nel 1532, alcune gocce di metallo fuso bruciarono in un angolo i diversi strati della stoffa. Una volta aperto il cofanetto, il telo risultò danneggiato in modo simmetrico. In quell'occasione la Sindone rischiò di andare distrutta.

Per tutta la lunghezza del lenzuolo si notano due linee scure e alcuni triangoli chiari di tessuto diverso. L'acqua, usata per spegnere l'incendio e raffreddare la cassetta rovente, infatti, ha lasciato molti aloni a forma di rombo che circoscrivono le zone rimaste asciutte, mentre i triangoli bianchi sono le rappezzature fatte dalle Suore clarisse per coprire le parti completamente bruciate.

 

LIMMAGINE

L'immagine del corpo di Gesù è di un colore giallino, mentre le zone insanguinate appaiono rossicce.

Il trasferimento dell'impronta sul telo è avvenuto in due modi diversi. Dagli esami effettuati, risulta che le macchie di sangue si sono formate per contatto diretto, mentre l'immagine corporale è una specie di proiezione che non ha linee nette di demarcazione.

Da quanto appare sul lenzuolo, Gesù aveva la barba, era alto circa 1 metro e 80 centimetri, aveva l'età sui 3035 anni e pesava circa 78 chili. Fu torturato, flagellato e crocifisso.

Il viso presenta tracce di molteplici ferite e gonfiori sulla fronte, sulle sopracciglia, sulle guance e sul naso; nel complesso, però, il volto ha un aspetto composto e sereno. Si nota anche una ferita sulla spalla destra, da attribuire al trasporto della croce. I ginocchi, soprattutto il sinistro, risultano escoriati da ripetute cadute. Rivoli di sangue sono presenti su tutto il corpo, compresa la testa.

Ben visibili sono le braccia e le mani incrociate sull'addome, la sinistra sopra la destra. Sulla mano sinistra c'è una grande macchia di sangue, provocata da un grosso chiodo che ha perforato il polso.

Sul lato destro del torace si nota una profonda ferita, prodotta da una punta di lancia, larga circa 4 centimetri che ha perforato il cuore. Da questa ferita è sprizzato un fiotto di sangue denso e abbondante, insieme ad un liquido chiaro che alle analisi è risultato siero (Vangelo di Giovanni 19,34; Prima Lettera di Giovanni 5,6), il quale ha lasciato una debole macchia intorno alla ferita. Sull'immagine del corpo si notano molti segni di sangue, sparsi ovunque; le ferite sono parallele e inflitte da due diverse direzioni, causate da circa 120 sferzate. Le lesioni sembrano provocate da palline di metallo, come quelle del flagello usato dai romani.

Sul fondo del telo, al centro del piede destro, c'è una macchia quadrata, dovuta alla penetrazione di un lungo chiodo nei piedi sovrapposti e inchiodati insieme, il sinistro sopra il destro.

 

LA PRIMA FOTOGRAFIA

Nel 1898 il fotografo Secondo Pia fotografò la Sindone. Durante lo sviluppo del negativo, egli si accorse che l'immagine sulla lastra era molto più nitida e comprensibile di quella che si vedeva direttamente. Quel volto con gli occhi chiusi aveva acquistato una realtà stupefacente. Egli stesso affermò: "Rinserrato nella mia camera oscura e assorto nel mio lavoro, provai un'emozione fortissima allorché, durante lo sviluppo, vidi apparire sulla lastra il Santo Viso, con tale chiarezza che ne rimasi stordito. Un ritratto armonioso e riconoscibile di un uomo con la barba e con lunghi capelli. Era una fisionomia che parlava di un'immensa pazienza, di una nobile rassegnazione. Anche ad occhi chiusi, il volto era soffuso di un'espressione che era impossibile analizzare".

 

MISTERO DELL'IMPRONTA

Gli studi recenti hanno consentito di accertare che l'immagine non possiede alcuna direzionalità, come avviene invece in qualsiasi disegno o pittura, e quindi non può essere stata dipinta. Non è possibile riprodurre artificialmente, per esempio con un pennello, la separazione del sangue in una fase più densa con una più liquida e chiara intorno. Impronte sanguigne di questo tipo si possono avere solo per contatto con coaguli veri sulla pelle di un uomo ferito, ed e perciò innegabile che un corpo estinto sia stato avvolto nel lenzuolo. Le fibre delle zone macchiate di sangue sono cementate insieme da questo fluido viscoso, che penetrò fino al lato opposto del tessuto.

Da un esame compiuto nel 1982 risultò che il sangue presente sul telo appartiene al gruppo AB, diffuso solamente nel 5% circa dei soggetti. è lo stesso sangue analizzato sui resti del Miracolo Eucaristico di Lanciano (Chieti), avvenuto nel secolo VIII, quando durante la celebrazione della Santa Messa l'Ostia si trasformò in Carne e il vino in Sangue.

Valutando le numerose coincidenze fra i Vangeli e l'immagine impressa sul lenzuolo, è certo che la Sindone è veramente il lenzuolo in cui fu avvolto il corpo di Gesù Cristo, dopo che fu calato dalla croce e deposto nel sepolcro. Anche i pollini rinvenuti sulla stoffa testimoniano che la Sindone fu in Palestina.

Le numerose fotografie, effettuate negli anni, rivelano che l'immagine sindonica si comporta come un negativo fotografico. Le analisi hanno accertato che l'immagine e indelebile, pur essendo molto debole, a bassissimo contrasto e senza contorni netti. Inutilmente si è provato a cancellarla su alcuni fili, con diversi tipi di solventi di laboratorio. Il suo colore giallo traslucido non è dovuto ad alcuna sostanza di apposizione: non ci sono pigmenti, colori, tinture o vernici. Non c'è traccia di penetrazione di liquidi e i fili non sono cementati fra loro. Sono essi stessi a essere ingialliti nella loro parte più superficiale. Sul rovescio della stoffa, invece, non c'è nulla.

L'ingiallimento è dovuto a una degradazione della cellulosa, che risulta ossidata e disidratata al contatto del corpo, ma rimane unico e straordinario il fenomeno che ha provocato sembianze umane cosi precise e dettagliate. L'immagine si è impressa in funzione della distanza tra il corpo e il lenzuolo che lo avvolgeva; è dunque un'impronta tridimensionale che non si può ottenere su un dipinto o con una normale fotografia.

Gli organi del Crocifisso furono sottoposti a grandi sofferenze: soffocazioni e tosse per i polmoni battuti dalla barbara flagellazione e resi edematici dalla posizione sulla croce, affanno e dolore al cuore spostato e reso infermo dalla crudele flagellazione, dal dolore morale che l'aveva preceduta, dalla fatica della salita sotto il grave peso del legno, dall'anemia consecutiva a tutto il sangue che Gesù aveva sparso.

Fegato, milza, cuore, reni non potevano più funzionare bene dopo i grandi dolori della Passione. Il sangue, il sudore cadaverico, gli aromi e l'urea di un corpo sopraffaticato, hanno prodotto quella naturale pittura del corpo estinto e torturato del Redentore. Ma furono soprattutto le contusioni feroci dei suoi reni l'agente chimico più potente nel miracolo della Sindone.

I reni del corpo di Gesù, quasi spezzati dai flagelli, non hanno più potuto lavorare. Come quelli degli arsi in una vampa, sono stati incapaci di filtrare, e l'urea si è accumulata e sparsa nel sangue e in tutto il corpo, dopo le ore passate prima e durante la crocifissione, dando le sofferenze della intossicazione uremica e il reagente che, trasudando dal cadavere, fissò l'impronta sulla tela. Chi è medico, o chi è malato di uremia, può capire quali sofferenze dovettero dare a Gesù le tossine uremiche, tanto abbondanti da esser capaci di produrre un'impronta indelebile.

 

E' IL SIGNORE

Può accettare che la Sindone sia un falso medioevale solo chi non conosce la complessità degli studi effettuati sul telo. Il verdetto al Carbonio14 emanato nel 1988, con il quale si definiva l'età della Sindone intorno al XIII secolo, è sembrato assurdo perfino agli stessi esperti di sindonologia, essendo in evidente contrasto con i dati scientifici emersi dal lenzuolo stesso.

Una cosa è certa: la Sindone non è un falso. Con nessuna tecnica si poteva ottenere nel Medio Evo un'immagine così reale e complessa, né si riesce tuttora a ottenere qualcosa di simile con tutta la tecnologia moderna. Non è un dipinto, ma una proiezione del corpo che ha codificato in sé l'informazione tridimensionale ed è come se fosse stata impressa da un fenomeno fotoradiante.

Molti non credono, poiché per loro le prove non sono mai sufficienti. Per quelli che credono, invece, le prove non sono mai necessarie. Sembra che Gesù interroghi anche noi con queste parole del Vangelo: "E voi chi dite che io sia?" (Vangelo di Marco 8,29). Sul telo ci sono il sangue, il sudore, le lacrime del Signore e le lacrime di Maria che, dopo la crocifissione, prese il Figlio sul suo grembo e lo lavò col suo pianto. Perciò è la reliquia più grande che abbiamo, quasi paragonabile alla Divina Eucarestia.

La Sindone è muta, ma parlano per essa le sue piaghe. Tace e lascia che la scienza parli, anche a sproposito, per affidare al tempo il compito della verità. La Sindone è un dono di Dio: è Gesù che ce l'ha lasciata, insieme a tutti gli altri segni della sua esistenza. Perciò non ci sono parole più belle per concludere, di queste pronunciate da papa Paolo VI: "Io guardo quel volto, e tutte le volte che lo guardo, il cuore mi dice: è Lui, è il Signore!".

 

IL PROFETA ISAIA

Ecco, il mio servo avrà successo, sarà onorato, esaltato e molto innalzato. Come molti si stupirono di lui tanto era sfigurato per essere d'uomo il suo aspetto e diversa la sua forma da quella dei figli dell'uomo così si meraviglieranno di lui molte genti; i re davanti a lui si chiuderanno la bocca, poiché vedranno un fatto mai ad essi raccontato e comprenderanno ciò che mai avevano udito. Chi avrebbe creduto alla nostra rivelazione?

A chi sarebbe stato manifestato il braccio del Signore? è cresciuto come un virgulto davanti a lui e come una radice in terra arida.

Non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, non splendore per provare in lui diletto. Disprezzato e reietto dagli uomini, uomo dei dolori che ben conosce il patire, come uno davanti al quale ci si copre la faccia, era disprezzato e non ne avevamo alcuna stima. Eppure egli si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori e noi lo giudicavamo castigato, percosso da Dio e umiliato.

Egli è stato trafitto per i nostri delitti, schiacciato per le nostre iniquità.

II castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui; per le sue piaghe noi siamo stati guariti.

Noi tutti eravamo sperduti come un gregge, ognuno di noi seguiva la sua strada; il Signore fece ricadere su di lui l'iniquità di noi tutti. Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la sua bocca; era come agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori, e non aprì la sua bocca.

Con oppressione e ingiusta sentenza fu tolto di mezzo; chi si affligge per la sua sorte?

Sì, fu eliminato dalla terra dei viventi, per l'iniquità del mio popolo fu percosso a morte. Gli si diede sepoltura con gli empi, con il ricco fu il suo tumulo, sebbene non avesse commesso violenza né vi fosse inganno nella sua bocca.

Ma al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori. Quando offrirà se stesso in espiazione, vedrà una discendenza, vivrà a lungo, si compirà per mezzo suo la volontà del Signore. Dopo il suo intimo tormento vedrà la luce e si sazierà della sua conoscenza; il giusto mio servo giustificherà molti, egli si addosserà la loro iniquità.

Perciò io gli darò in premio le moltitudini, dei potenti egli farà bottino, perché ha consegnato se stesso alla morte ed è stato annoverato fra gli empi, mentre egli portava il peccato di molti e intercedeva per i peccatori. (Dal Libro del profeta Isaia 52,1353,12)

 

I VANGELI

La Crocifissione descritta dai Vangeli

(Testo unificato, versione ufficiale della Cei 1971)

Giunti a un luogo detto Golgota, che significa luogo del cranio, gli diedero da bere vino mescolato con fiele; ma egli, assaggiatolo, non ne volle bere. Dopo averlo quindi crocifisso, si spartirono le sue vesti e ne fecero quattro parti, una per ciascun soldato, e la tunica. Ora quella tunica era senza cuciture, tessuta tutta d'un pezzo da cima a fondo. Perciò dissero tra loro: Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca. Così si adempiva la Scrittura: Si son divise tra loro le mie vesti e sulla mia tunica han gettato la sorte. I soldati fecero proprio così. E sedutisi, gli facevano la guardia.

Erano le nove del mattino quando lo crocifissero.

Al di sopra del suo capo, posero la motivazione scritta della sua condanna: "Questi è Gesù, il re dei Giudei". Molti Giudei lessero questa iscrizione, perché il luogo dove fu crocifisso Gesù era vicino alla città; era scritta in ebraico, in latino e in greco. I sommi sacerdoti dei Giudei dissero allora a Pilato: "Non scrivere: il re dei Giudei, ma che egli ha detto: lo sono il re dei Giudei". Rispose Pilato: "Ciò che ho scritto, ho scritto".

E quelli che passavano di là lo insultavano scuotendo il capo e dicendo: "Tu che distruggi il tempio e lo ricostruisci in tre giorni, salva te stesso! Se tu sei Figlio di Dio, scendi dalla croce!". Anche i sommi sacerdoti con gli scribi e gli anziani lo schernivano: "Ha salvato gli altri, non può salvare se stesso. è il re d'Israele, scenda ora dalla croce e gli crederemo. Ha confidato in Dio; lo liberi lui ora, se gli vuol bene. Ha detto infatti: Sono Figlio di Dio!".

Gesù diceva: "Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno".

Insieme con lui furono crocifissi due ladroni, uno a destra e uno a sinistra. Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: "Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e anche noi!". Ma l'altro lo rimproverava: "Neanche tu hai timore di Dio e sei dannato alla stessa pena? Noi giustamente, perché riceviamo il giusto per le nostre azioni, egli invece non ha fatto nulla di male". E aggiunse: "Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno". Gli rispose: "In verità ti dico, oggi sarai con me nel paradiso".

Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Cleofa e Maria di Magdala. Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: "Donna, ecco il tuo figlio!". Poi disse al discepolo: "Ecco la tua madre!". E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa.

Da mezzogiorno fino alle tre del pomeriggio si fece buio su tutta la terra. Verso le tre, Gesù gridò a gran voce: "Eloì, Eloì, lemà sabactani?", che significa: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?". Udendo questo, alcuni dei presenti dicevano: "Costui chiama Elia". E subito uno di loro corse a prendere una spugna e, imbevutala di aceto, la fissò su una canna e così gli dava da bere. Gli altri dicevano: "Lascia, vediamo se viene Elia a salvarlo!".

Dopo questo, Gesù, sapendo che ogni cosa era stata ormai compiuta, disse per adempiere la Scrittura: "Ho sete". Vi era lì un vaso pieno d'aceto; posero perciò una spugna imbevuta di aceto in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. E dopo aver ricevuto l'aceto, Gesù disse: "Tutto è compiuto!". Poi esclamò: "Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito". E Gesù, emesso un alto grido, spirò.

Ed ecco il velo del tempio si squarciò in due da cima a fondo, la terra si scosse, le rocce si spezzarono, i sepolcri si aprirono e molti corpi di santi morti risuscitarono. E uscendo dai sepolcri, dopo la sua risurrezione, entrarono nella città santa e apparvero a molti. II centurione e quelli che con lui facevano la guardia a Gesù, sentito il terremoto e visto quel che succedeva, furono presi da grande timore e dicevano: "Davvero costui era Figlio di Dio!". Era il giorno della Preparazione e i Giudei, perché i corpi non rimanessero in croce durante il sabato (era infatti un giorno solenne quel sabato), chiesero a Pilato che fossero loro spezzate le gambe e fossero portati via. Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe al primo e poi all'altro che era stato crocifisso insieme con lui. Venuti però da Gesù e vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati gli colpì il fianco con la lancia e subito ne uscì sangue e acqua.

C'erano anche là molte donne che stavano a osservare da lontano; esse avevano seguito Gesù dalla Galilea per servirlo. Tra costoro Maria di Magdala, Maria madre di Giacomo e di Giuseppe, e la madre dei figli di Zebedeo.

Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera e egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate. Questo infatti avvenne perché si adempisse la Scrittura: Non gli sarà spezzato alcun osso. E un altro passo della Scrittura dice ancora: Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto.

 

SALMO 21 (22)

"Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato? Tu sei lontano dalla mia salvezza":

sono le parole del mio lamento.

Dio mio, invoco di giorno e non rispondi, grido di notte e non trovo riposo. Eppure tu abiti la santa dimora, tu, lode di Israele.

In te hanno sperato i nostri padri, hanno sperato e tu li hai liberati; a te gridarono e furono salvati, sperando in te non rimasero delusi. Ma io sono verme, non uomo, infamia degli uomini, rifiuto del mio popolo. Mi scherniscono quelli che mi vedono, à: storcono le labbra, scuotono il capo: "Si è affidato al Signore, lui lo scampi; lo liberi, se è suo amico".

Sei tu che mi hai tratto dal grembo, mi hai fatto riposare sul petto di mia madre. AI mio nascere tu mi hai raccolto, dal grembo di mia madre sei tu il mio Dio.

Da me non stare lontano, poiché l'angoscia è vicina e nessuno mi aiuta.

Mi circondano tori numerosi, mi assediano tori di Basan. Spalancano contro di me la loro bocca come leone che sbrana e ruggisce. Come acqua sono versato, sono slogate tutte le mie ossa. Il mio cuore è come cera, si fonde in mezzo alle mie viscere. è arido come un coccio il mio palato, la mia lingua si è incollata alla gola, su polvere di morte mi hai deposto. Un branco di cani mi circonda, mi assedia una banda di malvagi; hanno forato le mie mani e i miei piedi, posso contare tutte le mie ossa. Essi mi guardano, mi osservano: si dividono le mie vesti, sul mio vestito gettano la sorte. Ma tu, Signore, non stare lontano, mia forza, accorri in mio aiuto. Scampami dalla spada, dalle unghie del cane la mia vita.

Salvami dalla bocca del leone e dalle corna dei bufali. Annunzierò il tuo nome ai miei fratelli, ti loderò in mezzo all'assemblea. Lodate il Signore, voi che lo temete, gli dia gloria la stirpe di Giacobbe, lo tema tutta la stirpe di Israele; perché egli non ha disprezzato né sdegnato l'afflizione del misero, non gli ha nascosto il suo volto, ma, al suo grido d'aiuto, lo ha esaudito. Sei tu la mia lode nella grande assemblea, scioglierò i miei voti davanti ai suoi fedeli. I poveri mangeranno e saranno saziati, loderanno il Signore quanti lo cercano: "Viva il loro cuore per sempre". Ricorderanno e torneranno al Signore tutti i confini della terra, si prostreranno davanti a lui tutte le famiglie dei popoli. Poiché il regno è del Signore, egli domina su tutte le nazioni. A lui solo si prostreranno quanti dormono sotto terra, davanti a lui si curveranno quanti discendono nella polvere.

E io vivrò per lui, lo servirà la mia discendenza.

Si parlerà del Signore alla generazione che viene; annunzieranno la sua giustizia; al popolo che nascerà diranno: "Ecco l'opera del Signore!".

 

LA CROCIFISSIONE

Dopo il penoso percorso nelle vie di Gerusalemme, sotto un sole cocente e afoso, fra lo scherno e la rabbia della folla, Gesù raggiunge il colle del Golgota, sfinito, dolorante, bagnato di sangue, di sudore, di pianto, di lordure e sputi gettati dalla folla. Su questo monticello, luogo santissimo fra tutti i luoghi della terra, si sta per compiere l'opera della nostra salvezza. Qui saremo lavati dal Sangue dell'Agnello. Qui saremo purificati e resi degni del perdono. Qui il Figlio sarà glorificato (Vangelo di Giovanni 12,28). Qui il senso della creazione sarà compiuto.

Gesù, stremato di forze, si toglie la croce dalla spalla con l'aiuto del Cireneo. Gesù si guarda intorno. I suoi diletti apostoli non ci sono. Tutti lo hanno abbandonato. Solo Giovanni, con Maria, il gruppetto delle donne e altri fedeli discepoli sono rimasti. Capisce che i suoi cari apostoli hanno avuto paura e si sono nascosti. La sua Chiesa! Dov'è ora la sua Chiesa? Dov'è Pietro, la sua roccia? Una grossa lacrima gli esce dall'occhio destro, rigandogli la guancia sudata e sporca di polvere. Guarda Maria e Giovanni, guarda le altre donne e i pochi discepoli rimasti. Uno sguardo mesto, sconfortato, supplichevole, buono, di una bontà commovente. Guarda la Madre, ed ha un così angelico sorriso che sembra dimenticare tutto il male che gli sta intorno. Maria risponde allo sguardo del Figlio con un sorriso straziato di immensa pietà.

Mentre si preparano gli attrezzi della crocifissione, ai condannati viene offerta da bere una mistura di vino mirrato per dare un po' di intontimento al dolore. Ma Gesù non ne beve. Vuole andare alla morte nella pienezza delle sue facoltà mentali, senza il leggero e benefico esaltamento della bevanda eccitante. Vuole essere cosciente in tutto e soffrire ciò che è stabilito che debba soffrire. è 'l'uomo dei dolori che ben conosce il patire' (Libro del profeta lsaia 53,3). I due ladroni invece bevono molto.

Viene dato l'ordine ai condannati di spogliarsi. I due ladroni lo fanno senza nessun pudore. Anzi si divertono a fare atti osceni verso la folla e specie verso il gruppo sacerdotale, tutto candido nelle sue vesti di lino. Poi un gruppetto di robusti uomini, preposti al servizio della crocifissione, si fa avanti con decisione, scansando con delle manate chi si trova in mezzo ed ostacola il lavoro, perché già altre volte hanno eseguito la crocifissione e sono ormai insensibili a donne, pianti, lamenti, suppliche, commenti. Per loro è un compito come un altro, un lavoro da fare in fretta, come quando si uccide un animale, poiché la paga è già pronta. In quel momento sono solo dei boia, dei carnefici, degli esecutori, non degli uomini, non dei figli di madri, non persone con un cuore. Non guardano nemmeno Gesù in faccia, tanto è freddo e distaccato il loro agire. Se lo vedessero in volto forse avrebbero più pietà e un raggio di grazia entrerebbe in loro. Ma nulla. Insensibili come pietre, seccati quasi per tanta folla che ostacola il loro compito e controlla il loro comportamento.

Senza tante storie, e non curandosi dello stato di Gesù che è tutto una piaga, gli prendono le vesti e, con uno strappo deciso, gliele strappano dalle ferite ormai coagulate. Un dolore lancinante, acuto, da far spezzare il cuore. Gesù vacilla, diventa bianco come un cadavere, trema, si curva, piange, sembra svenire, e sangue ricomincia a colare dalle ferite nuovamente aperte. La bella tunica, tessuta tutta d'un pezzo da Maria (Vangelo di Giovanni 19,23), vola da un braccio all'altro e si ferma presso un gruppo di soldati romani che la osservano e fanno dei commenti sulla sua perfetta lavorazione e sulla qualità della stoffa. Parlano fra loro, perché quel tessuto è troppo prezioso per essere gettato, e decidono di giocarselo a dadi (Salmo 21,19). Dopo una bella pulita diventa una tunica da far invidia all'imperatore e al sommo sacerdote, perciò chi è fortunato se la prende.

Vengono offerti ai condannati degli stracci per coprirsi le nudità, ma Gesù non lo vuole. Rimane con il suo indumento intimo, una specie di pantaloncini, che coprono le parti più delicate e nascoste dei corpo. Uno dei quattro si avvicina e gli fa cenno di togliersi anche quelli. Gesù lo guarda meravigliato, non si aspettava quell'ordine. Pensa che sarebbe indecente doversi denudare completamente davanti a tanta folla e a tante donne. Guarda il boia con uno sguardo di supplica, di pudica supplica, con degli occhi come quelli di un agnellino pronto al macello. Ma gli occhi convinti dell'uomo che ordina non danno altra possibilità. Deve togliersi anche l'ultimo indumento. Allora Gesù si ricrede e chiede anche Lui lo straccio, ma ormai non c'è più, chissà dov'è andato a finire. è proprio l'Annichilito, l'Umiliato (Lettera di San Paolo ai Filippesi 2,68) fino a dover chiedere uno straccio ai delinquenti. Sembra che dica: "Perché? Perché anche questa umiliazione? Perché davanti a mia Madre e alle discepole? Uomo, abbi pietà!". Gesù non parla, ma i suoi occhi sono perfino dilatati per parlare, e parlano anche senza suono. Come non riescono a commuovere il carnefice? Questi incrocia gli occhi supplichevoli di Gesù, ma è impenetrabile al suo sguardo e si infastidisce. Con un deciso cenno del capo gli comanda ancora di togliersi tutto. Anche questo ci voleva per dire al mondo quanto Dio ha fatto per l'uomo. Ha dato tutto all'umanità, denudandosi con vergogna fino oltre il pudore. Nudo di ogni cosa, per rivestire l'uomo di ogni grazia. Egli: "da ricco che era, si è fatto povero per voi, perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà" (Seconda Lettera di San Paolo ai Corinti 8,9).

Gesù si gira per non mostrarsi alla folla e, ubbidiente, si denuda completamente. è proprio l'Uomo, ma l'Uomo sofferente e piagato, perché tutto il suo corpo è una lividura. I segni dei flagelli coprono la schiena, le spalle, le gambe e perfino la testa. Non c'è più una parte bianca sul corpo. Tutto è rigato di sangue. Solo i piedi e le mani sono ancora puliti, ma presto anche questi saranno trafitti.

Maria, che vede, perché è vicina al suo Figlio, vorrebbe porgergli il suo velo bianco che si è levata dal capo, ma ci sono i soldati frammezzo. Lo dà a Giovanni perché lo passi al centurione Longino. II soldato romano, che ha visto l'affanno di Maria, ne ha pietà. Prende il velo e lo porge a Gesù che lo riconosce, lo bagna delle sue lacrime, lo bacia come per aspirare da esso l'amore che gli darà la forza di sopportare le lunghe ore di agonia. Se lo fissa saldamente ai fianchi e si gira verso il popolo con il volto più sereno e rassicurato. Guarda Maria e sembra le dica con uno sguardo di profonda pietà: "Grazie Mamma! La tua presenza mi fa affrontare la Passione. Sei Tu la mia forza. Tu sola mi dai conforto". E sul velo di Maria, fino allora solo bagnato di pianto, cadono le prime gocce di sangue, perché molte delle ferite, appena seccate, si riaprono nel piegarsi, e il sangue riprende a sgorgare.

Mentre Gesù attende che i ladroni vengano crocifissi, guarda Maria con infinito amore. Vederla è un sollievo, una gioia, un riposo, una forza prima del grande tormento.

Ma il tempo della dolcezza materna si arresta bruscamente. "Non c'è tempo per le moine! Giù, stenditi sul legno, facci vedere che sei un vero uomo!". E, con uno spintone, lo fanno cadere, quasi, sulla trave. In quattro lo pigliano per le estremità e lo stendono bene sulla croce. A differenza dei due ladroni che davano calci e imprecavano, Gesù non reagisce. Si distende docilmente sulla croce. Mette il capo dove gli dicono di metterlo. Apre le braccia come gli dicono di farlo, stende le gambe come gli ordinano. Si è solo preoccupato di accomodarsi per bene ai fianchi il velo materno. II ruvido legno, a contatto della schiena martoriata, punge e sfregola sulle ferite aperte. La corona di spine gli penetra nella testa ancora di più. Vorrebbe appoggiare il capo, ma appena tocca il palo le spine pungono e dolgono, perché premono sulla testa ed entrano maggiormente.

Un giustiziere si siede sul petto di Gesù per impedirgli di reagire. Due prendono il braccio sinistro e uno il braccio opposto. Mentre il compagno tiene il braccio teso, ben aderente al legno, nel punto in cui si trova già un foro per facilitare l'entrata del chiodo, l'altro prende il martello e dà il primo colpo sul polso.

La punta del chiodo penetra nella carne viva, perfora l'osso, rompe i nervi. Un grido lacera l'aria. Gesù non si aspettava un dolore così violento. Maria risponde con un gemito da commuovere le pietre e si curva come spezzata. Un colpo talmente forte e deciso che ne bastano pochi altri per far penetrare completamente il lungo chiodo nel robusto patibolo. Gesù ha la bocca serrata e i denti quasi si spezzano nello sforzo di sopportare il dolore ad ogni colpo di martello. Maria si curva lei pure al suono dei colpi, pigola come una rondine, geme come una colomba (Libro del profeta Isaia 38,14), e sembra che il chiodo raggiunga Lei, povera Madre. Ad ogni colpo Maria si piega e geme, come se il chiodo perforasse il suo cuore. La vecchia profezia di Simeone si sta compiendo: "E anche a te una spada trafiggerà l'anima" (Vangelo di Luca 2,35). Gesù non grida più per non far soffrire la Madre, perché ne sente il lamento, come se il martello battesse sul suo capo.

La mano sinistra è inchiodata, si passa alla destra. II foro non corrisponde al polso e allora tirano con una fune il braccio di Gesù per allungarlo un po', ma non arriva ancora. Allora inchiodano dove possono, nel palmo della mano, spezzando carne e nervi con un dolore ancora maggiore della mano sinistra. Gesù non grida per non addolorare Maria, ma il suo corpo è tutta una vibrazione: un dolore tremendo, inconcepibile, impossibile da descrivere. Le dita si piegano, il pollice si infossa all'interno e sangue cola da ogni parte. Ora è la volta dei piedi. Quando Gesù comprende che stanno per essere inchiodati, perché vede luccicare al sole il lungo e grosso chiodo, ha il moto istintivo di ritirarli. Due carnefici si siedono sulle sue ginocchia per tenerlo fermo. Gli altri due appoggiano i piedi accavallati sopra un piccolo cuneo per facilitare la presa, e poi battono forte. Ai colpi di martello Gesù risponde con dei mugoli per non farsi sentire da Maria, un lamento roco dietro le labbra fortemente chiuse, e lacrime di spasimo cadono per terra dopo esser cadute sul legno. è tutto una contrazione. Fissare i piedi è ancora più difficile, perché, essendo uno sopra l'altro, scivolano sotto la scossa del martello e il chiodo entra male. Una tortura che fa vibrare tutte le membra, la testa e il cuore. La crocifissione è tremenda!

L'inchiodatura è terminata. Prendono la croce e la trascinano sino al buco, dove viene lasciata cadere con delle scosse che tormentano il Crocifisso, allargando i fori dei chiodi. Le mani si squarciano, specie la destra, e si allarga anche il foro dei piedi. Prima di essere bene assicurata con pietre e terriccio, la croce ondeggia in tutti i sensi, imprimendo continui spostamenti al povero Corpo sospeso a tre chiodi. La sofferenza deve essere atroce.

La gente urla e impreca contro i condannati, specie contro Gesù: "Ecco il verme del deserto! (Libro dei numeri 21,89). Quello guariva, mentre tu sei maledetto da Dio. Bestemmiatore! Sei rosso come il serpente di rame e come il grande re Davide, ma non sei dei nostri. Hai tradito la fede. Hai tradito Abramo, Giacobbe e Mosè. Un demonio sei, un nemico di Dio!" e altre simili bestemmie.

Gesù abbassa gli occhi velati dalla morte. Sotto di Lui vede degli uomini che, perduto ogni senso di umana dignità, sono in preda all'odio più violento. Essi sono agitati da una frenesia di delitto, da una sfrenata libidine di vendetta, da una demoniaca sete di sangue. è uno spettacolo rivoltante. Gesù chiude gli occhi per non vedere e, come un sordo, non ascolta. è come un uomo che non sente e non risponde (Salmo 37,1415). Ripete le parole del Salmo 37: "Amici e compagni si scostano dalle mie piaghe, i miei vicini stanno a distanza... l miei nemici sono vivi e forti, troppi mi odiano senza motivo, mi pagano il bene col male, mi accusano perché cerco il bene" (Salmo 37,12.2021). L'insulto, il disprezzo e la calunnia lo abbattono. Perché tanto odio dopo tanto amore? II suo cuore soffre e i battiti si fanno irregolari, sembra che si spezzi da un momento all'altro. Si realizzano le parole della Scrittura: "L'insulto ha spezzato il mio cuore e vengo meno. Ho atteso compassione, ma invano, consolatori, ma non ne ho trovati" (Salmo 68,21).

I soldati giocano a dadi la bella tunica del Maestro. C'è l'indifferenza quasi totale a ciò che sta accadendo. Solo qualcuno alza ogni tanto il volto ai crocifissi. Il centurione romano invece, Longino, è ritto in piedi, e osserva attentamente le croci. II suo occhio penetrante non perde un particolare. E per vedere meglio si fa ombra con la mano, perché il sole gli deve dare noia.

è infatti un sole strano. Di un giallo rosso d'incendio. E poi pare che l'incendio si spenga di colpo per un nuvolone di pece che sorge da dietro le catene giudee e che corre veloce per il cielo, scomparendo dietro ad altri monti. E quando il sole ritorna fuori è così vivo che l'occhio non lo sopporta che male.

Longino vede Maria, appena sotto, che guarda con un volto straziato verso il Figlio e che vorrebbe avvicinarsi a Lui. Ordina che venga lasciata passare insieme a Giovanni, creduto "figlio". La folla impreca e maledice Maria con obbrobriosi insulti, ma Ella, con le labbra tremanti e sbiancate, cerca solo di dare conforto a Gesù con un sorriso straziato, su cui si perdono le lacrime che nessuna forza di volontà riesce a trattenere negli occhi.

Gesù soffre. II suo corpo cerca di trovare una posizione di sollievo, alleggerendo il peso che grava sui piedi, sospendendosi alle mani e facendo forza con le braccia. Respira a stento, e il volto passa da un bianco avorio a un rosso fuoco, a causa del sangue che non

circola bene e dell'aria che non esce completamente dai polmoni. Sopra il capo una spina più lunga delle altre gli tormenta la testa, provocando una ferita più profonda. II sangue salato gli entra nell'occhio sinistro semichiuso, reso tale dal gonfiore della guancia.

Scribi, farisei, sacerdoti, giudei urlano: "Ebbene? Tu, Salvatore del genere umano, perché non ti salvi? Dov'è il tuo padrone Beelzebul? Ti ha abbandonato anche lui?. Dov'è il Padre tuo? Non sei una cosa sola con Lui? Non sei suo Figlio? Non sei Dio? Dio!... Tu? Bestemmiatore! Scendi dalla croce e ti crederemo. Hai salvato tanti. Salva ora te stesso! Fai il miracolo. Ma poverino, non può, perché ha le mani impedite!", e ridono senza pietà. "Solo a te i chiodi! Sì, per fermare quelle mani sacrileghe che hanno benedetto in nome di Beelzebul. Un favore che abbiamo fatto solo a te, nostro Re, 'Re dei Giudei!".

"Sei la Risurrezione e la Vita?. Ah! Ah! Ah! Ecco, fratelli, davanti a voi la Risurrezione e la Vita! Ecco il Figlio di Dio, l'Onnipotente! Ecco la Verità! Beh! Se questa è la Verità ci conviene fuggire e cercarne un'altra...". E ridono. "Tu che distruggi il Tempio e lo fai risorgere! Eccolo là, il glorioso e santo Tempio d'Israele. è intoccabile, o profanatore! Tu! stai per essere distrutto, non il Tempio! Ma forse ora hai fame e sete, perché è molto che non mangi. Trasforma queste pietre in pani e quest'acqua in vino, così prenderai forza e ti staccherai dalla croce! Hai nostalgia dei festini di Lazzaro, vero? Ci sono le tue donne che ti aspettano a braccia aperte e anche quella spudorata di Maddalena che adesso ti adora. Amico delle prostitute e dei pubblicani! Sacrilego!".

Gesù piange. Lacrime scendono abbondanti dai suoi occhi. Così lo ripagano? Non comprendono che Egli è l'Amore. Perché non comprendono le profezie dei Salmi e dei Profeti? Se non ha fatto nulla di male, perché lo percuotono? "Perché le genti congiurano, perché invano cospirano i popoli? Insorgono i re della terra e i principi congiurano insieme contro il Signore e contro il suo Messia" (Salmo 2,12). Con profonda pietà Gesù dice mestamente: "Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno".

Tutto il corpo si arcua verso l'esterno, stando staccato dal tronco della croce dal bacino in su. La testa e tutto il torace pende in avanti. II ladrone di sinistra bestemmia e dice: "Salvati e salvaci se vuoi che ti si creda. Tu il Cristo? Sei un folle! Dio non c'è. lo! ci sono! Il resto non m'importa. La morte viene dopo la vita! non la vita dopo la morte. Sei un pazzo! Chi ti può credere? Dio, paradiso, vita eterna!? Non c'è nulla! La vita è qui e basta. Sai quali sono le cose che valgono nella vita? Queste: denaro, donne e potere. Tutto il resto è fola per tenerci quieti. Dio non c'è. Ho avuto tante donne e me ne farei ancora se potessi.

Peccato che per noi sia finita!".

L'altro ladrone, che è a destra, lo rimprovera dicendo: Taci! Non temi Dio neanche adesso che stai per incontrarlo? Non temi il suo giudizio? Noi siamo stati cattivi in vita, ma Lui che male ha fatto? Non voglio sentire le tue bestemmie. Forse Dio... chissà, ci può ancora perdonare. Taci! Non farmi morire con le tue bestemmie nella mente. E poi si volge in basso per non vedere più gli occhi cattivi del compagno, e vede Maria nel suo affanno. La guarda e piange mormorando: "La mamma! Vorrei tanto chiederle perdono... L'ho uccisa col dolore che le davo... Mamma, perdonami! Sono un peccatore, ma sono sempre tuo figlio...". Piange.

II buon ladrone ricorda sua mamma, il suo amore, la sua bontà, la sua pazienza, le sue raccomandazioni, la sua compagnia. Ricorda quando era bambino e correva fra le sue braccia. Ricorda i suoi baci e il suo sorriso. Piange apertamente... Un fiume di lacrime. Per mezzo di Maria la grazia sta operando il miracolo della conversione. II condannato guarda la Madre e dice: "Visto che mia mamma non c'è, chiedi tu perdono a lei '` in nome mio. Dille che la amo. Dille che è una santa. Dille che il suo 'bambino' è qui e che sta morendo col suo nome sulle labbra. Mi capirà e mi perdonerà! Consolala tu, posto che io non posso farlo. Che sciagurato che sono stato! L'ho fatta piangere e l'ho uccisa con le mie mani! Era la mia vita... e adesso non c'è più!. Un lampo di soprannaturale speranza entra negli occhi del crocifisso e dice con ansia: "Madre, in nome del tuo Figlio morente, prega per me. Perdono!". E piange forte. Maria lo guarda con profonda pietà e pare lo carezzi col suo sguardo di colomba. Poi Disma guarda Gesù e dice: "Gesù Nazareno, re dei giudei, pietà di me! Ricordati di me quando sarai nel tuo regno! Tu sei buono e stai pagando per i nostri peccati. Ora comprendo! Credo nella tua Divinità! Una volta ti ho sentito parlare, ma non ho avuto il coraggio di fermarmi, eri troppo Santo per me e io volevo godermi la vita. Ora me ne pento. Chiedo perdono davanti a Te. lo credo che Tu vieni da Dio. Credo nel tuo Potere, nella tua Divinità, nella tua Misericordia. Cristo perdonami in nome di Lei e del tuo Padre che è nei cieli. Gesù Nazareno, re dei giudei, abbi pietà di me! Gesù Nazareno, re dei giudei, io spero e confido in Te ...!

Gesù si volge e lo guarda con profonda pietà, ed ha un sorriso ancora bellissimo sulla povera bocca torturata. Con voce fievole, ma sicura di Maestro, dice: "Sì, lo te lo dico: oggi tu sarai con me... in Paradiso". Il ladrone si rilassa, sorride, si adagia sulla croce come su di un tappeto fiorito. Non sente più il dolore. Ha una gioia incontenibile dentro di sé. Guarda Gesù, guarda Maria, guarda i soldati, guarda la folla, guarda il cielo.

è una creatura nuova (Lettera di San Paolo agli Efesini 4,2224). Vede il mondo con occhi diversi. Tace e prega, mentre il suo compagno è agitato e bestemmia.

Anche Gesù è più sereno. Il suo primo redento! II suo Sangue non è sparso invano. Un piccolo sollievo, ma ecco che torna l'agonia con la sua realtà di morte.

Gesù ansa per la fatica. Anche una sola parola gli crea dolore, perché i polmoni non lavorano bene in quella posizione. I suoi lineamenti sono sfigurati. Eppure, sotto il velo dei livori e delle ammaccature, del gonfiore per le percosse e del sangue, c'è ancora la traccia di una antica e non ancora del tutto perduta bellezza. Un corpo giovane, bello, sano e perfetto, capolavoro della natura umana (Salmo 44,3). Insieme a questa bellezza esteriore delle proporzioni e delle linee, si scorge in Lui un'altra bellezza che non si può definire. Una bellezza celeste, la bellezza della santità. è la bellezza spirituale del suo grande Cuore.

Nel suo Volto santo si scorge il riflesso di Dio. è qualcosa che colpisce, che commuove e che edifica. In quel Volto maltrattato e battuto c'è tutto il suo Amore. I suoi occhi, già pieni dell'orrore dell'agonia, lasciano trasparire una tenerezza più grande di quella materna. è proprio Lui: il Maestro buono (Vangelo di Marco 10, 17). Longino se n'è accorto e non cessa di guardare il Crocifisso. Si pone tante domande e vorrebbe sapere, conoscere, capire. Chi è quell'Uomo? Perché è così diverso dagli altri? Perché non impreca e non maledice? E la Madre vicina: una vera signora. Guarda, confronta e pensa. Intuisce che qualcosa di grande sta avvenendo su quel monticello e si compiace di poter assistere all'evento. Vorrebbe parlare con l'Uomo sopra di lui, ma la ferrea disciplina romana glielo vieta. è immobile come una statua, con la mano sinistra sulla spada e la destra tesa lungo il fianco. Mentre Disma, ora, ha trovato la pace e sembra che

non senta più dolore, l'altro ladrone si contorce, si dimena, impreca.

Il cielo si incupisce sempre più. Ora difficilmente le nubi si aprono per far passare il sole. Nel caldo afoso, vengono ventate fredde che passano rapide, ad intervalli, portandosi dietro una scia di nubi livide. La luce, prima molto forte, si va facendo verdastra. Gesù appare ancora più un cadavere in quella strana luce che precede il temporale. Infatti, molti cominciano a t impressionarsi e qualcuno ha paura. Anche i soldati accennano al cielo e ad una specie di cono che pare di lavagna tanto è cupo, e che si leva come un pino da dietro una vetta. Sembra una tromba marina. Mentre avanza lentamente diventa sempre più grossa e nera.

Gesù soffre molto e trema per la febbre. Dopo il caldo soffocante e le mosche, ora anche il vento si è messo a tormentarlo con i suoi gelidi soffi. La tensione dei muscoli si fa sempre più violenta, procurando frequenti crampi, specie nelle gambe. La circolazione è stentata e le estremità sono quasi gelide. II senso di soffocamento aumenta di intensità e si fa sempre più tormentoso, il respiro più rapido e difficile, perché i polmoni non riescono a svuotarsi dell'aria. L'angoscia diventa insopportabile e non c'è possibilità di cambiare posizione. Non c'è scampo: la morte avanza implacabile e lenta.

La testa gli si china sul petto, le forze vengono a mancare. Gesù trema di freddo e, nella sua debolezza, mormora: "Mamma... Mamma". Lo dice piano, come in un sospiro, quasi fosse già in un lieve delirio. E Maria ogni volta ha un atto infrenabile di tendere le braccia come per soccorrerlo.

Eccola la Mamma! è lì, ai piedi della croce, crocifissa Lei pure. è in piedi, ma è l'amore che la sorregge, altrimenti sarebbe a terra già morta di dolore. Ma non può morire, non deve morire! per amore del suo Gesù. Anche il Padre non lo permette. Ha le labbra esangui e sottili, il viso venerando d'un pallore mortale, gli occhi bruciati dal pianto e dilatati dall'angoscia. Le altre donne, fra cui Maria di Alfeo, le mormorano qualche parola di conforto, ma Lei non risponde. Ogni conforto è assolutamente inutile. Maria è sola nel suo inenarrabile dolore.

è veramente un miracolo se non cade a terra. Se potesse salirebbe anche Lei sulla croce, poiché stare a terra è per Lei un dolore più atroce che essere appesa. Giovanni la sorregge con filiale premura, ma non parla: è l'amore per Lei che si fa parola.

Nemmeno una carezza può dare Maria al suo Figlio: i soldati non lo permettono. La spada profetizzata del vecchio Simeone penetra profonda nel suo cuore di Madre: "E anche a te una spada trafiggerà /'anima" (Vangelo di Luca 2,35)! Questa spada, che aveva visto balenare davanti a sé durante tutta la vita, questa spada, lunga e pungente, ora è tutta immersa nella sua anima! L'aveva intravista nelle veglie, l'aveva sognata nelle notti, l'aveva scorta pendere misteriosa sopra la culla del Figlio, l'aveva notata ricomparire nei giorni della sua vita pubblica... E aveva tanto temuto e trepidato per Lui! E ora, vibrata da una mano invisibile, quella spada le straziava il Cuore di Madre.

Anche la natura sembra che soffra di questa tortura. II buio si fa sempre più denso. è in questa luce crepuscolare e paurosa che Gesù affida Giovanni a Maria e Maria a Giovanni. Egli sente la Madre, la cara Madre vicina. La sente lì, ai piedi della croce. Sente il suo amore che sale a confortarlo. Vede il suo dolore. La povera testa del Redentore, tanto maltrattata, sfigurata e sanguinante, si piega lentamente verso di Lei. I loro occhi si incontrano, si parlano, si baciano. Maria ha un sospiro profondo e un brivido. II battito del suo cuore si fa più veloce e le toglie il respiro. Si mette più sotto alla croce per vedere meglio. Gesù le dice: "Donna... ecco tuo figlio. Figlio... ecco tua Madre". Egli, che non ha più nulla da dare a sua Madre, le affida Giovanni. Ricorda il passo della Scrittura: "Con che cosa ti metterò a confronto? A che cosa ti paragonerò, figlia di Gerusalemme? Che cosa eguaglierò a te per consolarti, vergine figlia di Sion? Poiché è grande come il mare la tua rovina; chi potrà guarirti?" (Libro delle Lamentazioni 2,13). Maria piange lentamente, perché capisce che quelle parole sono come il testamento del suo Gesù, ma cerca lo stesso di sorridere come può, per confortare Lui...

Gesù non la chiama Mamma, ma "Donna", per ricordare al mondo che Maria è la nuova Eva che dà la vita all'umanità. è la Donna che ha reso possibile l'incarnazione, la redenzione e quindi la salvezza. è la Donna vincitrice di Satana (Libro della Genesi 3,15), la Donna coronata con dodici stelle (Libro dell'Apocalisse 12, 1), la Madre: principio e fondamento dell'amore di Dio. La chiama "Donna", per affidarla a noi come Madre. Egli si spoglia anche della cosa più cara al mondo, per cederla a noi: "Ecco tuo figlio". Per Lui ora è la Donna, per noi è la Mamma. Un dono per tutti noi, rappresentati nella persona dell'amato discepolo Giovanni.

Lo sforzo sostenuto nel reprimere i sentimenti di Figlio nei confronti della Madre, getta Gesù in uno stato di angoscia indescrivibile. Non poterle comunicare tutto il suo amore, vederla immersa in uno strazio indicibile senza poterla soccorrere, Lui che aveva soccorso tanti infelici, tutto questo è un dolore intensissimo per il suo Cuore ed Egli si lascia invadere da un gelido senso di rimorso e di solitudine. Le tenebre, che già regnano fuori nel mondo, irrompono nell'anima sua. E Gesù si sente solo, infelicissimo, abbandonato, pentito. Si spegne ogni luce e gli pare di precipitare nell'abisso. è l'agonia completa. Prova tutto ciò che umanamente è possibile provare, per essere veramente il Figlio dell'uomo: "Provato in ogni cosa, a somiglianza di noi, escluso il peccato" (Lettera di San Paolo agli Ebrei 4,15).

Le sofferenze crescono di minuto in minuto. La soffocazione si fa sempre più intensa e più vivo l'affanno cardiaco. Gesù muove la bocca con fatica, le mascelle si irrigidiscono. La corona di spine gli vieta di appoggiarsi al tronco della croce per aiutare la sospensione sulle braccia e alleggerire i piedi. La schiena si curva più ancora e il respiro è sempre più inceppato. II volto di Cristo passa alternativamente da vampe di rossore intensissimo a pallori verdastri di morente per dissanguamento.

A gran fatica, puntandosi ancora una volta sui piedi, tendendosi quasi per offrirsi, per muovere a compassione il Padre con la vista di tutte le sue piaghe e della sua angoscia, alza il volto, guardando il cielo nero dal quale ogni azzurro ed ogni ricordo di luce sono scomparsi. E a questo cielo chiuso, compatto, basso, simile ad una enorme lastra di lavagna scura, Egli grida a gran voce: "Eloi, Eloi, lamma scebacteni!", che significa: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?". Ma nessuna luce viene dal cielo. è l'agonia totale di corpo, di anima e di spirito. L'agonia solitaria, disperata, senza nessun tipo di conforto.

La gente ride e lo scherza. Lo insulta: "Parla più forte, altrimenti Baal non sente! Forse è soprappensiero oppure indaffarato o in viaggio; caso mai fosse addormentato, si sveglierà" (Primo Libro dei Re 18,27). Altri dicono: "Non sa che farne Dio di Te! I demoni sono maledetti da Lui!". Altri gridano: "Vediamo se Elia, o Dio, che Egli chiama, vengono a salvarlo".

Gesù si accascia desolato, sembra morto. Qualcuno tira sassi per svegliarlo. La vita ritorna, ma la lotta continua. Satana lo assale nell'ultima tentazione.

Gli prospetta il suo fallimento di Maestro e di Redentore. Dov'è più la sua Parola di fuoco? Dove sono finiti i suoi portentosi miracoli? Dove sono i convertiti? A che serve tanto sacrificio? Il Padre non lo voleva. Era meglio se continuava a vivere, girare il mondo a predicare e a sanare. Molti si sarebbero convertiti all'udire le sue parole e a vedere i suoi miracoli. Ma la croce, perché? Dio non era d'accordo e per questo si era ritirato.

La voce satanica gli tormenta il cervello: "Torna indietro Cristo! Sei ancora in tempo. Fai un miracolo e scendi dalla croce. Fulmina con la tua potenza i tuoi nemici, rendi gloria al tuo Nome! è questo il modo per salvare le anime. lo te lo dissi già molto tempo fa, nel deserto, ma non mi hai creduto. Ora saresti rispettato, amato, seguito. II tuo nome sarebbe su tutte le bocche della terra... Ti sacrifichi per nulla! Gli uomini non ti ameranno per il tuo Sacrificio! Continueranno a peccare come prima e tu non potrai vincere l'inferno. Dove sono quelli che hai beneficato? Lo stesso tuo Padre non c'é. Se non ti ama Lui, di cui sei Figlio, come puoi sperare che ti amino gli uomini di cui sei Padrone? Dici che vuoi fare la volontà dei Padre, ma qual è la sua volontà? Non certo questa. Hai voluto fare di testa tua ed Egli ti ha abbandonato. Non sei più Dio, perché hai peccato. Come puoi pensare che Egli voglia la morte di suo Figlio? Credi che possa illudersi della sua utilità? Dovevi predicare, e invece hai voluto morire. Hai fallito Gesù! è con la Parola che si redime, non con la risurrezione dopo la morte. Lo hai detto anche Tu: 'Se non ascoltano Mosè e i Profeti, neanche se uno risuscitasse dai morti saranno persuasi' (Vangelo di Luca 16,31). Quanto potrai servire Dio vivendo! Puoi percorrere il mondo, evangelizzare, guarire, consolare.

La terra abitata da Dio! Ecco la vera redenzione: rifare della terra il paradiso terrestre dove l'uomo torni a vivere in amicizia con il suo Creatore, ne oda la voce e ne veda i passi (Genesi 3,10). Ma Tu vuoi far l'eroe e dare la vita per gli amici! (Vangelo di Giovanni 15,13). Guarda tua Madre! Non ti addolora di farla soffrire? Non vedi che sta morendo anche Lei? Che Figlio sei? Che rispetto porti alla Legge? (Deuteronomio 5,16). E perché vuoi essere fedele a Dio? Ti è forse fedele Lui? Dove sono i suoi angeli? il suo sorriso? la sua luce? Sei un fallito, o Cristo! Sei un poveruomo e nulla più! Un sacrilego sei, perché permetti che mani sozze di peccato ti tocchino e dai la tua Parola in mano ai porci che la calpestino. Lo hai detto: 'Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi' (Vangelo di Matteo 7,6). Ma nemmeno Tu, a quanto vedo, rispetti la Parola di Dio, perciò Dio ti abbandona. Cambia idea, o Cristo, fin che sei in tempo, e impara da tua Madre a santificare il mondo. Guarda come soffre! Che Figlio sei? Tuo Padre l'ha creata, Tu l'hai distrutta. Lei è una Santa e non vuole la tua morte! Se la volesse non piangerebbe in questo modo. Guardala! Perciò lascia perdere il 'Sacrificio' e comincia una vita nuova di apostolo. Scendi dalla croce, è questo che vuole il Padre da Te! Scendi! perché stai per morire e poi sarà troppo tardi".

La tentazione di Satana è tremenda, perché toglie il senso a tutto ciò per cui si vive e si muore. è la morte assoluta: il non senso. L'inutilità del vivere. è il tormento finale. Quello che accelera la morte, perché spreme le ultime gocce di sangue dai pori, perché stritola le superstiti fibre del cuore e uccide lo spirito: è la follia, o la morte.

Anche Gerusalemme scompare, avvolta in nubi di polvere sollevata dal vento, nelle tenebre di una notte precoce. Vi è infatti un vento che asseta anche i sani. Un vento continuo, a tratti violento, polveroso, freddo, pauroso. Ma proprio tutto si è messo a torturare il Martire!

Il sole, come il Padre, non c'è più. La sete, data dalla perdita di sangue, dalla febbre e dal sole, deve essere intensa, tanto che Gesù, con mossa macchinale, beve le stille del suo sudore e del suo pianto, e anche le gocce del sangue che gli scendono dalla fronte fin sui baffi, e si bagna con queste la lingua...

La sete! Quale tortura la sete! Gesù aveva passato la notte oppresso da un'angoscia di morte. Durante le terribili ore dell'agonia spirituale aveva avuto un sudore copioso, che s'era poi trasformato in sudore di sangue. E anche questo trasudamento di sangue dovette essere abbondante, perché, dopo aver bagnato il sacro corpo di Gesù, andò a inzuppare la terra (Vangelo di Luca 22,44). Questo forte sudore produsse in Lui una sete acuta. A ciò si aggiunga che Gesù aveva passato una notte tormentata, trascinato da un tribunale all'altro, accusato di colpe gravissime, maltrattato dai capi giudei e dalle guardie romane.

E che dire poi della orribile flagellazione e della coronazione di spine? Questa nuova perdita di sangue gli procurò un inasprimento della sete, che era già ardente. La febbre, dovuta alle gravi ferite e alla perdita di sangue, non fece che aumentare l'arsura e renderla sempre più insopportabile.

Durante.tutta quella terribile mattina, Gesù aveva dovuto sempre stare in piedi. Non gli era stato concesso un momento di riposo. Aveva dovuto portare la croce, dopo la barbara flagellazione, benché ormai sfinito e assolutamente stremato di forze; e tutto questo sotto la sferza del sole d'aprile che in Palestina è assai caldo, un sole afoso, come quando si prepara un grosso temporale.

Gesù era anche oppresso dalla soffocazione. II suo respiro non era più ritmicamente regolare, bensì affrettato, quasi violento, come se sentisse mancare l'aria. La Sacra Sindone mostra chiaramente l'impronta del torace sollevato, come per aspirare disperatamente l'ultima stilla di aria. Quel respiro affannoso, fatto attraverso la bocca aperta, perché ormai il naso intasato da grumi di sangue non bastava più al bisogno, fini per essiccare del tutto la lingua, il palato e la gola del Salvatore, soprattutto sulla croce.

La tortura della sete! Gesù geme con voce rauca e stridula, una voce angosciata: "Ho sete!". Anche il vento lo tortura, asciugandogli più ancora la bocca e impedendogli il respiro col suo violento soffio. Ha sete di acqua il nostro Maestro, ma anche questa gli viene negata. Un soldato va ad un vaso dove c'è aceto con fiele, perché col suo amaro aumenti la salivazione nei suppliziati, non certo per dissetare. Prende la spugna immersa nel liquido, la infila su una canna e porge la spugna al Morente, il quale apre avidamente la bocca e si tende in avanti per avere un refrigerio. Trova il mordente dell'aceto per la bocca ferita e l'amaro del fiele per ultimo disgusto. è un fuoco per le labbra e il palato. Si ritrae ripugnato, accasciato. Si abbandona. Ricorda le parole del Salmo: "Hanno messo nel mio cibo veleno e quando avevo sete mi hanno dato aceto" (Salmo 68,22). Maria che vede, geme. Ricorda quando Gesù prendeva il suo latte. Si appoggia a Giovanni, sconfortata. Vorrebbe dargli un po' d'acqua, o almeno bagnarli le labbra con le sue lacrime, ma non può.

è una tortura!

Ora tutto il peso del Corpo gravita sui piedi e in avanti. Solo le anche aderiscono alla croce. Anche la testa, con i capelli scomposti che la nascondono, pende in avanti. II respiro si fa sempre più debole. Ogni tanto un colpo di tosse penosa porta una schiuma

lievemente rosata alle labbra. E le distanze fra una espirazione e l'altra diventano sempre più lunghe. L'addome è già fermo. Solo il torace ha ancora dei sollevamenti, ma faticosi, stentati... La paralisi polmonare si accentua sempre più. Sempre più fievole viene l'invocazione: "...Mamma! Dove sei? Non ti vedo più. Anche tu mi abbandoni?". E Maria mormora: "No, tesoro, sono qui! lo non ti abbandono, Figlio caro!. La Mamma è qui, qui è... e solo si tormenta di non poter venire dove Tu sei...". Piange. E, se Giovanni non la tenesse, salirebbe anche Lei sulla croce. Pure Giovanni piange. La morte imminente fa parlare Gesù come in un delirio e neppure sa cosa dice; e, purtroppo, neppure comprende il conforto materno e l'amore del prediletto.

Longino e gli altri soldati non vogliono commuoversi. Ma il loro volto si altera nello sforzo di vincere l'emozione, e gli occhi hanno un luccicore di pianto che solo la ferrea disciplina romana trattiene. II cielo è diventato nerissimo: un grosso temporale si sta avvicinando. Sembra quasi notte. Gesù sente la morte vicina e, nell'oscurità totale, sussurra: "Tutto è compiuto!". Lo dice con infinita rassegnazione. E poi l'ansito sempre più rantoloso, con pause di silenzio fra un rantolo e l'altro sempre più lunghe.

Si, tutto è compiuto. La Scrittura ha trovato in Gesù il suo pieno compimento, le profezie si sono avverate, Dio ha fatto il possibile per salvare l'uomo, il Cristo ha amato sino alla fine e si è pienamente consumato nelle fiamme di una inesauribile e inconcepibile carità. La redenzione è pronta.

Ancora un silenzio. Poi viene pronunciata con infinita dolcezza, con ardente preghiera, la supplica: "Padre, nelle tue mani raccomando lo spirito mio!".

Infine, ecco, l'ultimo spasimo di Gesù. Una convulsione che sale per tre volte dai piedi e corre per tutti i poveri nervi torturati e pare voglia svellere il corpo infisso coi tre chiodi dal legno; solleva tre volte l'addome, poi lo lascia, dopo averlo dilatato come per sconvolgimento di visceri, ed esso si affloscia come svuotato; contrae e gonfia fortemente il torace, scuote le braccia, fa rovesciare violentemente indietro, una, due, tre volte il capo, che percuote contro il palo; contrae in uno spasimo tutti i muscoli del volto, accentuando la deviazione della bocca a destra, fa spalancare e dilatare le palpebre sotto la crosta della polvere e del sangue. Il corpo si tende come un arco teso, vibrante, e poi un grido potente, impensabile in quel corpo sfinito, si sprigiona, lacera l'aria: "Mam... ma". Una parola spezzata dalla morte. Il "grande grido" di cui parlano i Vangeli (Vangelo di Matteo 27,50; Vangelo di Marco 15,37). E più nulla... La testa ricade sul petto, il corpo in avanti, il fremito cessa e cessa il respiro. è spirato.

La terra risponde al grido dell'Ucciso con un boato pauroso. Mentre il vento fischia, fulmini rigano il cielo in tutti i sensi, cadendo sulla città, sul Tempio, sulla folla..., e un terremoto scuote la terra (Vangelo di Matteo 27,51). Sembra la fine del mondo. La gente urla di terrore e si abbranca l'una con l'altra. I fulmini sono l'unica luce che permetta di vedere, tanto è scuro (Vangelo di Luca 23,44). Nelle scosse sussultorie e ondulatorie, che scuotono talmente le tre croci che sembra le debbano ribaltare, la vetta del Golgota ondeggia e balla come un piatto in mano di un pazzo.

La gente rimasta, Longino e i soldati si raccolgono insieme dove possono, per non cadere e non scivolare giù dal pendio. Maria, per il dolore e per il traballio, si abbandona sul cuore di Giovanni e sviene. II discepolo la adagia ai suoi piedi. I ladroni urlano di terrore, mentre la folla urla ancora di più e vorrebbe scappare. Ma non può, perché traballa tutto e ci vuole poco per cadere dai dirupi. Cadono le persone l'una sull'altra, si pestano, si infossano nelle spaccature del suolo, si feriscono anche, rotolano giù per la china, impazziti.

Per tre volte si ripete il terremoto e l'aeromoto, e poi si fa l'immobilità assoluta di un mondo morto. Solo dei , lampi, ma senza tuono, rigano ancora il cielo e illuminano la scena dei giudei fuggenti in ogni senso, con le mani fra i capelli, o tese in avanti, o alzate al cielo, schernito fino allora e di cui adesso hanno paura.

L'oscurità si fa poi meno fitta, in un barlume di luce che lentamente ritorna. Molti restano al suolo: morti, feriti o svenuti. Una casa arde nell'interno delle mura e le fiamme si alzano dritte nell'aria ferma, mettendo un punto di rosso fuoco sul verde cenere dell'atmosfera.

Alla luce scialba e livida di quel cielo crepuscolare, il corpo immobile di Gesù pende senza più moto dalla croce. La sua carne, bianca come il marmo, è tutto striata di rigagnoli di sangue. Un'ultima goccia, scorrendo sui piedi e perdendosi tra le dita, cade a terra.

Maria alza il capo dal petto di Giovanni e guarda Gesù. Lo chiama, perché mal lo vede nella poca luce e con i poveri occhi pieni di pianto. Tre volte lo chiama: "Gesù! Gesù! Figlio mio!". Poi ascolta... Ha la bocca aperta, pare voglia ascoltare anche con quella, come ha dilatati gli occhi per vedere, per vedere... Non può credere che sia morto... Infine, ad un lampo che fa come una corona sopra la vetta del Golgota, vede Gesù, immobile, tutto pendente in avanti, col capo talmente piegato all'infuori e a destra, da toccare con la guancia la spalla e coi mento le coste. E comprende. Giovanni, che anche lui ha guardato e ascoltato, ed ha capito che tutto è finito, abbraccia Maria e cerca allontanarla dicendo: "Non soffre più".

Quelle parole sono una frecciata per Maria che si curva ad arco verso il suolo, si porta le mani agli occhi e grida: "Non ho più Figlio!". E poi vacilla e cadrebbe se Giovanni non se la raccogliesse tutta sulle spalle. Poi il discepolo si siede per terra, per sostenerla meglio sul suo petto, accarezzandola sulla testa e chiamandola per nome. Vengono anche le altre donne a soccorrerla, presso Giovanni.

La Maddalena si siede dove era Giovanni e si adagia Maria sui ginocchi, sostenendola fra le braccia e il suo petto, baciandola sul volto esangue, riverso sulla sua spalla. Marta e Susanna, con la spugna e un lino intrisi nell'aceto, le bagnano le tempie e le narici, mentre la cognata Maria di Alfeo le bacia le mani e la chiama: "Figlia diletta... dimmi che mi vedi... Sono la tua Maria... povera, santa figlia mia! Non mi guardare così!...". Maria rinviene sconvolta con un primo singhiozzo, e poi molte lacrime le cadono dalle guance con gemiti di colomba torturata. Un pianto desolato à cui fanno eco tutte le altre donne, ossia Marta e Maria, la madre di Giovanni, Maria di Cleofa e Susanna.

II centurione capisce che questo è il momento più adatto per compire il crurifragio. Si accosta a Giovanni e gli dice piano qualche parola. Poi si fa dare da un soldato una lancia. Guarda le donne tutte intente a Maria, che riprende lentamente le forze. Esse hanno tutte le spalle alla croce, perciò è il momento giusto. Longino si pone in fronte al Crocifisso, studia bene il colpo e poi lo vibra. La lancia penetra profondamente da sotto in su, da destra a sinistra. Dalla ferita geme un fiotto di siero e sangue che scola lentamente dalle carni ormai fredde. Dice a Giovanni: "è fatto, amico... E senza spezzare osso... Era veramente un Giusto! Non ho mai visto un uomo morire come Lui", esclama seriamente Longino (Vangelo di Giovanni 19,3334).

E Giuseppe con Nicodemo dicono: "Sì. Era il Figlio di Dio!". Poi vanno in fretta da Pilato a chiedere il corpo di Gesù.

Nel scendere dal monticello incontrano Gamaliele, il grande rabbi d'Israele. Un Gamaliele spettinato, senza copricapo, senza mantello, con la veste sporca di terriccio e strappata dai rovi. Un Gamaliele che corre, salendo e ansando, con le mani nei capelli radi e molto brizzolati di uomo anziano. Dice "Cose tremende! Ero nel Tempio...! II segno! II terremoto! II velo lacerato!. Il Santo dei santi profanato!" (Vangelo di Matteo 27,51).

Sì, il velo del tempio è squarciato, perché Gesù Cristo ha tolto il muro di separazione che era fra Dio e l'uomo, facendo dei due una cosa sola (Lettera di San Paolo agli Efesini 2,1416).

Tu sei degno, o Signore, di prendere il libro e di aprirne i sigilli, perché sei stato immolato e hai riscattato per Dio con il tuo Sangue uomini di ogni tribù, lingua, popolo e nazione. A Te, Agnello immolato, onore, gloria e benedizione! (Libro dell'Apocalisse 5,913).

"Ora si è compiuta la salvezza, la forza e il regno del nostro Dio e la potenza del suo Cristo, poiché è stato precipitato l'accusatore dei nostri fratelli, colui che li accusava davanti al nostro Dio giorno e notte... Grandi e mirabili sono le tue opere, o Signore Dio onnipotente; giuste e veraci le tue vie, o Re delle genti! Chi non temerà, o Signore, e non glorificherà il tuo nome? Poiché tu solo sei santo. Tutte le genti verranno e si prostreranno davanti a te, perché i tuoi giusti giudizi si sono manifestati" (Libro dell'Apocalisse 12,10, 15,34).

Tu sei l'Alfa e l'Omega, il Principio e la Fine, il Primo e l'Ultimo, l'Amen, il Testimone fedele e verace, il Principio della creazione di Dio, Colui che è, che era e che viene, l'Onnipotente! (Libro dell'Apocalisse 1,8; 3,14, 22,13).

La città è in preda al terrore. Gente che vaga battendosi il petto. Gente che sale e gente che scende. Molti corrono, ma non sanno perché corrono e dove vanno. Gente sconvolta e girovaga, senza meta. Alcuni dicono: "Dio ci ha maledetti. Pietà! Abbiamo ucciso il Cristo, abbiamo rinnegato Dio e i nostri Padri! Israele non sarà più il popolo eletto". Chi geme: "I sepolcri! I sepolcri! Mi è apparsa mia madre e mi ha maledetto!" (Vangelo di Matteo 27,5253). Si battono il petto con rimorso e hanno paura.

Gamaliele raggiunge le croci e dice, rivolto verso Gesù: "Il segno! II segno! Dimmi che mi perdoni! Un gemito, anche un gemito solo, per dirmi che mi senti e mi perdoni". Lo crede ancora vivo, ma un soldato si avvicina e gli dice "Taci. Non serve! Dovevi pensarci prima. è morto. E io, pagano, te lo dico: Costui, che voi avete crocifisso, era veramente il Figlio di Dio! Non ho mai visto cose simili" (Vangelo di Marco 2,12).

"Morto? Morto sei? Oh! ...". Gamaliele alza il volto terrorizzato, cerca di vedere bene nella luce crepuscolare. Capisce che Gesù è morto, perché il suo corpo pende inerte in avanti senza moto. Poi vede il gruppo pietoso delle donne che confortano Maria, e Giovanni ritto alla sinistra della croce che piange, e Longino ritto a destra, solenne nella sua rispettosa postura. Gamaliele si pone in ginocchio, tende le braccia e piange disperatamente: "Eri Tu! Eri Tu! Non possiamo più avere perdono. Abbiamo chiesto il tuo Sangue su noi. Ed Esso grida al Cielo e il Cielo ci maledice... Oh! Ma Tu eri la Misericordia!.., Il tuo Sangue su noi, per pietà. Aspergici con Esso! Perché solo il tuo Sangue può impetrarci perdono... Tu, Luce del mondo, pietà di me! Nelle tenebre che non ti hanno compreso fa' scendere un tuo raggio! Sono Gamaliele, il grande rabbi, il vecchio giudeo fedele a ciò che credeva giustizia ed invece era errore. Adesso sono un arido deserto. Perché non ti ho compreso quando venisti al Tempio fanciullo, molti anni fa? Perché ti ho disprezzato poiché venivi dalla Galilea? Sulle tue labbra c'era la Sapienza ed io non l'ho vista. Avevo occhi e non vedevo, avevo orecchi e non sentivo (Salmo 134,1617; Libro del profeta Geremia 5,21). Opera Tu il miracolo di far sorgere un fiore, che abbia il tuo Nome, in questo povero cuore di vecchio israelita pervicace. In questo mio povero pensiero, prigioniero delle formule, penetra Tu, Liberatore. Isaia lo dice: 'Pagò per i peccatori e prese su di Sé i peccati di molti' (Libro del profeta lsaia 53).

Gamaliele piange. Si alza. Guarda la croce, che si fa sempre più nitida nella luce che rischiara, e poi se ne va curvo, invecchiato, annichilito, sconvolto, pensoso.

E sul Calvario torna il silenzio appena rotto dal pianto di Maria. I due ladroni, esausti dalla paura, sono ancora vivi e non parlano più.

Tornano di corsa Nicodemo e Giuseppe, dicendo che hanno il permesso di Pilato e l'ordine di compiere il crurifragio sugli altri due condannati. Longino chiama i quattro boia, che sono ancora terrorizzati dall'accaduto, e ordina che i due ladroni siano finiti a colpi di mazza, prima sulle gambe e poi sul petto (Vangelo di Giovanni 19,32).

Giuseppe e Nicodemo pensano a togliere Gesù dalla croce con leve e tenaglie, mentre Giovanni tiene le scale. Schiodano prima il palmo destro. II braccio cade lungo il Corpo che ora pende semistaccato. Dicono a Giovanni di salire lui pure e di lasciare le scale alle donne.

E Giovanni, montato sulla scala dove prima era Nicodemo, si passa il braccio del Signore intorno al collo e lo tiene così, tutto abbandonato sulla spalla: sembra un bambino addormentato sul cuore della mamma.

Quando i piedi sono schiodati, Giovanni fatica non poco a tenere e sostenere il Corpo del suo Maestro fra lui e la croce. Ma schiodare il braccio destro è l'operazione più difficile. Nonostante ogni sforzo di Giovanni, il Corpo pende tutto in avanti e la testa del chiodo sprofonda nella carne. Finalmente il chiodo è afferrato dalla tenaglia ed estratto piano piano.

Giovanni tiene sempre Gesù per le ascelle, con la testa rovesciata sulla sua spalla, mentre Nicodemo e Giuseppe lo afferrano uno alle cosce, l'altro ai ginocchi, e cautamente scendono così dalle scale.

Maria si pone già ai piedi della croce, seduta con le spalle alla stessa, pronta a ricevere il suo Gesù nel grembo. Finalmente può toccare il suo 'Bambino'.

Giunti a terra vorrebbero adagiare il Corpo sul lenzuolo che hanno steso sui loro mantelli. Ma Maria lo vuole. Si è aperta il manto e sta con le ginocchia un po' aperte per fare cuna al suo Gesù. Glielo posano in grembo e sembra uno stanco e grande Bambino che dorma tutto raccolto sul seno materno.

Maria lo chiama con voce di strazio. Poi lo carezza, lo bacia e piange sulle ferite. Gli accarezza le guance, specie là dove è il livido della bastonata e il gonfiore (Vangelo di Luca 22,6364), bacia gli occhi infossati, la bocca rimasta lievemente socchiusa e storta a destra. Vorrebbe ravviargli i capelli, come gli ha ravviato la barba ingrommata di sangue, ma nel farlo incontra le spine. Si punge per levare la corona e non vuole farlo che Lei, con l'unica mano che ha libera. E, quando può levare questa torturante corona, si curva a medicare tutti gli sgraffi delle spine con i suoi baci. Con la mano tremante divide i capelli scomposti, li ravvia e piange, e parla piano piano, e asciuga con le dita le lacrime che cadono sulle povere carni gelide e sanguinose. Nell'asciugare dal sangue e dalle lacrime le membra sante del Figlio, incontra lo squarcio del costato. La piccola mano, coperta dal lino sottile, entra quasi tutta nell'ampia ferita. Maria si curva per vedere nella semiluce che si è formata, e vede. Vede il petto aperto e il cuore di suo Figlio. Urla e sembra che una spada le abbia aperto il cuore, poi si rovescia su Gesù morto e pare morta Lei pure.

La soccorrono, la confortano. Maria piange, gridando: "Dove ti metterò, che sia sicuro e degno di Te?". Giuseppe d'Arimatea la rassicura dicendo: "Confortati, o Donna! II mio sepolcro è nuovo e degno di un grande. Lo dono a Lui. Lì lo deporremo. E questo mio amico, Nicodemo, ha offerto il telo ed ha già portato gli aromi nel sepolcro. Ma, ti preghiamo, poiché la sera si avvicina, lasciaci fare, o Donna Santa! ...

è Parasceve e non si può più aspettare. Il tramonto è vicino".

Anche Giovanni e le altre donne supplicano Maria, e Lei si lascia levare dal grembo la sua Creatura e si alza, affannosa, bianca come il marmo, mentre avvolgono il corpo di Gesù nella Sindone.

Sollevano la Salma avvolta nel lenzuolo e si avviano giù per la via. Maria è sorretta dalla cognata Maria Cleofa di Alfeo e dalla Maddalena, seguita da Marta, Maria di Zebedeo e Susanna, che hanno raccolto i chiodi, le tenaglie, la corona, la spugna e la canna. Scendono tristemente verso il sepolcro, senza proferire parola.

 

IL CHIRURGO

dal volume di Pierre Barbet

"La Passione di Cristo secondo il chirurgo" Descrizione degli atroci dolori sofferti da Gesù durante la sua Passione, fatta da un dottore francese sulla base dei Vangeli e della Sindone

Io sono soprattutto un chirurgo; ho insegnato a lungo. Per tredici anni sono vissuto in compagnia di cadaveri; durante la mia carriera ho studiato a fondo l'anatomia. Posso dunque scrivere senza presunzione.

Gesù entrato in agonia nel Getsemani scrive l'evangelista Lucapregava più intensamente. E diede in un sudore "come gocce di sangue" che cadevano fino a terra.

Il solo evangelista che riporta il fatto è un medico, Luca. E lo fa con la precisione di un clinico.

Il sudar sangue, o ematoidrosi, è un fenomeno rarissimo. Si produce in condizioni eccezionali: a provocarlo ci vuole una spossatezza fisica, accompagnata da una scossa morale violenta causata da una profonda emozione, da una grande paura. Il terrore, lo spavento, l'angoscia terribile di sentirsi carico di tutti i peccati degli uomini devono aver schiacciato il Martire.

Tale tensione estrema produce la rottura delle finissime vene capillari che stanno sotto le ghiandole sudoripare, il sangue si mescola al sudore e si raccoglie sulla pelle; poi cola per tutto il corpo fino a terra.

Conosciamo la farsa del processo imbastito dal Sinedrio ebraico, l'invio di Gesù a Pilato e il ballottaggio fra il procuratore romano ed Erode. Pilato cede e ordina la flagellazione. I soldati spogliano Gesù e lo legano per i polsi a una colonna apposita, alta circa tre metri, che termina con un anello. La flagellazione si effettua con delle strisce di cuoio multiple su cui sono fissate due palline di piombo. Le tracce nella Sindone di Torino sono innumerevoli; la maggior parte delle sferzate è sulla spalla, sulla schiena, sulla regione lombare e anche sul petto.

I carnefici devono essere stati due, uno da ciascun lato, di ineguale corporatura. Colpiscono a staffilate la pelle, già alterata da milioni di microscopiche emorragie del sudor di sangue. La pelle si lacera e si spacca; il sangue zampilla.

A ogni colpo Gesù trasale in un soprassalto di dolore. Le forze gli vengono meno: un sudor freddo gli imperla la fronte, la testa gli gira in una vertigine di nausea, brividi gli corrono lungo la schiena. Se non fosse appeso, quasi, per i polsi, crollerebbe in una pozza di sangue.

Poi lo scherno della coronazione. Con lunghe spine, più dure di quelle dell'acacia, gli aguzzini intrecciano una specie di corona e glielo applicano sul capo. Le spine penetrano nel cuoio capelluto e lo fanno sanguinare (i chirurghi sanno quanto sanguina il cuoio capelluto). Dalla Sindone si rivela che un forte colpo di bastone, dato obliquamente, lasciò sulla guancia destra di Gesù una orribile piaga contusa; il naso è deformato da una frattura dell'ala cartilaginea.

Pilato, dopo aver mostrato quell'Uomo straziato alla folla inferocita, glielo consegna per la crocifissione. Caricano sulle spalle di Gesù il grosso legno della croce; pesa una cinquantina di chili, ma peserebbe di più se non toccasse il terreno con il palo verticale. Gesù cammina a piedi scalzi per le strade dal fondo irregolare, cosparso di ciottoli. I soldati lo tirano con le corde. Il percorso, fortunatamente, non e molto lungo: circa seicento metri. Gesù, a fatica, trascina un piede dopo l'altro; spesso cade sulle ginocchia. E la spalla di Gesù è coperta di piaghe. Quando Egli cade a terra, la trave gli sfugge e gli scortica il dorso.

Sul Calvario ha inizio la crocifissione. I carnefici, spogliano il Condannato; ma la sua tunica è incollata alle ferite e il toglierla è atroce. Avete mai staccato la garza di medicazione da una larga piaga contusa? Non avete sofferto voi stessi questa prova che richiede talvolta l'anestesia generale? Potete allora rendervi conto di che si tratta.

Ogni filo di stoffa aderisce al tessuto della carne viva: a levare la tunica, si lacerano le terminazioni nervose messe allo scoperto dalle piaghe. I carnefici danno uno strappo violento. Come mai quel dolore atroce non provoca uno svenimento?

Il sangue riprende a scorrere; Gesù viene disteso sul dorso. Le sue piaghe si incrostano di polvere e di ghiaietta. Lo distendono sulla croce, gli aguzzini prendono le misure. Un giro di succhiello nel legno per facilitare la penetrazione dei chiodi. Le spalle della Vittima hanno strisciato dolorosamente sul legno ruvido. Le punte taglienti della corona gli hanno lacerato il cranio. La sua povera testa è inclinata in avanti, poiché lo spessore della corona di spine le impedisce di appoggiarsi al legno. Ogni volta che il Martire solleva la testa, riprendono le fitte acutissime.

Il carnefice prende un chiodo (un lungo chiodo appuntito e quadrato), lo appoggia sul polso di Gesù, con un colpo netto di martello glielo pianta e lo ribatte saldamente sul legno: orribile supplizio! Gesù deve avere spaventosamente contratto il volto. Nello stesso istante il suo pollice, con un movimento violento si e posto in opposizione nel palmo della mano; il nervo mediano è stato leso. Si può immaginare ciò che Gesù deve aver provato: un dolore lancinante, acutissimo, che si è diffuso nelle dita, è passato, come una lingua di fuoco, nella spalla e gli ha folgorato il cervello. è il dolore più insopportabile che un uomo possa provare, quello dato dalla ferita dei grossi tronchi nervosi. Di solito provoca uno svenimento e fa perdere la conoscenza. In Gesù no. Almeno il nervo fosse stato tagliato netto!

Il sangue riprende a scorrere; Gesù viene disteso sul dorso. Le sue piaghe si incrostano di polvere e di ghiaietta. Lo distendono sulla croce, gli aguzzini prendono le misure. Un giro di succhiello nel legno per facilitare la penetrazione dei chiodi. Le spalle della Vittima hanno strisciato dolorosamente sul legno ruvido. Le punte taglienti della corona gli hanno lacerato il cranio. La sua povera testa è inclinata in avanti, poiché lo spessore della corona di spine le impedisce di appoggiarsi al legno. Ogni volta che il Martire solleva la testa, riprendono le fitte acutissime.

Il carnefice prende un chiodo (un lungo chiodo appuntito e quadrato), lo appoggia sul polso di Gesù, con un colpo netto di martello glielo pianta e lo ribatte saldamente sul legno: orribile supplizio! Gesù deve avere spaventosamente contratto il volto. Nello stesso istante il suo pollice, con un movimento violento si e posto in opposizione nel palmo della mano; il nervo mediano è stato leso. Si può immaginare ciò che Gesù deve aver provato: un dolore lancinante, acutissimo, che si è diffuso nelle dita, è passato, come una lingua di fuoco, nella spalla e gli ha folgorato il cervello. è il dolore più insopportabile che un uomo possa provare, quello dato dalla ferita dei grossi tronchi nervosi. Di solito provoca uno svenimento e fa perdere la conoscenza. In Gesù no. Almeno il nervo fosse stato tagliato netto!

Invece (lo si constata spesso sperimentalmente) il nervo è distrutto solo in parte: la lesione del tronco nervoso rimane in contatto col chiodo: quando il corpo sarà sospeso sulla croce, il nervo si tenderà fortemente come una corda di violino teso sul ponticello. A ogni scossa, a ogni movimento, vibrerà, risvegliando dolori strazianti. Un supplizio che durerà tre ore. Così fanno anche per l'altra mano.

Gli inchiodano i piedi, il sinistro sopra il destro, con un chiodo grosso e lungo il doppio di quello usato per le mani. Operazione ancora più difficile delle mani, perché i piedi scivolano per la scossa del martello.

Il boia e i suoi aiutanti impugnano le estremità della croce; sollevano Gesù, poi rapidamente la incastrano nella buca già preparata per sostenere il patibolo.

è mezzogiorno. Gesù ha sete. Non ha bevuto dalla sera precedente. I lineamenti sono tirati, il volto è una maschera di sangue. La bocca è semiaperta e il labbro inferiore comincia a pendere.

La gola, secca, gli brucia, ma Egli non può deglutire. Ha sete. Un soldato gli tende, sulla punta della canna, una spugna imbevuta di bevanda acidula, in uso tra i militari. Tutto ciò è una tortura atroce.

Uno strano fenomeno si produce sul corpo di Gesù.

I muscoli delle braccia si irrigidiscono in una contrazione che va accentuandosi: i muscoli delle spalle e delle braccia sono tesi e rilevati, le dita si incurvano. Si direbbe un

ferito colpito da tetano, in preda a quelle orribili crisi che non si possono descrivere. è ciò che i medici chiamano tetania, quando i crampi si generalizzano: i muscoli dell'addome si irrigidiscono in onde immobili; poi quelli intercostali, quelli del collo e quelli respiratori.

Il respiro si è fatto, a poco a poco, più corto. L'aria entra con un sibilo, ma non riesce più ad uscire. Gesù respira con l'apice dei polmoni. Ha sete di aria: come un asmatico in piena crisi, il suo volto pallido a poco a poco diventa rosso, poi trascolora nel violetto purpureo e infine nel cianotico.

Gesù, colpito da asfissia, soffoca. I polmoni, gonfi d'aria, nonpossonopiù svuotarsi. La fronte è imperlata di sudore, gli occhi escono fuori dall'orbita. Che dolori atroci devono aver martellato il suo cranio!

Ma cosa avviene? Lentamente con uno sforzo sovrumano, il Crocifisso ha preso un punto di appoggio sul chiodo dei piedi. Facendosi forza, a piccoli colpi, si tira su alleggerendo la trazione delle braccia. I muscoli del torace si distendono.

La respirazione diventa più ampia e profonda, i polmoni si svuotano e il viso riprende il pallore primitivo.

Perché questo sforzo? Perché Gesù vuole parlare: "Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno". Dopo un istante il corpo ricomincia ad afflosciarsi e l'asfissia riprende.

Sono state tramandate sette frasi, pronunciate dal Signore in croce: ogni volta che vuol parlare, dovrà sollevarsi tenendosi ritto sui chiodi dei piedi: inimmaginabile!

Sciami di mosche, grosse mosche verdi e blu, ronzano attorno al suo corpo; gli si accaniscono sul viso e sulle piaghe, ma Egli non può scacciarle. Dopo un po', il cielo si oscura, il sole si nasconde: d'un tratto la temperatura si abbassa.

Fra poco saranno le tre del pomeriggio. Gesù lotta sempre: di quando in quando si solleva per respirare. è l'asfissia periodica dell'infelice che viene strozzato. Una tortura che dura tre ore.

Tutti i suoi dolori, la sete, i crampi, l'asfissia, le vibrazioni dei nervi mediani, gli hanno strappato un lamento: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?".

Ai piedi della croce stava la Madre di Gesù. Potete immaginare quale strazio Ella provò? A Lei affida Giovanni.

Poi Gesù esclama: "Tutto è compiuto!".

Infine, con immensa rassegnazione, dice: "Padre, nelle tue mani raccomando il mio Spirito".

Emette un alto grido.

 

PIAGATO PER LE NOSTRE INIQUITA'

Gesù Cristo ora vive in paradiso e radiosa è la sua Umanità. Ma durante la Passione essa era simile a quella di un lebbroso, tanto era percossa ed umiliata. L'UomoDio che aveva in Sé la perfezione della bellezza fisica, perché Figlio di Dio e della Donna senza macchia, apparve allora un verme, l'obbrobrio degli uomini, il rifiuto della gente, come dice la Scrittura (Salmo 21, 7).

L'amore per il Padre e per le sue creature portò Gesù ad abbandonare il suo corpo a chi lo percuoteva, a chi lo schiaffeggiava e sputacchiava, a chi credeva fare opera meritoria strappandogli i capelli e la barba, trapassandogli la testa con le spine, slogandogli le membra, scoprendo le sue ossa, strappandogli le vesti e dando così alla sua purezza la più grande delle torture, configgendolo ad un legno e innalzandolo come agnello sgozzato sul palo della croce, in una tremenda agonia.

Accusato, condannato, ucciso, tradito, rinnegato, venduto. Abbandonato anche da Dio, perché su Lui erano i delitti di cui si era addossato. Reso più povero del viandante derubato dai briganti, perché non gli fu lasciata neppur la veste per coprire la sua nudità di Martire. Non risparmiato neppur oltre la morte dallo sfregio della ferita al cuore e dalle calunnie dei nemici. Sommerso sotto il fango di tutti i nostri peccati, precipitato sino in fondo al buio del dolore, senza più luce dal cielo che rispondesse al suo sguardo morente, né voce divina che rispondesse al suo estremo invocare. Isaia spiega la ragione di tanto dolore: "Egli si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori" (Libro del profeta lsaia 53,4).

I nostri dolori. Sì, Gesù li ha portati per noi! Per sollevarci dal peccato e dalle sue conseguenze. Sul Cristo era la lebbra dei nostri numerosi peccati, come una veste di penitenza, come un peso che curva e uccide: "Trafitto per i nostri delitti, schiacciato per le nostre iniquità... il Signore fece ricadere su di lui l'iniquità di noi tutti" (Libro del profeta lsaia 53.56).

Sarebbe bastato un volgere di occhi per incenerire accusatori, giudici e carnefici. Ma Gesù era venuto volontariamente per compiere il sacrificio e, come Agnello poiché Egli è l'Agnello di Dio e lo è in eterno si è lasciato condurre, per essere spogliato e ucciso e per fare della sua Morte la nostra Vita: "Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la sua bocca; era come agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori, e non aprì la sua bocca" (Libro del profeta lsaia 53,7).

II nostro Salvatore non è bianco nella veste e biondo nel capo, come dovrebbe essere. Non ha lo sguardo di zaffiro e il sorriso di un amico, come dovrebbe avere un Maestro buono. II suo vestito è rosso di sangue, è lacero, coperto di immondezze e di sputi (Libro del profeta lsaia 63,16; Libro dell'Apocalisse 19,1116). Il suo volto è tumefatto e stravolto, il suo sguardo velato dal sangue, dal sudore e dal pianto, e ci guarda attraverso occhi di dolore. Le sue mani sono inchiodate e non possono più benedire per salvare.

Gesù si lascia condannare e appendere, si lascia insultare e uccidere dai molti che non lo vogliono amare. Ma, ai pochi fedeli che lo onorano e lo seguono, Egli promette il beato paradiso e la vita eterna.

"Nessuno ha un amore più grande di questo dare la vita per i propri amici (Vangelo di Giovanni 15,1. Crocifisso del Concilio venerato nel duomo di Treni

 

LE PASSIONI DELL'UOMO GESù LE HA PROVATE

Uno dei grandi dolori di Gesù crocifisso fu quello di avere dovuto straziare Maria sua Madre, l'avere dovuto vederla piangere. è per questo che Egli non le nega nulla. Maria gli ha dato tutto. Gesù le dà tutto. Maria ha sofferto tutto il dolore. Gesù le dà tutta la gioia.

Quando pensiamo alla Vergine dovremmo meditare questa sua agonia, durata trentatré anni e culminata ai piedi della croce. Ella l'ha sofferta per noi.

Per noi le derisioni della folla che la giudicava Madre di un pazzo. Per noi i rimproveri dei parenti e delle persone influenti. Per noi la sua vìta nascosta neì segreti della contemplazione. Per noi il dolore di vivere lontana dal Figlio. Per noi il voto della sua verginità, per noi l'ubbidienza totale alla volontà di Dio. Per noi il sacrificio di lasciare la sua casetta e mescolarsi alle folle. Per noi il disagio di lasciare la sua piccola patria per ìl tumulto dì Gerusalemme. Per noì il dovere essere a contatto con un demonio come Giuda, che covava in cuore il tradimento. Per noi il dolore di sentire suo Figlio accusato di possessione diabolica, di tradimento e di eresia. Per noi lo strazio della croce e l'insulto dei crocifissori. Per noi la solitudine che precedette la risurrezione. Per noi gli anni trascorsi prima della sua assunzione al cielo. Tutto, tutto ha sofferto per noi. Noi non sappiamo quanto Gesù ha amato la Madre sua. Noi non riflettiamo come il cuore del Figlio di Maria e di Giuseppe fosse sensibile agli affetti. E crediamo che la sua tortura sia stata puramente fisica; al massimo vi aggiungiamo la tortura spirituale dell'abbandono finale del Padre (Vangelo di Marco 15, 34).

Gesù ha sofferto molto nel corpo e nello spirito, ma anche nel morale. Le passioni dell'uomo, GesùUomo le ha provate.

Ha sofferto di veder soffrire sua Madre, di doverla condurre, come agnella mansueta, al supplizio, di doverla straziare coi successivi addii: a Nazareth prima dell'evangelizzazione, al Cenacolo prima della passione, sul Calvario prima della morte, sul monte degli Ulivi prima dell'ascensione.

Gesù ha sofferto di vedersi schernito, odiato, calunniato, circuito da curiosità malsane che evolvevano in male. Ha sofferto di tutte le menzogne che ha dovuto udire o vedere agenti al suo fianco. Le menzogne dei farisei ipocriti, che lo chiamavano Maestro e gli facevano domande non per fede nella sua intelligenza ma per tendergli tranelli. Le menzogne dei beneficati da Lui e che gli si volsero in accusatori nel Sinedrio e nel Pretorio. La menzogna premeditata, lunga, sottile di Giuda, che l'ha venduto ed ha

continuato a fingersi discepolo, che l'ha indicato ai carnefici col bacio: segno dell'amore. Ha sofferto della menzogna di Pietro, preso per paura umana.

Quanta menzogna! Quanta menzogna tanto rivoltante per Gesù, che è la Verità! E quanta anche ora ve ne è nel mondo, così contraria a Lui, così contraria al bene!

Infine, Gesù ha sofferto pensando che davanti al valore infinito del suo Sacrificio, il Sacrificio di un Dio, troppo pochi si sarebbero salvati. Tutti coloro che nei secoli dei secoli della terra avrebbero preferito la morte alla vita eterna, rendendo vana la sua oblazione, Gesù li ha avuti presenti. E con questa cognizione è andato incontro alla morte.

 

ERA QUESTO CHE VOLEVA SATANA: PORTARE IL CRISTO ALLA DISPERAZIONE

Gesù è il Figlio del Dio Altissimo, ma è anche il Figlio dell'uomo. Colui che, pur essendo di natura divina, ha preso la nostra natura umana (Lettera ai Filippesi 2,68). Maria, la casta Madre di Gesù, ha portato il Figlio non solo per i nove mesi con cui ogni donna porta il frutto dell'uomo, ma per tutta la vita. I cuori dell'Uomo e della Donna erano uniti da spirituali fibre e hanno palpitato sempre insieme. Non c'era lacrima materna che cadesse senza rigare il cuore di Gesù, e non c'era interno lamento di Gesù che non aumentasse la sofferenza materna.

Se fa pena pensare alla madre di un figlio destinato alla morte per malattia, o alla madre di un innocente ucciso dalla cattiveria umana, pensiamo a Maria che, dal momento in cui ha concepito Gesù, ha tremato, sapendo che era il Condannato. Pensiamo a questa Madre che, quando ha dato il primo bacio sulle carni morbide e rosee del suo Neonato, ha sentito sulle labbra il sangue delle sue future piaghe; a questa Madre che avrebbe dato dieci, cento, mille volte la vita per impedire al Redentore di divenire Uomo e di giungere al momento dell'immolazione; a questa Madre che sapeva, e che doveva desiderare quell'ora

tremenda, per accettare la volontà del Signore e per il bene dell'umanità.

Non vi fu agonia più lunga per una donna, finita in un dolore più grande, di quella della Madre di Dio. E non vi è stato un dolore più grande e più completo per un uomo, di quello del Dio della Madre.

Gesù sentiva, come acqua che monta e preme contro una diga, crescere, ora per ora, il rigore del Padre verso di Lui. A testimonianza degli increduli, che non volevano comprendere chi era Gesù, il Padre aveva aperto per tre volte il Cielo: al fiume Giordano, sul monte Tabor e in Gerusalemme nella vigilia della passione (Vangelo di Matteo 3,17; 17,5; Vangelo di Giovanni 12,28). Ma l'aveva fatto per gli uomini, perché credessero, non per dare sollievo al Figlio. Costui ormai era l'Espiatore.

Gesù è il Redentore che ha sofferto e sa, per personale esperienza, cosa sia la pena d'esser guardato con severità dal Padre ed essere abbandonato da Lui. Più l'ora dell'espiazione si avvicinava e più sentiva allontanarsi il conforto celeste.

La separazione da Dio porta con sé tristezza, paura, attaccamento alla vita, stanchezza, malinconia, insoddisfazione, turbamento. Più la separazione è profonda e più sono forti queste conseguenze. Quando la separazione è totale porta la disperazione, e tanto più ne soffre chi non l'ha meritata.

Gesù ha dovuto conoscere tutto il dolore, per poter tutto perorare presso il Padre in nostro favore. Anche le nostre disperazioni Gesù le ha provate. Ha provato cosa significa dire: "Sono solo. Tutti mi hanno tradito, tutti mi hanno abbandonato. Anche il Padre non

m'aiuta più".

Nella sera del Giovedì santo solo Gesù sa quanto aveva bisogno di un conforto spirituale! Era già agonizzante per lo sforzo di aver dovuto superare i due più grandi dolori di un uomo: l'addio ad una Madre amatissima, la vicinanza dell'amico traditore. Erano due piaghe che bruciavano il cuore dell'UomoDio. Una col suo pianto, l'altro col suo odio.

Gesù era l'Espiatore, la Vittima, l'Agnello. L'agnello, prima d'esser immolato, conosce il marchio rovente, conosce le percosse, conosce lo spogliamento, conosce la vendita al beccaio. Solo alla fine conosce il gelo del coltello, che penetra nella gola e svena e uccide. Prima deve lasciare tutto: il pascolo dove è cresciuto, la madre al cui petto si è nutrito, i compagni con cui ha vissuto. Tutto. Gesù, Agnello di Dio, ha conosciuto tutto.

Allora, mentre il Padre si ritirava nei cieli, è venuto Satana. Glielo aveva promesso (Vangelo di Luca 4,13). Con la sua astuzia perfetta, Satana presentò al Salvatore le torture della carne con un verismo insuperabile. Anche nel deserto aveva cominciato dalla carne. Gesù vinse il demonio pregando, e lo spirito signoreggiò la paura del corpo.

Gli presentò allora l'inutilità del suo morire, l'utilità di vivere per Se stesso senza occuparsi degli uomini ingrati. Vivere ricco, felice, amato. Vivere per sua Madre e non farla soffrire. Vivere per portare a Dio, con un lungo apostolato, tanti uomini. Una volta morto Gesù, gli uomini si sarebbero dimenticati di Lui; mentre se fosse stato Maestro non per tre anni, ma per decenni, avrebbero finito ad immedesimarsi della sua dottrina. Ed anche il Padre lo avrebbe perdonato, vedendo l'abbondante messe dei credenti da Lui raccolta.

Satana presentò poi a Gesù l'abbandono di Dio.

II Padre non lo amava più, perché era carico dei peccati del mondo. Gli faceva ribrezzo. Lo abbandonava al ludibrio di una folla feroce e non gli concedeva neppure il suo divino conforto. Solo! In quell'ora non c'era che Satana presso il Cristo. Dio e gli uomini erano assenti, poiché non lo amavano o erano indifferenti.

Gesù pregava per coprire con la sua preghiera le parole sataniche. Ma la preghiera non saliva più a Dio. Ricadeva sul Cristo, come le pietre della lapidazione, e lo schiacciava sotto il suo peso. Invano la sua preghiera era lanciata contro i cieli chiusi.

Allora il Martire senti l'amaro del fondo del calice. II sapore della disperazione. Era questo, infatti, che voleva Satana: portare il Cristo a disperare, per fare di Lui un suo schiavo. Ma Gesù ha vinto la disperazione, e l'ha vinta con le sole sue forze, perché ha voluto vincerla. Con le sole sue forze di Uomo.

Sulla croce il Redentore sperimentò la sua ultima tentazione, la più forte e la più tremenda, perché quella finale. L'ultima occasione in mano di Satana per vincere il suo Nemico. Gesù ha sudato ancora sangue in quel momento, e questa volta senza conforto angelico (Vangelo di Luca 22,43). Ha sudato sangue per essere fedele alla volontà di Dio (Vangelo di Luca 22,44). Gesù ha vinto facendo la volontà del Padre, solamente quella. Non rispose più a colui che lo accusava, perché quando Satana diventa fortissimo l'unica cosa da fare è ignorarlo: silenzio e fedeltà.

Il diavolo allora se ne andò vinto, vinto anche dal Padre, ma deciso a tormentare fino alla fine dei secoli i figli del suo Figlio.

I nostri nomi! I nomi dei salvati dal sacrificio del Cristo! Tutti li ha avuti presenti Gesù nella lotta contro la disperazione. Ogni nome di persona buona fu per Lui come un farmaco nelle vene per ridargli speranza. Ognuno dei salvati dal suo Sangue fu per Lui vita che torna, luce che nasce, forza che aumenta, gioia che viene. Nelle inumane torture della crocifissione, per non urlare il suo dolore di Uomo e per non disperare di un Dio troppo severo verso la sua Vittima, Gesù si è ripetuto i nostri nomi. Egli ci ha visti nel futuro del suo eterno presente. Ci ha benedetti da allora e da allora ci ha portati nel cuore.

Benedetti i salvati dal suo Sangue! Conforto del Cristo morente! La Madre amatissima, il discepolo prediletto, le donne pietose e molti altri erano intorno al suo morire, ma noi pure c'eravamo. I suoi occhi morenti si sono chiusi così. Beati di chiudersi per averci salvati. Noi, che abbiamo meritato il Sacrificio di un Dio, dobbiamo essere perseveranti, vivere nel bene, fuggire dal male, tenerci stretti alla croce, santificandoci nella fede, nella speranza e nella carità.

 

SULLA CROCE GESù HA COMPLETATO LA SUA MISSIONE DI REDENTORE, MA ANCHE DI MAESTRO

Sulla croce Gesù ha completato la sua missione di Redentore, ma anche di Maestro.

Ci ha insegnato il perdono, con le parole: "Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno" (Vangelo di Luca 23,34), perdonando ai suoi uccisori e a chi lo offendeva come Dio e come morente.

Ci ha insegnato ad aver fede nella misericordia concessa a chi si pente, con le parole: "In verità ti dico, oggi sarai con me nel paradiso" (Vangelo di Luca 23,43), promettendo il paradiso a Disma (Vangelo di Luca 23,43).

Ci ha insegnato a chi andare per non sentirvi soli, a Maria che ci è Madre, con le parole: "Ecco la tua madre" (Vangelo di Giovanni 19,27).

Ci ha insegnato a chiedere umilmente ed a soffrire pazientemente, anche delle necessità corporali, con le parole: "Ho sete" (Vangelo di Giovanni 19,28), chiedendo un sorso per le sue labbra arse. Ci ha insegnato a non lamentarci se quel sorso è aceto e fiele. Aceto e fiele che è dato non soltanto alle labbra, ma spesso al cuore che chiede di amare e riceve ripulse e offese. II nostro Gesù, di questa amarissima mistura, ne ha avuto saturo il cuore.

Ci ha insegnato chi invocare nelle ore in cui il dolore si precipita su noi e ci pare che tutti, anche Dio, ci abbiano abbandonato, con le parole: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?" (Vangelo di Matteo 27,46).

Gesù era, per necessità di Redenzione, realmente abbandonato dal Padre, ma l'ha ugualmente invocato. Così dobbiamo fare anche noi nelle ore di prova e di dolore.

Se anche Dio ci pare lontano, chiamarlo lo stesso in soccorso. Dargli sempre filiale amore. Egli ci darà i suoi doni. Potranno non essere quelli che invochiamo. Saranno altri ancora più utili a noi. Dobbiamo fidarci dei Padre nostro. Egli ama e provvede (Libro della Genesi 22,14). Dio premia chi crede nella sua bontà.

Sulla croce Gesù ci ha insegnato il grande valore che ha l'anima, con le parole: "Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito" (Vangelo di Luca 23,46).

L'estrema sollecitudine del Morente va al suo spirito, prossimo a liberarsi dalla carne per tornare all'Origine da cui era venuto. Lo raccomanda al Padre.

Gesù ci ha insegnato che una sola cosa e preziosa nella vita e preziosa oltre la vita: lo spirito. Esso deve avere tutte le nostre cure durante l'esistenza e le nostre previdenze nell'ora della morte.

Valore immisurabile del nostro vivere di uomini è lo spirito, signore del nostro essere. Tutto quanto possediamo sulla terra è cosa che muore con la carne. Nulla ci segue nell'altra vita. Ma lo spirito resta e ci precede (Vangelo di Giovanni 6,63). Si presenta al Giudice e riceve la prima sentenza, poi riscuote la carne nell'ora dell'ultimo Giudizio e la fa di nuovo viva, beata con lo spirito o con esso maledetta. Secoli o attimi di morte conosce la carne avanti la sua risurrezione, ma lo spirito non conosce che una morte da quella non risorge. Di questa dobbiamo aver paura (Vangelo di Matteo 10,28; Libro dell'Apocalisse 20,14 15;21,8).

Affidiamo in vita e in morte il nostro spirito al Potente, al Santo, al Misericordioso Iddio. Allo spirito che si affida a Lui poco può nuocere Satana sulla terra allo spirito che nell'agonia invoca Dio sono risparmiati terrori che il Nemico suscita per ultima vendetta; allo spirito che spira in Dio gli viene aperto il cielo e da morte passa a vita eterna, santa, beata.

Sulla croce Gesù ci ha insegnato la gioia che viene dal compiere la volontà di Dio, con le parole: "Tutto è compiuto" (Vangelo di Giovanni 19,30).

Al dolore angoscioso di quella morte, subentrò in Gesù la gioia d'averci conquistato la Vita. Così avvienE anche per noi quando moriamo in grazia di Dio.

 

MAMMA!

Quando, nel Venerdì santo, Maria incontrò Gesù ad un crocevia che portava al Golgota, furono queste le parole che uscirono dalle loro labbra: "Mamma!", "Figlio!".

Intorno a loro stava la bestemmia, la ferocia, lo scherno, la curiosità, la vendetta. Perciò si intesero solo con lo sguardo, che è la parola dell'amore. Con gli occhi velati dal pianto, Madre e Figlio si guardarono, si amarono, si compresero, si compatirono, si aiutarono.

Gesù, che aveva già parlato alle donne, incitandole a piangere sui peccati del mondo (Vangelo di Luca 23,2731), piange senza parlare quando incontra Colei che è senza peccato. La guarda attraverso il sudore, il pianto, la polvere, il sangue che fanno velo ai suoi occhi e vorrebbe abbracciarla. In quell'ora di passione, infatti, più del velo della Veronica o di ogni altro soccorso, sarebbe stato di sollievo a Gesù il bacio della sua Mamma. Ma anche questa tortura ci voleva per redimere le colpe umane più nascoste.

Maria avrebbe voluto piegare il cielo in soccorso del suo Gesù, alleviandogli non il supplizio poiché questa doveva esser compiuto per decreto eterno ma almeno la durata di esso. Ma non poteva. Era l'ora della Giustizia.

I loro sguardi si incontrarono, si allacciarono e poi si divisero lacerando i cuori, sotto la calca della folla che spingeva verso l'altare del sacrificio. Fu questo, per Maria, il dolore più grande: non poter abbracciare, consolare, ristorare, medicare il suo Gesù.

Dal momento della sua Immacolata Concezione e per tutta la sua vita, la Vergine ha tenuto il capo di Satana sotto il suo calcagno (Libro della Genesi 3,15). Ma non avendo questi potuto corrompere con il suo veleno il corpo e l'anima della Vergine, ha schizzato tale veleno sul suo cuore di Madre, addolorandolo senza misura. Anche adesso che Maria è nella beatitudine del paradiso, le offese che facciamo a suo Figlio salgono come frecce a ferire il suo cuore di Madre, riaprendo le ferite del Venerdì santo.

Dall'alto della croce erano scese lente le ultime parole del Cristo. Maria le aveva tutte raccolte, poiché anche un solo sospiro del Crocifisso era aspirato dalla sua sensibilità materna.

"Donna, ecco tuo figlio!" (Vangelo di Giovanni 19,26). Maria ci dà la vita dello spirito attraverso il suo dolore, poiché se Lei era immune dalla condanna della sofferenza del parto e della morte (Libro della Genesi 3,16), per cui non soffrì nel dare alla luce Gesù e non soffrì nell'esalare l'ultimo respiro, il suo cuore si spezzò per darci la vita dell'anima. Noi nasciamo alla grazia attraverso il varco aperto dal suo dolore di Madre. Per questo è proclamata Madre dell'umanità.

La parola più ripetuta da Gesù, in quel crudele pomeriggio d'aprile, era questa: "Mamma!". Quel nome, mano a mano che l'asfissia della morte cresceva, era sempre più spesso invocato dal Crocifisso. Egli ormai aveva tutto detto e tutto compiuto. Aveva affidato l'anima al Padre, anche se il Padre chiamato non si mostrava ma anzi si ritirava in un silenzio da far paura agli angeli. E allora chi avrebbe dovuto chiamare in quel momento terribile, se non Maria? Chi più di Lei poteva sentirlo in quello sgomento? Chi più di Lei lo amava?

Gesù chiamò la Madre con urlo di lacerante dolore che trafisse i cieli. II "grande grido", di cui parlano gli evangelisti (Vangelo dì Matteo 27,50; Vangelo dì Marco 15,37), fu questa parola. I Vangeli non lo dicono, ma lo dice lo Spirito che illumina i Vangeli. Maria raccolse quel grido e portò in sé quel lamento come una spada di fuoco sino al mattino pasquale, quando Gesù entrò sfolgorante più del sole nella stanza dove Lei pregava. Il sepolcro le aveva portato via l'UomoDio, ma le restituiva il DioUomo: perfetto nella sua virile Maestà e giubilante per la prova compiuta. In quel momento di paradiso, fu ancora questa la prima parola: "Mamma!". Un richiamo non più di dolore come sulla croce, ma di gioia incontenibile, di cui Gesù faceva partecipe Maria stringendola al suo Cuore divino.

La Madre, che per prima ha portato la pesante croce con Gesù, per prima ha contemplato la gloria della risurrezione del Figlio che le apparve al primo raggio di sole nel giorno dopo il sabato. Anche in questo caso i Vangeli non lo dicono, ma lo dice lo Spirito che illumina i Vangeli.

 

LA FERITA ALLE MANI

Le ferite dei chiodi alle mani sono state inflitte così. Il pensiero dei carnefici era di appendere Gesù per i polsi, per rendere più sicura la sospensione. E infatti, dopo averlo disteso sulla croce, gli trapassarono la mano sinistra in questo punto.

Ma, dato che il costruttore del patibolo aveva segnato il buco di destra più lontano del punto dove il polso di Gesù poteva arrivare si usava segnare i posti dei chiodi per rendere più facile l'entrata del ferro nel duro legno e più sicura la sospensione dopo avergli stirato, con una corda, il braccio destro sino a produrre lo strappamento dei tendini, si decisero a configgere il chiodo al centro del palmo, fra osso e osso del metacarpo.

Nella Sindone ciò non si rileva perché la mano sinistra copre la destra.

Una volta alzata la croce, quando il peso del Corpo si spostò verso il basso e in avanti, il chiodo lacerò molto verso il pollice, allargando il foro più che non nella mano sinistra dove il polso resistette meglio alla trazione. Questa della mano destra fu la ferita più tormentosa, la più vasta patita da vivo, perché il chiodo, nell'entrare, spezzò i nervi e i tendini della mano, dando spasimo atroce che si propagò sino alla testa e al cuore del Crocifisso.

I pittori e gli scultori, che per senso d'arte dipinsero o scolpirono la scena della crocifissione con la mano sinistra semi aperta e la destra serrata a pugno, hanno testimoniato senza volere una verità fisica dei corpo di Gesù martirizzato, perché la mano destra realmente si serrò a pugno per la troncatura dei nervi e sempre più si chiuse, perché sempre più lo spasimo e la contrattura delle fibre nervose aumentò col passare delle ore.

 

SOFFERENZE FISICHE, SPIRITUALI E MORALI

Noi non sappiamo quanto è costato a Gesù essere Salvatore e per Maria essere al fianco dei suo Figlio. Non sappiamo con che eroismo, con che generosità, con che mitezza, Gesù e Maria hanno subìto le loro torture per la carità di salvarci.

La missione di redentori è una missione austera. La più austera di tutte. Quella rispetto alla quale la vita del monaco o della monaca della più severa regola è un

fiore rispetto ad un mucchio di spine.

Le sofferenze della Passione sono servite a riparare le nostre innumerevoli colpe. Niente nel corpo del Signore fu escluso dai patimenti, perché niente nell'uomo è esente da colpa. Gesù è venuto per annullare gli effetti del peccato col suo Sangue, lavando in esso le nostre anime e renderci solidi contro il male.

Le mani di Gesù sono state ferite e imprigionate, dopo essersi stancate di benedire e di portare la Croce, per riparare a tutti i delitti fatti dalle nostre mani di uomini. Da quelli veri e propri di reggere e manovrare un'arma contro un fratello, facendo di noi dei Caini, a quelli di rubare, di scrivere false accuse, di offendere, di fare atti contro il nostro corpo, o di oziare in cose che sono terreno propizio al sorgere dei vizi. Per le nostre illecite libertà delle mani, Gesù ha fatto crocifiggere le sue inchiodandole al legno e privandole d'ogni moto più che lecito e necessario.

I piedi del nostro Salvatore, dopo essersi affaticati e contusi sulle pietre del suo cammino di passione, sono stati trafitti, immobilizzati, per riparare a tutto il male che noi facciamo coi piedi, usandoli per andare in luoghi non benedetti dal Signore.

Col suo sangue Gesù ha segnato le vie, le piazze, le case, le scale di Gerusalemme, per purificare tutte le vie, le piazze, le scale, le case della terra da tutto il male che vi è dentro, contrario alla legge di Dio.

Le carni del Signore si sono maculate, contuse, lacerate per punire in Lui tutto il culto esagerato che noi diamo al corpo, l'idolatria di amare cose e persone più di quanto dobbiamo amare Dio.

Sopra ogni amore ed ogni vincolo della terra ci deve essere l'amore per il Signore. Nessun altro affetto deve essere superiore a questo. Amiamo i nostri cari in Dio, non sopra a Dio. Amiamo con tutto noi stessi Dio, come il comandamento insegna (Libro del Deuteronomio 6,5; Vangelo di Matteo 22,37). Ciò non assorbirà il nostro amore al punto da renderci indifferenti ai congiunti, ma anzi alimenterà il nostro amore per loro della perfezione attinta da Dio, poiché chi ama Dio ha Dio in sé e, avendo Dio, ha la

perfezione dell'amore.

Gesù ha fatto delle sue carni una piaga per levare alle nostre il veleno del senso, del non pudore, del non rispetto, dell'ambizione e ammirazione per ciò che è destinato a tornare polvere. Non è col culto al corpo che si porta il corpo alla bellezza, bensì è con l'amore verso lo spirito immortale che si dà al corpo la bellezza eterna del cielo.

La testa del Signore fu afflitta da mille torture: percosse, sole, urla, spine, per riparare alle colpe della nostra mente. Superbia, impazienza, insopportabilità, insofferenza, pensieri cattivi, pullulano come un fungaio nel nostro cervello. Gesù ha fatto di esso un organo torturato e decorato di sangue, per riparare a tutto ciò che di cattivo sgorga dal nostro pensiero.

Anche se era Re, l'unica corona che Gesù ha voluto fu quella delle spine. La corona che solo un pazzo o un suppliziato può portare. Gesù era giudicato pazzo, e pazzo, soprannaturalmente, divinamente pazzo, era, avendo voluto morire per noi che non lo amiamo o lo amiamo così poco. Egli era in balia dell'uomo: suo prigioniero, suo condannato. Gesù, Dio, condannato dall'uomo!

Quante impazienze noi abbiamo per delle inezie, quante insoffribilità per dei semplici malesseri! Ma guardiamo il nostro Salvatore! Meditiamo cosa doveva essere di straziante quel pungere continuo della corona in nuovi posti, quell'impigliarsi nelle ciocche dei capelli, quello spostarsi continuo senza dar modo di muovere il capo, di appoggiarlo in nessun modo che non desse tormento! Ma pensiamo cosa erano per la sua testa torturata, dolente, febbrile, le urla della folla, le percosse sul capo, il sole cocente! Ma riflettiamo quale dolore doveva avere nel suo povero cervello, andato all'agonia del Venerdì già tutto un dolore per lo sforzo subìto nella sera del Giovedì, al quale saliva la febbre di tutto il corpo straziato e delle intossicazioni provocate dalle torture!

E nel capo gli occhi, il naso, la bocca, la lingua ebbero il loro tormento, per riparare ai nostri sguardi così amanti di vedere ciò che è male e così dimentichi di cercare Dio, per riparare alle troppe e troppo inutili e cattive parole che diciamo invece di usare le labbra per insegnare, per pregare, per confortare; per riparare alle nostre golosità, senza pietà di chi ha fame e sprecando ciò che per molti è necessario.

Gli organi del Signore non furono esenti dal soffrire. Non uno di essi. Soffocazioni e tosse per i polmoni contusi dalla barbara flagellazione e resi edematici dalla posizione sulla croce. Affanno e dolore al cuore spostato e reso infermo dalla crudele flagellazione, dal dolore morale che l'aveva preceduta, dalla fatica della salita sotto il grave peso del legno, dall'anemia consecutiva a tutto il sangue che già aveva sparso.

Cuore, fegato, milza, reni sopraffaticati e percossi oltremisura.

E poi la sete! Quale tortura la sete! Eppure non ci fu uno, fra tanti, che in quelle ore seppe dare al Maestro una goccia d'acqua. Dalla cena del Giovedì in poi, Egli non ebbe più nessun conforto. Febbre, sole, calore, polvere, dissanguamento, sudore, gli causarono una sete fortissima. Ma Gesù non volle addolcimenti al suo patire e respinse il vino mirrato che produce intontimento al dolore (Vangelo di Marco 15,23). Solo sulla croce chiese da bere per dare compimento alle Scritture.

Questo il soffrire di Gesù nel suo corpo innocente. E non parliamo delle torture dell'affetto per sua Madre e per il suo dolore! Ci voleva anche questo, ma per Gesù è stato lo strazio più crudele. La presenza della Mamma, infatti, se è stata la cosa più desiderata dal suo Cuore divino che aveva bisogno di avere quel conforto nella solitudine infinita che lo circondava infinita solitudine veniente da Dio e dagli uomini fu tortura per il Figlio.

Maria doveva esser là, angelo di carne, per impedire alla disperazione di assalire il Figlio dell'uomo, come l'angelo spirituale l'aveva impedito nel Getsemani (Vangelo di Luca 22,43). Maria doveva esser là per unire il dolore di Gesù al suo, per la nostra redenzione. Maria doveva esser là per ricevere l'investitura di Madre del genere umano. Ma, vederla morire ad ogni suo fremito, fu per Gesù il più grande dolore. Neppure il tradimento, neppure la cognizione che il suo Sacrificio sarebbe stato inutile per molti questi due dolori che poche ore prima gli erano parsi tanto grandi da farlo sudare sangue erano paragonabili a questo di veder soffrire sua Madre e di vederla piangere.