PREGHIERE6 RIPARAZIONI NEL DIVIN VOLERE

 “Il mio Amore uscito non lo ritirerò;  continuerà ad andare ramingo; il suo singhiozzo durerà ancora, fino a tanto che trovi anime che prendano questo mio Amore fino all’ultimo centesimo, affinché cessi il mio pianto e possa ricevere la gloria della dote dell’amore
che ho messo fuori a bene delle creature.

… Le anime che vivranno nel mio Volere…  loro prenderanno tutto l’amore respinto dalle altre generazioni, con la potenza della mia Volontà Creatrice lo moltiplicheranno quanto vogliono per quante creature Me lo hanno respinto, ed allora cesserà il mio singhiozzo, ed in ricambio sottentrerà il singulto della gioia, e l’Amore appagato darà alle fortunate tutti i beni  e la felicità che gli altri non hanno voluto” (Cfr. Vol. 14 - 4.2.1922)

 

Sento i gemiti dello Spirito Santo nei Sacramenti

“Figlia mia, le Tre Divine Persone siamo inseparabili e distinte, così vogliamo manifestare alle umane generazioni le Nostre Opere verso di loro, ché, mentre siamo uniti tra Noi, Ognuno di Noi vuole manifestare distintamente il Suo Amore e la Sua Opera verso le creature”. (Cfr. Vol. 17 - 17.5.1925)

 

Il mio Ti amo nel tuo Volere è per Te, Maestà Suprema!

Voi, Divine Tre Persone, siete sempre unite nell’operare, pur se le creature dicon che la Creazione si addice a Te, Padre mio, e la Redenzione a Te, Figlio Dio, mio Salvatore;  ed io so che il Fiat Voluntas Tua si addirà a Te, o Spirito Santo Amore, e so che proprio nel Fiat Voluntas Tua, Tu, Spirito Paraclito, farai sfoggio della tua Opera divina. 

Ed ecco che allora io vengo, o Maestà Suprema, a fondermi nell’ordine della Grazia, per ricambiare in amore tutto ciò che Tu, Spirito Santificatore, fai ai santificandi;  vengo a darti la gloria ed il ricambio dell’amore, come se tutti si fossero fatti santi;  vengo a ripararti tutte le opposizioni e le incorrispondenze alla Grazia. 

Nella Volontà Divina io cerco tutti gli atti della Grazia, o Spirito Santificatore, per far mio il tuo dolore, i tuoi gemiti segreti e tutti i tuoi angosciosi sospiri nel fondo dei cuori quando, scendendo nelle anime per portare la tua Volontà come atto completo della loro santificazione, ne sei respinto e malamente accolto.  Nella mia piccolezza ecco allora che io vengo ad implorarti:  “Spirito Santificatore, fa’ presto, Ti supplico, Ti riprego:  fa’ conoscere a tutte le creature la tua Volontà, affinché, conoscendola, L’amino ed accolgano il tuo primo atto della loro santificazione completa, qual è la Santa tua Volontà!” (Cfr. Vol. 17 - 17.5.1925)

 

Fondendomi, mio dolce Gesù, nel Santo tuo Voler Divino, vengo a ricambiarti col mio piccolo amore di tutto ciò che hai fatto nella Redenzione e, volando nella tua Volontà, scendo nel fondo di ogni Sacramento che per noi Tu hai istituito, per darti, in ognuno, il mio piccolo ricambio di amore.  Ma, quante tue lacrime segrete vi trovo e quanti sospiri amari e gemiti soffocati dello Spirito Santo per le tante disillusioni dell’Amore Divino!  Amor mio, Gesù, nei tuoi Sacramenti Tu vuoi continuare la tua Vita in mezzo ai figli tuoi, qui sulla terra, ma ahimè, quanti dolori Ti riservan le creature in ciascun Sacramento!  Ed io, nel tuo Volere, mi associo ai dolori tuoi per darti il mio piccolo ricambio d’amore per tutto ciò che Tu hai fatto e soffri per noi.  Perciò, vengo a consolare il gemito grande del tuo Amore Divino in ogni tuo Sacramento!   Vengo a mettere il mio grazie e Ti benedico, lì dove ogni neonato viene battezzato e col Battesimo Tu gli restituisci l’innocenza ritrovando il figlio tuo e restituendogli i diritti perduti sulla Creazione;  metto il mio grazie e Ti benedico sul tuo sorriso d’amore mentre gli metti in fuga il nemico affinché non abbia più diritto su di lui e lo affidi agli Angeli mentre tutto il Cielo gli fa festa.  Ma subito devo mettere il mio dolore e perdono sul grande tuo dolore nel vedere in quel battezzato un tuo prossimo nemico, un novello Adamo e, forse, pure un’anima perduta!  Ed anche metto il mio gemito amoroso a far compagnia ai gemiti dolenti del tuo Amore che vede troppe volte che anche il ministro stesso del Sacramento nel battezzare non lo fa col dovuto rispetto, dignità e decoro che si conviene al Sacramento che contiene la nuova rigenerazione, e si sta più attenti ad una bagatella o ad una scena qualsiasi che ad amministrare un Sacramento divino!  Io metto allora su ogni Battesimo il mio dolore, perdono e Ti amo, per consolarti e darti il mio ricambio d’amore.

Continuando, o mio dolce Gesù, a girare nella tua Volontà per tenerle compagnia negli atti della Grazia, passo al Sacramento della Cresima dove vedo che Tu, con questo Sacramento, ridoni il coraggio alla tua creatura e le restituisci le forze perdute per renderla invincibile a tutti i nemici ed alle sue stesse passioni, e la metti tra le tue milizie affinché militi per l’acquisto della Patria Celeste.  Su ogni atto di questo Sacramento metto il mio grazie e Ti benedico!, o Spirito Paraclito, mentre Ti vedo ridonare alla tua creatura il tuo bacio amoroso e le prodighi mille carezze esibendoti compagno della sua carriera.  Ma, il mio dolore e perdono scorre subito sui tanti tuoi sospiri amari, o grande Consolatore, quando, in cambio, molte volte Ti senti restituire il bacio del traditore e disprezzare le tue carezze, mentre l’anima fugge dalla tua compagnia!  E quanti tuoi gemiti e quanta attesa per il ritorno della tua creatura, e quante tue voci segrete al cuore a chi fugge da Te!  Ma tutto invano!  Io vengo allora a tenerti compagnia, o Spirito Santo Amore, e metto il mio bacio, il mio ricambio di Ti amo su ogni tuo gemito, e piango insieme a Te per tanta sconoscenza!

E senza fermarmi continuo il mio volo nel Divino Volere per accompagnarti nei tuoi atti, nel Sacramento della Penitenza.  Ma, pur qui, quanta ingratitudine verso di Te, io trovo!  Quanti abusi e profanazioni da parte di chi amministra il Sacramento e da parte di chi lo riceve!  Ed allora, in questo Sacramento io metto il mio bacio su ogni goccia di quel Sangue Divino che si mette in atto sopra il peccatore pentito per scendere sulla sua anima e lavarlo ed abbellirlo e sanarlo e fortificarlo e restituirgli la grazia perduta;  metto il mio grazie sulla tua mano che pone nelle mani del penitente le chiavi del Cielo che il peccato gli aveva strappato;  ricambio col mio bacio ogni bacio pacifico del tuo perdono che Tu metti sulla fronte dell’anima pentita.  Ma, ahi, quanti tuoi gemiti strazianti sento sfuggirti, o Divin Spirito, quando vedi avvicinarsi le anime a questo Sacramento del tuo Amore senza alcun dolore o, forse per abitudine o come per uno sfogo del cuore umano!  Voglio consolarti per il grande tuo dolore nel vedere che la creatura molte volte invece di venire a trovare la vita dell’anima ed arricchirsi di Grazia, viene a trovare la morte o a sfogare le proprie passioni, riducendo il Sacramento ad una burla o ad una chiacchierata, ed il Sangue Divino invece di scender nell’anima come sacro lavacro, scende come fuoco che maggiormente isterilisce!  Spirito Santo Amore, in quante Confessioni ti sento piangere mentre ripeti:  ‘Ingratitudine umana, quanto sei grande!  Dovunque cerchi d’offendermi e, mentre ti offro la Vita, tu ricambi in morte la stessa Vita ch’io offro!’   Mi unisco alla tua pena e piango con Te in ogni Sacramentale Confessione, ed a nome di ogni penitente vengo io a prendere su di me ogni goccia di quel Sangue Divino;  vengo a darti il mio Grazie!, vengo ad accogliere riconoscente ogni tua grazia divina ed a mettere il mio piccolo ricambio d’amore sul tuo Amore penante!

Ed il mio amore, gareggiando col tuo Amore, non si arresta, o Spirito Santo Amore.  Percorro tutti i tabernacoli del mondo per venire a consolare il tuo inenarrabile dolore che geme in ciascuna Ostia sacramentale.  Col Sacramento dell’Eucaristia, mio dolce Gesù, le anime non ricevono la sola vita loro, ma è la stessa tua Vita che si dà a loro per formare la tua Vita in esse;  ed in ogni Comunione vuoi far crescere e sviluppare questa tua Vita in loro così che ogni creatura possa dirti:  ‘Io sono un altro Te, Cristo Gesù!’  Eppure, quanto pochi ne profittano!  Ed io metto il mio pianto nel tuo pianto quando, rompendo i veli dell’Ostia che Ti coprono, Ti trovo bagnato di pianto perché Tu conosci bene la sorte che Ti aspetta nello scendere nei cuori delle creature!  Voglio allora farti scudo con la mia vita quando la creatura, ripetendoti la tragedia della tua Passione, Ti fa trovare le armi per ferirti!  Voglio lenirti ogni ferita e consolare anche il tuo gran dolore di quando la creatura, appena consumate le specie sacramentali, invece di pressarti a restare con lei, Ti costringe ad uscire bagnato di lacrime.  Mio dolce Gesù, voglio quietare il tuo pianto ed il pianto del Santo Spirito, baciando ed asciugando ogni vostra lacrima e nascondendole nei miei Vi amo, Vi benedico e Vi ringrazio;  mi rendo presente in ogni vostro gemito segreto per tenervi compagnia e consolarvi, dandovi in ogni Ostia consacrata il mio continuo ricambio d’amore per rendere meno doloroso il vostro penare.

E scendo insieme a Te, mio amato Gesù, nel Sacramento dell’Ordine, per consolare anche qui il tuo Amore Divino;  ma è proprio qui che vi trovo i tuoi più intimi dolori nascosti, le tue lacrime più amare ed i tuoi gemiti più strazianti.  Ti adoro, o Volontà Divina, in questo Sacramento dell’Ordine, col quale costituisci l’uomo d’una altezza suprema, d’un carattere divino, il ripetitore della tua Vita, l’amministratore dei Sacramenti, il rivelatore dei tuoi segreti, del tuo Vangelo, della Scienza più sacra, il paciere tra il Cielo e la terra, il portatore di Gesù alle anime, eppure, ahimè, quanto ne sei malamente ricambiata!  Voglio consolare la tua Maestà Suprema per quante volte vede nell’ordinato un Giuda, un usurpatore del carattere che gli viene impresso.  Oh, Spirito Santo, quanto gemi nel vedere nell’ordinato strapparti le cose tue più sacre, il carattere più grande che esiste fra Cielo e terra!  Io vengo allora a mettere il mio dolore e perdono! su ogni profanazione che l’ordinato fa del Sacramento dell’Ordine non vivendo secondo il carattere che gli è impresso;  vengo a consolare il tuo grido di dolore, il tuo pianto amaro, il tuo gemito straziante.  L’Ordine è il Sacramento che racchiude tutti gli altri Sacramenti insieme e, se l’ordinato sa conservare in sé integro il carattere ricevuto, mette quasi in salvo gli altri Sacramenti divenendo lui il tuo stesso difensore e salvatore;  ma quando Tu, mio amato Gesù, nell’ordinato non vedi questo, il tuo dolore si accentra di più ed i tuoi gemiti sono più continui e dolenti.  O Spirito Consolatore, io faccio scorrere il mio ricambio d’amore, il mio Ti amo!, in ogni atto sacerdotale, per fare compagnia al tuo Amore gemente e consolarti.

Ed ora presto l’orecchio del mio cuore per ascoltare i profondi gemiti divini nel Sacramento del Matrimonio, perché:  quanti disordini in esso!  Adoro, o mio Gesù, il decreto divino che eleva il Matrimonio a Sacramento per mettervi in esso un vincolo sacro, il simbolo della Sacrosanta Trinità, mettervi l’Amore Divino che Essa racchiude, così che l’amore che doveva regnare nel padre, madre e figli, la concordia, la pace, dovevano simboleggiare la tua Famiglia Celeste, perché volevi avere sulla terra tante altre famiglie simili alla tua Famiglia Divina, o Creatore nostro Padre!  Adoro e benedico il tuo disegno che vuole tante famiglie destinate a popolare la terra come altrettanti angeli terrestri, da ricondurre a popolare le Regioni Celesti!  Ma, anche in questo Sacramento, quanti tuoi gemiti divini io odo, per tante famiglie di peccato, che simboleggiano l’inferno con la discordia, col disamore, con l’odio, che popolano la terra come tanti angeli ribelli, che serviranno forse a popolare l’inferno!  Spirito Santo Amore, non voglio più farti gemere con gemiti strazianti in questo Sacramento:  vengo a mettere il mio ricambio d’amore in ogni Matrimonio, vengo a mettere il mio Ti amo in ogni cuoricino di creatura che viene alla luce.

E il mio ricambio d’amore ed il mio Ti benedico, giunge, o Padre Creatore, fin sul letto del morente, quando viene amministrato il Sacramento dell’Estrema Unzione col quale Tu a qualunque costo vuoi mettere in salvo il peccatore morente e confermare la santità ai buoni e ai santi e mettere l’ultimo vincolo tra Te e la creatura, imprimendo in ogni anima redenta il suggello del Cielo, per purificarla ed abbellirla, dandole l’ultima pennellata per disporla a partire dalla terra e farla comparire innanzi a Te, Padre Divino.  Ti amo, o Spirito Santo Amore, in questo Sacramento col quale Tu fai l’ultimo sfoggio del tuo Amor Divino dando all’anima l’ultima rivestitura ed assettando tutte le sue opere buone.  Metto il mio Ti ringrazio e Ti benedico su questa Unzione Sacra con la quale Tu agisci in modo sorprendente per chi è vivo alla tua Grazia, coprendo l’anima come da celeste rugiada che le smorza, come d’un sol fiato, le passioni ed ogni attacco alla terra ed a tutto ciò che non appartiene al Cielo.  Ma, pur qui, quanti tuoi gemiti io sento e quante tue lacrime amare per tante indisposizioni e trascuratezze e tante perdite di anime, per tanta poca santità da confermare ed opere buone da riordinare e rassettare!  Per consolare questo dolore divino, io vengo sul letto di ogni morente per far sentire a tutti i vostri gemiti ed il vostro pianto nell’atto di amministrare il Santo Sacramento dell’Unzione Estrema;  a tutti voglio dare le vostre lacrime, perché tutti, piangendo col vostro stesso dolore divino, si dispongano a ricevere nel modo dovuto il dono di questo Sacramento.  E vengo quindi a mettere il mio Ti ringrazio e Ti amo in ogni volta che il Sacramento è amministrato;  su questo Sacramento che è l’ultimo sfoggio del vostro Divino Amore verso la sua creatura! 

Nella tua Volontà Divina, o Maestà Suprema, io vengo a farti visita in ogni tuo Sacramento - perché in tutti Tu mi aspetti! -, vengo a dare ad ogni tuo gemito e sospiro, per ogni mio fratello, il mio piccolo ricambio d’amore e la mia compagnia. (Cfr. Vol. 18 - 5.11.1925)

 

 “La mia Umanità sulla terra non faceva altro che concatenare ogni pensiero di creatura coi miei;  sicché ogni pensiero di creatura si ripercuoteva nella mia mente, ogni parola nella mia voce, ogni palpito nel mio Cuore, ogni azione nelle mie mani, ogni passo nei miei piedi,  e così di tutto il resto;  con ciò davo al Padre riparazioni divine.

Ora, tutto ciò che feci in terra, lo continuo nel Cielo; e come le creature pensano, i loro pensieri si riversano nella mia Mente; come guardano, sento i loro sguardi nei miei.  Sicché passa tra loro e Me come elettricità continua, come le membra sono in continua comunicazione col capo;  e dico al Padre: ‘Padre mio, non sono solo Io che Ti prego, che riparo, che soddisfo, che Ti placo, ma ci sono altre creature che fanno in Me ciò che faccio, anzi suppliscono col loro patire alla mia Umanità, che, gloriosa, è incapace di patire’. 

L’anima col fondersi in Me ripete ciò che feci e continuo a fare.

La tua vita in terra sia tutta fusa nella mia;  non fare atto che non lo farai passare in Me”.   (Gesù a Luisa Piccarreta - cfr. Vol. 12 - 18.3.1917)

 

Voglio Soddisfarti per tutti

Dilettissimo mio Gesù, entro nel tuo Volere Divino per offrirti il mio cuore a tua soddisfazione ed in tua eterna lode, e Ti offro tutto me stesso, anche le minime particelle del mio corpo, come tanti muri da mettere innanzi a Te, per impedire qualunque offesa che Ti venga fatta, accettandole tutte io sopra di me, se fosse possibile, ed in tuo piacere, fino al giorno del giudizio.  E siccome voglio che la mia offerta sia completa e Ti soddisfi per tutti, intendo, o mio Gesù, che tutte quelle pene che sopporterò ricevendo sopra di me le tue offese, Ti ricompensino di tutta quella gloria che Ti dovevano dare i Santi che sono in Cielo, quando essi stavano sulla terra, e della gloria che Ti dovevano dare le anime del Purgatorio e quella che Ti dovevano tutti gli uomini passati presenti e futuri;  e Te l’offro per tutti in generale e per ciascuno in particolare. (Cfr. Vol. 4 - 3.10.1901)

Mio amato Gesù, quante gocce di Sangue Tu hai versate, quante spine hai sofferto e quante ferite, tanta gloria intendo darti per quanta gloria dovrebbero darti tutte le creature se non ci fosse il peccato di superbia!  E altrettante grazie intendo chiederti per tutte le creature per far sì che questo peccato si distrugga! (Cfr. Vol. 4 - 9.9.1901) 

Signore, tutta quella gloria che le creature dovrebbero darti con la bocca e non Ti danno, io intendo dartela con la mia, ed impetro a loro di fare buon e santo uso della bocca, unendomi sempre con la tua stessa bocca, o mio Gesù. (Cfr. Vol. 4 - 10.9.1901)

E fondendomi in Te e nel tuo Volere, o mio dolce Gesù, moltiplico i miei pensieri nei tuoi, per riparare e sostituirmi per tutte le intelligenze create, passate, presenti e future;  voglio ridarti con la mia mente tutta la gloria, l'onore, la riparazione per tutta l'umana famiglia, anche per le stesse anime perdute che con la loro intelligenza non Te l’hanno data! (Cfr. Vol. 12 - 16.5.1919)

 

ATTO di RIPARAZIONE COMPLETO  nel DIVINO VOLERE

Mio dolce Gesù, entro nel tuo VOLERE e mi prostro ai piedi della Maestà Suprema, ed a nome dell’umana famiglia, passata, presente e futura, vengo nell’immensità di questo DIVIN VOLERE, in cui tutte le generazioni sono tutte in atto come se fosse un punto solo, ed a nome di tutti vengo ad adorarti ed a prestarti gli omaggi che come a nostro Creatore tutti dobbiamo.

Vengo a riconoscerti a nome di tutti Creatore di tutte le cose, e per tutti e per ciascuna cosa creata, vengo ad amarti, a lodarti e ringraziarti.  Nella santità del tuo Volere vengo a sostituirmi per tutti e per ciascuna creatura ed anche per le stesse anime perdute per darti riparazione delle colpe per cui si perdettero:  per tutti voglio ripararti, e per ciascuna offesa voglio supplire, amarti per tutti e moltiplicandomi nel tuo Santo Volere in ciascuna creatura, voglio assorbirle tutte in me, per darti a nome di tutte, come se fosse una sola, non solo amore, ma amore divino, gloria, riparazione, ringraziamento in modo divino.

Nel tuo VOLERE, Amor mio, voglio sorvolare in ciascun pensiero di creatura, in ciascun sguardo, in ciascuna parola, opera e passo, e poi vengo a deporre tutto ai piedi del tuo Trono come se tutti gli atti delle creature fossero stati fatti per Te; e se alcuni si negassero, io mi sostituirò per loro. 

Sul moto delle mie labbra Ti porto il bacio di tutte le creature e con le mie braccia Ti porto l’amplesso di tutti; non vi è atto che io non voglia supplire.  Tu, o mio Gesù, dolce mia Vita, suggella con la tua benedizione questa riparazione e fa’ che ogni atto che io compio, si ripeta, si moltiplichi e sia in continuo atto di volare dalla terra al Cielo per portare al tuo Trono a nome di tutti, amore, gloria e riparazione divina.

 

 

Mi Moltiplico nel tuo Volere

Gesù, moltiplico i miei pensieri nel tuo Volere, per dare ad ogni tuo pensiero il bacio di un pensiero divino, un'adorazione, una riconoscenza di Te, una riparazione, un amore di pensiero divino, come se un altro Gesù lo facesse;  e questo a nome di tutti e per tutti i pensieri umani, passati, presenti e futuri, e intendo supplire le stesse intelligenze delle anime perdute. 
Voglio che la gloria da parte di tutte le creature sia completa e che nessuna manchi all'appello;  e ciò che non fanno loro lo faccio io nel tuo Volere, per darti gloria divina e completa.

Gesù, mi moltiplico nei tuoi sguardi per quante volte hai guardato la creatura con amore;  mi moltiplico nelle tue lacrime, per piangere anch'io per tutte le colpe delle creature, per poterti dare a nome di tutti sguardi d'amore divino e lacrime divine, per darti gloria e riparazione
completa per tutti gli sguardi di tutte le creature.

 

Gesù, moltiplico le mie parole nel tuo Volere, per dare ad ogni tua parola il bacio di una parola divina, un'adorazione, una riconoscenza di Te, una riparazione, un amore di parola divina, come se un altro Gesù lo facesse;  e questo a nome di tutti e per tutte le parole umane, passate, presenti e future, e intendo supplire le stesse lingue delle anime perdute.  Voglio che la gloria da parte di tutte le creature sia completa e (…) Gesù, moltiplico i miei palpiti nel tuo Volere, per dare ad ogni tuo palpito il bacio di un palpito divino  (…)  e intendo supplire lo stesso cuore (…)  Voglio che la gloria  (…) Gesù, moltiplico i miei respiri nel tuo Volere (…)  

Gesù, moltiplico i miei Ti amo nel tuo Volere (…) e intendo supplire lo stesso amore (…) 

Gesù, moltiplico le mie opere nel tuo Volere (…) e intendo supplire le stesse mani  (…) 

 

Gesù, moltiplico i miei  passi/piedi     ricordi/memorie      affetti/cuore      sentimenti/cuore,menti      desideri/cuore      programmare/intelletti      progetti/menti      organizzare/menti      attenzione/ intelligenze      intenzioni/menti,cuori      preghiere/lingue,menti,cuore     adorazioni/menti,cuori      ringraziamenti/lingue,cuori      benedizioni/lingue,cuori      lodi/lingue      gloria/lingue      riparazioni/menti      pene/cuori      offerte/menti,cuori,mani     (Cfr. Vol 12 - 7.4.1919)  

 

Voglio darti Amore per chi non Ti Ama

Amor mio, voglio darti, a nome di tutte le creature, amore per chi non Ti ama, lodi per chi Ti disprezza, benedizioni, ringraziamenti, ubbidienza per tutti.  Protesto che in qualunque offesa che riceverai, io intendo offrirti tutto me stesso per ripararti, fare l’atto opposto alle offese che le creature Ti fanno e consolarti coi miei baci e continui atti di amore. 

Ma vedo che sono troppo misero, ho bisogno di Te per poterti riparare davvero.  Perciò,

mi unisco alla tua SS. Umanità ed insieme con Te unisco i miei pensieri ai tuoi, per riparare i pensieri cattivi miei e di tutti;  la mia bocca alla tua, per riparare le bestemmie e i discorsi cattivi;  il mio cuore al tuo, per riparare le tendenze, i desideri e gli affetti cattivi.  In una parola, voglio riparare tutto ciò che ripara la tua Santissima Umanità, unendomi all’immensità del tuo Amore per tutti ed al bene immenso che fai a tutti.

Ma non son contento ancora. 

Voglio unirmi alla tua Divinità e questo mio nulla lo sperdo in Essa e così Ti do il Tutto:

Ti do il tuo Amore per ristorare le tue amarezze;  Ti do il tuo Cuore per ristorarti delle nostre freddezze, incorrispondenze, ingratitudini e poco amore delle creature.  Ti do le tue armonie per rinfrancarti l’udito dagli assordamenti che ricevi con le bestemmie.  Ti do la tua bellezza  per rinfrancarti delle bruttezze delle anime nostre quando ci infanghiamo nella colpa.  Ti do la tua purità per rinfrancarti delle mancanze di rettitudine d’intenzione e del fango e del marciume che vedi in tante anime.  Ti do la tua immensità per rinfrancarti delle volontarie strettezze in cui si mettono le anime.  Ti do il tuo ardore per bruciare tutti i peccati e tutti i cuori, affinché tutti Ti amino e nessuno più Ti offenda.  Insomma, Ti do tutto ciò che sei Tu per darti soddisfazione infinita, amore eterno, immenso ed infinito.

Voglio entrare nel tuo interno e darti, o Gesù, palpiti per palpiti, respiri per respiri, affetti per affetti, desideri per desideri.  Intendo tuffarmi nella tua santissima Intelligenza e, facendo scorrere tutti questi palpiti, respiri, affetti, e desideri nell’immensità della tua Volontà, intendo moltiplicarli all’infinito.

Voglio, o mio Gesù, formare onde di palpiti per fare che nessun palpito cattivo si ripercuota nel tuo Cuore e, così lenire tutte le tue interne amarezze.

Intendo formare onde di affetti e di desideri, per allontanare tutti gli affetti e i desideri cattivi che potrebbero menomamente contristare il tuo Cuore.

Intendo ancora, o mio Gesù, formare onde di respiri e di pensieri, per allontanare qualunque respiro e pensiero che potrebbe menomamente dispiacerti.

Starò bene in guardia, o Gesù, affinché nulla più Ti affligga e aggiunga alle tue pene interne altre amarezze.

O mio Gesù, fa’ che tutto il mio interno nuoti nell’immensità del tuo;  così potrò ritrovare amore sufficiente e Volontà sufficiente per far che non entri nel tuo interno amore cattivo, né volontà che potrebbe dispiacerti.   (Cfr.  Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 18a Ora)

 

Voglio equilibrare le Riparazioni di Tutti

Mio Gesù, voglio entrare in Te e prendere il principio da Te di tutto ciò che faccio, per equilibrare le riparazioni di tutti e di tutto.  Stando in Te un Principio eterno, una Volontà eterna, posso, insieme a Te, equilibrare tutto:  soddisfazione, riparazione e Gloria completa del Padre Celeste, da parte di tutte le creature.  Mi fondo, quindi, in Te e, sostituendomi a nome di tutta l'umana famiglia, voglio ripararti per tutto. (Cfr. Vol 12 - 3.9.1919)

Voglio riordinarmi in Te fondendomi interamente nel tuo Volere;  anche nel respiro, nel palpito, nell’aria che respiro, in tutto, voglio fondermi nel tuo Volere.  Voglio ritornare al principio da dove io vengo;  voglio rientrare nell’ordine con Te, mio Creatore, e ridonarti, in ogni mio atto, gli omaggi divini e la gloria del tuo Volere.  La Creazione fu messa fuori sulle ali del tuo Volere e sulle stesse ali Tu vuoi che Ti ritorni;  io vengo perciò nel tuo Volere, per darti, a nome di tutti, la riparazione di tanto disordine. (Cfr. Vol. 13 - 15.12.1921)

 

Con Te voglio fermare la Divina Giustizia

Agnello Divino immolato, mi unisco alla tua preghiera e con Te voglio fermare la Divina Giustizia, che in questi tristi tempi non può più contenersi per i peccati delle creature e vuole allagare la terra di nuovi flagelli.  Perciò è necessaria, mio amato Gesù, la preghiera nella tua Volontà, che allargandosi su tutti si metta a difesa delle creature e con la sua potenza impedisca alla tua Giustizia di avvicinarsi alle creature per colpirle.

Padre Santo, mi unisco al tuo Figlio Gesù nell’offrirti il suo Sangue divino;  fa’ che copra tutte le intelligenze delle creature e renda vane le loro cattive intenzioni e i cattivi pensieri;  fa’ che attutisca il fuoco delle loro passioni e faccia risorgere intelligenze sante.  Questo Sangue copra i loro occhi e faccia velo alla loro vista, affinché in loro non vi entri il gusto dei piaceri cattivi e non s’insozzino del fango della terra.  Questo Sangue prezioso copra e riempia la loro bocca e renda morte le loro labbra alle bestemmie, alle imprecazioni e ad ogni parola cattiva.  Padre Santo, questo Sangue divino copra le loro mani e metta in loro terrore per tante azioni nefande.  Questo Sangue circoli nell’Unica ed Eterna Divina Volontà per coprire tutti, per difendere e per essere arma difenditrice a pro delle creature presso i diritti della Divina Giustizia. Cfr. Vol. 17 - 1.7.1924)

 

Abbandono nella Volontà di Dio per poter Riparare per tutti

Mi abbandono, o Gesù, nella tua Volontà, e tutto ciò che stai facendo Tu intendo farlo io;  e siccome tutto ciò che Tu facesti in terra è un continuo atto di riparazione, così col mio volere unito al Tuo, intendo riparare tutte le offese che Ti stanno facendo le creature in questo momento, in modo che la mia voce facendo eco nella tua, e in tutte le offese delle creature, voglia scorrere in tutte in modo divino e, toccando i cuori delle creature, con la potenza del tuo Volere, voglio queste portarle tutte a Te nelle tue braccia.

Gesù, il mio pensiero pensa nel tuo Volere e sulle ali del mio pensiero Ti mando i pensieri di tutte le creature.

Sulle ali del mio sguardo, dato nel tuo Volere, T’invio gli sguardi di tutte le creature.

Sulle ali della mia voce e della mia lingua, mossa nel tuo Volere, Ti mando tutte le voci delle creature.

Sulle ali della mia preghiera, fatta nella tua Volontà, voglio mandarti, o mio Gesù, la preghiera di tutti.

Sulle ali del mio lavoro e dei miei atti fatti nel tuo Volere intendo mandarti gli atti delle creature e tutti i loro lavori.

Sulle ali dei miei passi fatti nel tuo Volere, intendo far volare a Te tutti i passi delle creature.

Sulle ali delle mie sofferenze e delle mie pene, vissute ed offerte nel tuo Volere, intendo offrire a Te tutte le sofferenze e le pene delle creature.

 

Voglio rivestirmi delle tue stesse divise

Mio dolce Gesù, voglio dimorare nella tua Volontà, per accedere ai decreti divini per far fronte alla Divina Giustizia perorando per tutti i miei fratelli.  Voglio soggiornare nella tua Volontà per far miei tutti i frutti divini della tua Umanità Santissima e rivestirmi di Essa e, come un altro Te stesso, presentarmi innanzi alla Divinità e disarmare la Giustizia Divina impetrando rescritti di perdono per le umane creature. 

Mio amato Gesù, voglio, in Te e nella tua Volontà, con Te vivere in ogni creatura ed a bene di tutte.  Voglio vivere come sole:  ogni mia preghiera ed ogni atto e riparazione e tutto ciò ch’io faccio, come raggio di sole voglio far che scenda su ogni creatura. (Cfr. Vol. 11 - 2.5.1915)  

Ma la preghiera più potente sul tuo Cuore Divino e che più T’intenerisce, è il vestirsi la creatura di tutto ciò che operò e patì l’Umanità tua Santissima;  quindi, accogliendo questo tuo dono, io cingo la mia testa di ogni tua spina, imperlo i miei occhi delle tue lacrime, impregno la mia lingua della tua amarezza, vesto l’anima mia del tuo prezioso Sangue, e, adornandomi delle tue piaghe, trafiggo le mie mani ed i piedi miei con i tuoi chiodi e, come altro Te stesso, vengo a presentarmi alla tua Divina Maestà, perché Tu, commosso nel vedermi rivestito delle tue stesse divise, nulla sappia negarmi di ciò che Ti domando. (Cfr. Vol. 11 - 15.6.1916)   Amor mio, io son ferito dello stesso tuo Amore verso la tua creatura e con Te io piango e prego e tutto voglio soffrire per metterla in salvo. 

E, per far che la tua ferita d’amore, inasprita dalle tante offese dell’uomo, venga un poco lenita ed un poco raddolcita, a Te io porgo le mie lacrime e preghiere e le mie pene e riparazioni.  Mostra al Padre tuo Celeste, o mio Gesù, questo mio piccolo dono, per inchinarlo a pietà verso le sue creature.  Mostralo, dicendogli:  “Padre mio, Io sto nel Cielo, ma ci sono gli altri Cristi sulla terra che sono feriti dalla mia stessa ferita, che piangono come Me, che soffrono, che pregano, quindi, Padre mio, dobbiamo versare sulla terra le nostre misericordie!” (Cfr. Vol. 11 - 11.11.1915)  

Così, rivestito delle tue divise io mi riverso continuamente nel tuo Volere Divino - dove trovo tutte le cose in atto, perché trovo Te, che sei Motore, Attore e Spettatore di tutto, e trovo tutte le creature - e vengo per farti complete riparazioni, perché il tuo Amore sente un irresistibile bisogno che a tante offese delle creature ci sia chi, frapponendosi fra Te e loro, Gli dia riparazioni complete, amore per tutti e strappi da Te grazie per tutti.  Unito con Te io mi moltiplico quindi nel tuo Volere in ciascun pensiero di creatura e, rivestito delle tue divise e con la stessa Santità del Voler Divino, tutto voglio riparare, per tutti avere un grazie ed avere un amore per tutti;  e così pure mi moltiplico in ciascun sguardo d’occhio umano ed in ciascuna parola, per darti in tutto complete riparazioni. (Cfr. Vol. 11 - 15.6.1916)

 

Gesù, mi do nelle tue mani

Tenerissimo mio Gesù, come Tu Ti dai in mano ai nemici, dando loro potere di farti soffrire ciò che loro vogliono, anch’io, mi do nelle tue mani, affinché liberamente Tu possa fare di me ciò che più Ti piace;  ed insieme con Te voglio seguire la tua Volontà, le tue riparazioni e soffrire le tue pene.  Voglio starti sempre d’intorno, per fare in modo che non ci sia offesa che Ti vien fatta ch’io non ripari, amarezza che io non raddolcisca, sputi e schiaffi che Tu ricevi che non siano seguiti da un mio bacio e carezza, e le mie mani son sempre pronte a lenire ogni tua piaga.

Sempre con Te voglio stare, mio penante Gesù, nemmeno un minuto voglio lasciarti solo.  E per esserne più sicuro, mettimi dentro di Te ed io starò nella tua mente, nei tuoi sguardi, nel tuo Cuore ed in tutto Te stesso, perché ciò che fai Tu possa farlo anch’io.  Potrò così tenerti fedele compagnia e nulla potrà sfuggirmi delle tue pene, per darti per tutto il mio ricambio d’amore.  Starò al tuo fianco per difenderti, dolce mio Bene, e per imparare i tuoi insegnamenti, numerando una ad una tutte le tue parole. (Cfr. Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 8a Ora)

Voglio chiuderti nel mio cuore per riscaldarti col calore dei miei affetti, voglio profumarti coi miei desideri santi, voglio riparare tutte le offese e dare la mia vita insieme alla tua per salvare tutte le anime.  Mio dolce Gesù, il mio cuore voglio offrirtelo come luogo di riposo, per poterti rinfrancare in qualche modo delle pene da Te sofferte, e voglio, insieme con Te, seguire la via della tua Passione. (Cfr. Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 9a Ora)

 

Mi fondo in Te, sofferente Gesù, per Riparare con le tue stesse Riparazioni

Mi fondo in Te, sofferente mio Gesù, e faccio mia la tua preghiera al Padre:  “Padre Santo, grazie Ti rendo di tutto ciò che ho sofferto e di quello che mi resta da soffrire.  Come l’alba chiama il giorno ed il giorno fa sorgere il sole, così l’alba della grazia spunti in tutti i cuori e Gesù, Sole divino, possa sorgere in tutti i cuori e regnare su tutti”.   Mi unisco a Te, mio amato Bene, per rispondere con Te al Padre per tutte le anime, per ogni pensiero, per ogni parola, opera e passo umano, a costo di Sangue e di morte.

Dolce mio Gesù, mi fondo tutto in Te per fare insieme a Te ciò che fai Tu;  voglio con Te riparare ogni pensiero, affetto e parola che non viene offerta a Te per darti onore e per dare al Padre Celeste la gloria che Gli spetta.  Mi avvicino quindi alla tua santissima Testa per darti perfetta gloria e vera riparazione per tante menti stravolte che non hanno un pensiero per Te;  fondendomi nella tua Mente voglio riunire in Te tutti i pensieri delle creature e fonderli tutti nei tuoi pensieri per trovare così sufficiente riparazione per tutti i pensieri cattivi e per i tanti lumi e ispirazioni soffocate.  Bacio, mio afflitto Gesù, i tuoi occhi mesti, pregni di lacrime e imbrattati di sputi e, mentre asciugo le tue lacrime, Ti chiedo perdono e riparo per tutte quelle volte che non abbiamo avuto la mira di piacerti e di guardarti per vedere che cosa Tu volevi da noi, per sapere che cosa dovevamo fare e dove volevi che andassimo.  Fondendo i miei occhi e quelli di tutte le creature nei tuoi, voglio riparare con le riparazioni dei tuoi stessi occhi tutto il male che abbiamo fatto con la vista.  E per fare continua e completa riparazione anche alle tue santissime orecchie, metto su di esse il mio bacio, mentre fondo le mie orecchie e quelle di tutte le creature nelle tue, che vedo stanche dagli insulti e dall’eco di tutte le offese delle creature che si ripercuote nel tuo udito.  Ti chiedo perdono e riparo per quante volte ci hai chiamati e noi siamo stati sordi o abbiamo fatto finta di non ascoltarti e Tu invano hai ripetute le tue chiamate.

Mio innamorato Gesù, bacio il tuo Volto santissimo, tutto illividito dagli schiaffi.  Ti domando perdono e riparo per quante volte Tu ci hai chiamati per tue vittime di riparazione e, noi, unendoci coi tuoi nemici, Ti abbiamo dato schiaffi e sputi.  Mio Gesù, voglio fondere il mio volto nel tuo, per darti intera riparazione per tutti i disprezzi che si fanno alla tua santissima Maestà.  E baciando la tua dolcissima bocca, addolorata dai pugni e riarsa dall’amore, voglio fondere la mia lingua e quelle di tutte le creature nella tua, per riparare con la tua stessa lingua tutti i peccati e discorsi cattivi che si fanno.  Voglio, assetato mio Gesù, unire tutte le voci in una con la tua, per far sì che quando stanno per offenderti, scorrendo la tua voce in quelle delle creature possa soffocare le voci del peccato e cambiarle in voci di lode e di amore.

Incatenato mio Gesù, bacio il tuo collo, oppresso da pesanti catene e da funi.  Permetti ch’io Ti sciolga e Ti leghi invece con le catene dell’amore che, invece di farti soffrire, Ti raddolciranno.  Fondendomi nel tuo collo, voglio, o mio legato Gesù, riparare insieme con Te tutti gli attaccamenti delle creature a tutto ciò che è fuggevole e non Ti dà gloria.  E, dando a tutti le catene del tuo Amore, mi fondo nel tuo petto, per poter riparare tutte le freddezze e così riempire il petto di tutte le creature dell’infinito fuoco d’Amore che contieni nel tuo petto. 

Mi fondo nelle tue spalle, per poter riparare con le tue riparazioni tutti i piaceri illeciti e l’amore alle comodità e poter dare a tutti il tuo spirito di sacrificio ed il tuo amore al patire.  Fondendomi nelle tue mani, mio buon Gesù, voglio riparare tutte le opere cattive ed il bene fatto malamente e con presunzione, e voglio dare a tutti il profumo delle tue opere;  e, fondendomi nei tuoi piedi intendo racchiudere tutti i passi delle creature per ripararli tutti e dare ad ogni creatura i tuoi passi, perché tutti camminino per le tue vie sante.

Ed ora permettimi, Gesù, dolce mia Vita, che fondendomi nel tuo Cuore io racchiuda tutti gli affetti, i palpiti e i desideri di tutte le creature per ripararli insieme con Te, con le tue stesse riparazioni;  a tutti io voglio dare i tuoi affetti, palpiti e desideri, affinché tutti Ti amino e nessuno più Ti offenda. (Cfr. Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 13a Ora)

 

Ch’io viva, mio Gesù, col solo tuo Cuore

O dolce Gesù, fa’ che dall’addolorato tuo Cuore prenda vita il mio povero cuore, affinché io non viva più che col solo tuo Cuore;  ed in ogni offesa che Tu ricevi, fa’ ch’io sia sempre pronto ad offrirti un sollievo, un conforto, una riparazione ed un atto ininterrotto d’amore.  Per poterti tutto ricopiare in me, nelle pene che Ti causano i peccati di ogni tempo io Ti do, mio addolorato Gesù, le pene dell’anima mia come riparazione e sollievo.  Riconosco in ogni mio stato d’animo di freddezza, durezza o tentazione in cui mi posso trovare, una tua pena che Tu mi comunichi e, riconoscendola come pena tua, la metto a Te d’intorno per compatirti e sollevarti, Vita mia, Gesù, perché troppo Tu hai già sofferto;  prendi perciò riposo, mio amato Bene, ché soffrirò io in vece tua!  Voglio esserti di Umanità, mio amato Bene, voglio stare con coraggio ai tuoi piedi, senza abbattermi, dandoti tutto ciò ch’io soffro, per far sì che Tu possa trovare in me la tua stessa Umanità.  E come la tua Umanità glorificava il Padre tuo, espiava, impetrava la salvezza delle anime, anch’io in tutto ciò che faccio voglio racchiudere in me queste tue tre intenzioni, in modo da poterti dire:  racchiudo in me tutta la tua Umanità, o mio Redentore.  E nelle mie oscurità mi unisco a Te, alla tua intenzione di far splendere negli altri la luce della verità;  ed anche quando prego con fervore, voglio, con Te, sciogliere il ghiaccio dal cuore di tanti fratelli induriti nella colpa. (Cfr. Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 6a Ora)

 

Per Sollevare Gesù nel Getsemani

Mio Gesù, per compatirti e poterti sollevare dall’abbattimento totale in cui Ti trovi, m’innalzo fino al Cielo e faccio mia la tua stessa Divinità e, mettendola intorno a Te, voglio allontanarti tutte le offese delle creature.  Voglio offrirti la tua bellezza per allontanare da Te la bruttezza del peccato;  la tua santità per allontanare l’orrore di tutte quelle anime che Ti fanno provare tanto ribrezzo, perché morte alla grazia;  la tua pace per allontanare da Te le discordie, le ribellioni e i turbamenti di tutte le creature;  le tue armonie per rinfrancare il tuo udito dalle onde di tante voci cattive. 

Mio Gesù, intendo offrirti tanti atti divini riparatori per quante offese Ti assaltano, come se volessero darti morte, ed io coi tuoi stessi atti voglio darti vita;  e voglio gettare un’onda della tua Divinità su tutte le creature, affinché, al tuo contatto divino, non ardiscano più offenderti.  Così solo, o Gesù, potrò compatirti per tutte le offese che ricevi dalle creature. (Cfr. Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 6a Ora)

 

Riordinare in Gesù i Pensieri delle creature

Mio Gesù, i miei pensieri sono una sola cosa con i tuoi;  perciò insieme con Te prego, imploro, scuso e riparo innanzi alla Maestà Divina tutto il male commesso dalle creature con la loro intelligenza.  Permettimi che prenda le tue spine e la tua stessa Intelligenza e che vada con Te da tutte le creature, ad attaccare la tua Intelligenza alla loro.  Voglio restituire loro l’intelligenza come Tu la creasti all’origine, con la santità della tua.  Voglio riordinare con la santità dei tuoi pensieri tutti i pensieri delle creature in Te e trafiggere con le tue spine tutte le menti delle creature, per restituirti il dominio ed il regime di tutti.  O Gesù, Tu solo sii il dominatore di ogni pensiero, di ogni affetto e di tutti i popoli.  Reggi Tu solo ogni cosa;  solo così la faccia della terra, che fa orrore e spavento, si cambierà. (Cfr. Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 19a Ora)

 

Riparazioni a Gesù Crocifisso

Amor mio Crocifisso, nel tuo Volere trovo tutte le generazioni ed io a nome di tutta l’umana famiglia, Ti adoro, Ti bacio, Ti riparo per tutti.  Le tue piaghe, il tuo Sangue, lo do a tutti affinché tutti trovino la loro salvezza;  e se le anime perdute non possono più fruire del tuo SS. Sangue, né amarti, lo prendo io, per fare ciò che avrebbero dovuto far loro.  Il tuo Amore non voglio che resti defraudato in nulla da parte delle creature:  per tutti voglio supplire, ripararti, amarti, dal primo fino all’ultimo uomo. (Cfr. Vol 12 - 6.12.1919)

Mio Gesù, metto la mia testa nella tua.  Voglio offrirti, o dolce mio Bene, tutti i miei pensieri che come baci affettuosi Ti consolino e leniscano l’amarezza delle tue spine.

Metto i miei occhi nei tuoi,  ed io voglio confortare i tuoi sguardi divini coi miei sguardi di amore.

Metto la mia bocca nella tua,  dolce Amor mio, intendo mandarti fiumi d’amore, per mitigarti in qualche modo l’amarezza del fiele e la tua sete ardente.

Metto le mie mani nelle tue.  Per ristorarti e raddolcire il tuo dolore, Ti offro le opere sante di tutte le creature.

Metto i miei piedi nei tuoi.  Vorrei riunire i passi delle creature di tutte le generazioni, passate, presenti e future, ed indirizzarli tutti a Te, per venirti a consolare nelle tue dure pene.

Metto il mio cuore nel tuo povero Cuore.  Com’è straziato!  O mio Gesù, come confortare tanto dolore?  Mi diffonderò in Te, metterò il mio cuore nel Tuo, i miei ardenti desideri nei tuoi,  perché sia distrutto qualunque desiderio cattivo.  Diffonderò il mio amore nel tuo, perché col tuo fuoco siano bruciati i cuori di tutte le creature e distrutti gli amori profani.

Crocifisso Amor mio, la tua SS. Umanità la faccio mia:  unita con la tua Volontà, ed insieme con Te, voglio fare ciò che fai Tu.  Permetti, Vita mia, che scorrano i miei pensieri nei tuoi, che scorra il mio palpito nel tuo Cuore e tutto il mio essere in Te, affinché nulla mi possa sfuggire, e possa ripetere, atto per atto, parola per parola, tutto ciò che fai Tu. (Cfr.  Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 19a Ora)

 

Crocifisso adorato, Ti Ringrazio  e Ti chiedo Perdono

Crocifisso adorato, mio dolce Gesù, Ti ringrazio delle tante spine che hanno trafitto la tua adorabile Testa, delle gocce di Sangue da questa versate, dei colpi che su di essa hai ricevuti e dei capelli che Ti hanno strappato.  Ti ringrazio di quanto bene hai fatto e hai impetrato a tutti, dei lumi e delle buone ispirazioni che ci hai date e di quante volte hai perdonato tutti i nostri peccati di pensieri, di superbia, di orgoglio e di propria stima.  Ti chiedo perdono a nome di tutti, o mio Gesù, di quante volte Ti abbiamo coronato di spine, di quante volte non abbiamo corrisposto alle tue ispirazioni.  Per questi dolori da Te sofferti Ti prego, o mio penante Gesù, d’impetrarci la grazia di non commettere mai più peccati di pensieri.  Intendo offrirti tutto ciò che soffristi nella tua santissima Testa, per darti tutta quella gloria che le creature Ti avrebbero dato se avessero fatto buon uso della loro intelligenza.

Adoro, o Gesù mio, i tuoi santissimi occhi e Ti ringrazio di quante lacrime e Sangue han versato, per le punture crudeli delle spine, per gli insulti, le derisioni e i vilipendi sostenuti in tutta la tua Passione.  Ti chiedo perdono per tutti quelli che si servono della vista per offenderti e oltraggiarti, e Ti prego, per i dolori sofferti nei tuoi sacratissimi occhi, a compartirci la grazia che nessuno più Ti offenda con gli sguardi cattivi.  Ed Intendo offrirti tutto quello che Tu stesso soffristi nei tuoi santissimi occhi, per darti tutta quella gloria che le creature Ti avrebbero dato se i loro sguardi fossero fissi solo al Cielo, alla Divinità e a Te, mio amato Gesù.

Adorando le tue santissime orecchie, Ti ringrazio, o mio Gesù, di quanto soffristi mentre i manigoldi sul Calvario Ti assordavano con grida e scherni.  Ti chiedo perdono a nome di tutti, per quanti discorsi cattivi si ascoltano, e Ti prego che si aprano le orecchie di tutti gli uomini alle Verità eterne, alle voci della Grazia e che nessuno più Ti offenda col senso dell’udito.  Intendo offrirti tutto ciò che soffristi nel tuo santissimo udito per darti tutta la gloria che le creature Ti avrebbero dato se di quest’organo avessero fatto santo uso.

 

Adoro e bacio, o Gesù mio, il tuo santissimo Volto e Ti ringrazio di quanto soffristi, per gli sputi, schiaffi e scherni ricevuti e per quante volte Ti lasciasti calpestare dai tuoi nemici.  Ti domando perdono a nome di tutti, per quante volte abbiamo avuto l’ardire di offenderti, e Ti prego, per questi schiaffi e per questi sputi, di far sì che da tutti venga riconosciuta, lodata, glorificata la tua Divinità.  Anzi, mio Gesù, intendo io stesso andare per tutto il mondo ad unire tutte le voci delle creature e cambiarle in altrettanti atti di lode, d’amore e di adorazione, ed intendo pure portare a Te tutti i cuori delle creature, affinché in tutti Tu possa gettare luce, verità, amore, compatimento alla tua Divina Persona.  E mentre perdonerai tutti, io Ti prego di non permettere che nessuno più Ti offenda, se fosse possibile anche a costo del mio sangue.  Intendo infine offrirti tutto ciò che soffristi nel tuo santissimo Volto, per darti tutta la gloria che le creature Ti avrebbero dato, se nessuno avesse ardito offenderti.

Mio amato Bene, adoro la tua santissima bocca e Ti ringrazio dei tuoi primi vagiti, di quanto latte succhiasti, di quante parole dicesti, dei baci infuocati che desti alla tua santissima Madre, del cibo che prendesti, dell’amarezza del fiele e della sete ardente che soffristi sulla croce, delle preghiere che innalzasti al Padre e, Ti chiedo perdono per quante mormorazioni e discorsi cattivi e mondani si fanno e per quante bestemmie pronunziano le creature.  Intendo offrire i tuoi santi discorsi in riparazione di ogni discorso non buono, ed offrire la mortificazione del tuo gusto per riparare ogni golosità ed offesa che Ti si arreca col cattivo uso della lingua.  Intendo offrirti tutto ciò che soffristi nella tua santissima bocca, per darti io tutta la gloria che le creature Ti avrebbero dato, se nessuna avesse ardito offenderti col senso del gusto e con l’abuso della lingua.

O Gesù, di tutto Ti ringrazio e, a nome di tutti  T’innalzo l’inno di un ringraziamento eterno, infinito.  Intendo, Gesù mio, offrirti tutto ciò che hai sofferto nella tua santissima Persona, per darti tutta la gloria che Ti avrebbero dato tutte le creature se avessero uniformata la loro vita alla tua.

Ti ringrazio, o Gesù, per quanto hai sofferto nelle tue santissime spalle, per quanti colpi hai ricevuti, per quante piaghe Ti sei lasciato aprire sul tuo sacratissimo Corpo e per quante gocce di Sangue hai versato.  Ti chiedo perdono a nome di tutti, per quante volte per amore delle comodità Ti abbiamo offeso con piaceri illeciti o soddisfazioni che non cercavano la tua gloria.  Ti offro la tua dolorosa flagellazione per riparare tutti i peccati commessi con tutti i cinque sensi del nostro corpo e per riparare l’amore ai propri gusti, ai piaceri sensibili, al proprio io, a tutte le soddisfazioni naturali.  Intendo pure offrirti tutto ciò che hai sofferto nelle tue spalle, per darti tutta la gloria che le creature Ti avrebbero dato, se in tutto avessimo cercato di piacere a Te solo e di rifugiarci all’ombra della tua divina protezione.

Gesù mio, bacio il tuo piede sinistro.  Ti ringrazio di quanti passi facesti nella tua vita mortale e di quante volte stancasti le tue povere membra per andare in cerca di anime da condurre al tuo Cuore;  e Ti offro tutte le mie azioni, passi e movimenti, con l’intenzione di darti riparazione per tutto e per tutti, e Ti chiedo perdono per ogni volta che non operiamo con retta intenzione.  Unisco le mie azioni alle tue per divinizzarle, e le offro unite a tutte le opere che facesti con la tua santissima Umanità, per darti tutta la gloria che Ti avremmo tutti dato, se avessimo sempre operato santamente e con fini retti.

Bacio, o Crocifisso mio Gesù, il tuo piede destro e Ti ringrazio di quanto hai sofferto e soffri per me, specialmente nelle tre ore in cui pendi dalla croce.  Ti ringrazio per lo straziante lavorio che fanno i chiodi nelle tue piaghe, le quali si squarciano sempre più al peso del tuo Corpo sacratissimo.  Ti chiedo perdono di tanti passi, di tante vie battute senza la retta intenzione, perdono per tanti che si allontanano da Te per andare in cerca dei piaceri della terra, perdono di tutte le ribellioni e disobbedienze commesse da ogni creatura.  Ti offro i dolori dei tuoi santissimi piedi in riparazione di tutte queste offese e per darti tutta la gloria che tutti Ti avremmo dato se avessimo sempre camminato con i tuoi stessi passi ed in tutto fossimo stati sempre soggetti a Te.

O mio Gesù, bacio la tua santissima mano sinistra.  Ti ringrazio di quanto hai sofferto per me, di quante volte hai placata la Divina Giustizia, soddisfacendo per tutti.  Bacio la tua mano destra e Ti ringrazio di quanto bene hai operato e operi per tutti;  particolarmente Ti ringrazio delle opere della Creazione, della Redenzione e della Santificazione.  Ti chiedo perdono a nome di tutti di quante volte siamo stati ingrati ai tuoi benefici e delle tante nostre opere cattive o indifferenti o fatte senza retta intenzione, e perdono di tanti atti malignati dall’amor proprio e dalla ricerca della propria stima.  In riparazione di tutte queste offese, intendo offrirti tutta la perfezione e santità delle tue opere, per darti tutta quella gloria che tutte noi creature Ti avremmo dato se avessimo corrisposto a tutti questi tuoi benefici.

O Gesù mio, bacio il tuo sacratissimo Cuore e Ti ringrazio di quanto hai sofferto, desiderato e zelato per amore di tutti e per ciascuno in particolare.  Ti chiedo perdono di tanti desideri cattivi, affetti e tendenze non buone;  perdono, mio amato Gesù, per chi pospone il tuo Amore all’amore delle creature.  Per darti tutta la gloria che Ti abbiamo negato, Ti offro tutto ciò che ha fatto e continua a fare il tuo adorabilissimo Cuore. (Cfr. Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 20a Ora)

E nel tuo sacratissimo Cuore con l’anima mia intendo chiudervi tutte le anime da Te redente perché tutte siano salve, nessuna esclusa.  Serraci tutti nel tuo Cuore, o Gesù, e chiudi le porte in modo che non possiamo vedere altro che Te;  il tuo alito consumato soffi sempre in tutti i cuori perché tutti ricevano l’impronta della tua consumazione. 

Gesù, Amor mio Crocifisso, ch’io muoia continuamente a me stesso per amor tuo;  fa’ che pur vivendo io non viva, che sia morto a tutto per vivere solo non della mia vita ma della tua Vita.  Tutto ciò che io faccio, penso, desidero ed amo, richiami in me il tuo vivere e tutto di me muoia in Te: la mia parola, il mio passo, il mio desiderio, il mio pensiero, tutto;  la mia morte sia una morte continua per amor tuo, ed ogni morte che subisco sia una vita che intendo dare a tutte le anime. (Cfr. Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 22a Ora)  

Cuore  del mio Gesù squarciato dalla lancia, voglio ritrovare in Te tutta la mia vita;  qualunque cosa starò per fare l’attingerò sempre da questo Cuore divino.  Non darò più vita ai miei pensieri, ma se vita vorranno prenderò i tuoi;  non più avrà vita il mio volere, ma se vita vorrà prenderò la tua Santissima Volontà;  non più avrà vita il mio amore, ma se vita vorrà prenderò per vita il tuo Amore.  O mio Gesù, faccio mia tutta la tua Volontà;  questa è Volontà tua, questo è il mio volere. (Cfr. Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 23a Ora)

Voglio, Amore mio, far rientrare tutte le anime nella tua SS. Umanità per dare a tutte il frutto del tuo Sangue prezioso, ed in ricambio e per conforto voglio portarti i loro affetti, palpiti, pensieri, passi ed opere.   Perciò bacio e faccio mia ogni goccia del tuo prezioso Sangue, faccio mio il tuo Voler Divino, faccio mio l’ardente tuo zelo, il tuo Amore e, girando cielo e terra, voglio andare da tutte le anime per dar loro il tuo Sangue prezioso come pegno della loro salvezza e portarle a Te per calmare le tue smanie che vuoi le anime e calmare i tuoi deliri e raddolcire le tue amarezze.  Voglio racchiudere nel tuo Sangue tutti gli affetti, i desideri, i pensieri, le opere, i passi di tutte le creature e gettare nelle loro anime le fiamme del tuo Cuore, affinché tutte si arrendano a Te.  Chiuse così nel tuo prezioso Sangue e trasformate nelle tue fiamme, tutte le conduco intorno a Te per raddolcirti le tue pene.    (Cfr. Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 7a Ora)   

Mio Gesù, dalle tue piaghe, dal tuo Sangue, voglio attingere la forza di poter ripetere in me la tua stessa Vita e così potrò impetrare a tutti il bene che facesti Tu stesso. (Cfr. Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 20a Ora)

Voglio essere con Te crocifisso nella Volontà del Divino tuo Padre, voglio rispondere al Padre il mio Fiat  insieme con Te;  perciò faccio mio il tuo Volere e Tu, Gesù mio, unisci il tuo Fiat al mio e formane un solo Fiat ed io, con Te, pronuncio il mio !  Ma abbi di me pietà, perché Tu sai che la mia miseria è grande e solo perché Tu lo vuoi io dico con Te al Padre il mio:  “Fiat, Fiat!” (Cfr. Vol. 12 - 10.2.1919)

E mentre tutto in Te mi abbandono, morente mio Crocifisso Gesù, con Te mi abbandono nelle mani del nostro Padre Divino. 

Padre Santo, insieme a Gesù anch’io metto nelle tue mani lo spirito mio e tutte le anime!  E Tu dammi grazia di tutto morire nel tuo Amore e nel tuo Volere, e non permettere mai, né in vita né in morte, ch’io esca dalla tua Santissima Volontà.  Ed intendo, o mio Gesù, riparare con Te il Cuore del Padre per tutti coloro che non si abbandonano perfettamente alla sua Volontà Divina perdendo così, o menomando, il prezioso frutto della tua Redenzione. Amen.