PREGHIAMO CON GESU' NELLA SUA DIVINA VOLONTA'

Depongo  ai  tuoi  piedi  l'Adorazione  di  tutti Gesù, depongo ai tuoi piedi l'adorazione, la sudditanza di tutta l'umana famiglia, depongo sul tuo Cuore il bacio di tutti, nelle tue labbra imprimo il mio bacio per suggellare il bacio di tutte le generazioni, con le mie braccia Ti stringo per stringerti con le braccia di tutti, per portarti la gloria di tutti, le opere di tutte le creature. (preghiera dettata da Gesù a Luisa Piccarreta = Cfr. Vol. 12 - 22.5.1919)

 

Vieni, Divina Volontà, vieni a formare in me la tua Vita continua, vieni a formare il tuo Palpito, il tuo Respiro, il tuo Moto;  vieni a circolare nel mio sangue;  vieni! Amen.

 

Gesù Ti Amo!   (*)

GESU', Ti amo con la tua Volontà!  Vieni, Divina Volontà, a pregare in me e poi offri questa preghiera a Te, come mia, per soddisfare alle preghiere di tutti e per dare al Padre la Gloria che dovrebbero dargli tutte le creature.

GESU', Ti amo con la tua Volontà!  Vieni, Divina Volontà, ad abbracciare in me tutto quello che vuoi che oggi io faccia;  che tutto sia nella tua Divina Volontà per darti il ricambio di amore, adorazione, gloria, come se tutte le creature aprendo gli occhi Ti avessero dato questo contraccambio completo.

GESU', Ti amo con la tua Volontà!  Vieni, Divina Volontà, a pensare nella mia mente. 

GESU', Ti amo!  Vieni, Divina Volontà, a circolare nel mio sangue. 

GESU', Ti amo!  Vieni, Divina Volontà, a guardare nei miei occhi. 

GESU', Ti amo!  Vieni, Divina Volontà, ad ascoltare nelle mie orecchie. 

GESU', Ti amo!  Vieni, Divina Volontà, a parlare nella mia voce. 

GESU', Ti amo!  Vieni, Divina Volontà, a respirare nel mio respiro. 

GESU', Ti amo!  Vieni, Divina Volontà, a palpitare nel mio cuore. 

GESU', Ti amo!  Vieni, Divina Volontà, a muoverti nel mio moto. 

GESU', Ti amo!  Vieni, Divina Volontà, a camminare nei miei passi, per andare in cerca di tutte le creature e chiamarle a Te. 

GESU', Ti amo!  Vieni, Divina Volontà, nel mio scrivere e scrivi la tua legge nell'anima mia. 

GESU', Ti amo!  Vieni, Divina Volontà, nel mio leggere ed imprimi le tue Verità, come vita, nel mio cuore. 

GESU', Ti amo!  Vieni, Divina Volontà, ad operare nelle mie mani. 

GESU', Ti amo!  Vieni, Divina Volontà, a soffrire nel mio soffrire e, la mia anima unita con la tua Volontà, sia il Crocifisso vivente immolato per la gloria del Padre. 

GESU', Ti amo!  Vieni, Divina Volontà, ad offrire nel mio offrire, perché tutto in me chieda del Padre la gloria e la santificazione delle anime.

GESU', Ti amo con la tua Volontà!  Vieni, Divina Volontà, ad adorare in me.  E poiché la tua Volontà moltiplica gli atti all'infinito, così intendo darti soddisfazione come se tutti partecipassero alla Santa Messa nella tua Divina Volontà;  ed intendo dare a tutti il frutto del Santo Sacrificio ed impetrare per tutti la salvezza e la santificazione nel Divin Volere. 

GESU', Ti amo con la tua Volontà!  Vieni, Divina Volontà in questa comunione mia con Te;  vieni, perché io intendo non solo donarti all'anima mia, ma a tutte le anime che non Ti ricevono, per riparare i nostri peccati e dare gloria al Padre.

 

(*) Per comprendere il valore di questa preghiera leggiamo il seguente brano scritto dalla Serva di Dio Luisa Piccarreta nel suo diario, il 2 agosto 1925 - Vol. 17:

 

<< Mentre stavo pregando il Santo Voler di Dio ed immergendomi nella immensità del suo Amore, io mi impossessavo del suo stesso TI AMO per poterglielo a mia volta ripetere ininterrottamente a nome di tutta la Creazione e di ciascun uomo, per ogni moto, respiro e palpito di creatura, quasi eco incessante al Ti amo che a tutti rivolgeva il medesimo Amor mio Gesù.   Ma dopo un momento di riflessione, domandai a me stessa:  'Che fai?  A che serve questa tua cantilena?'

Allora intervenne tutto premuroso il mio amabile Gesù:  "Che cosa dici?", mi domandò.  "Figlia mia, il TI AMO è tutto!  Esso è amore, venerazione, è stima, eroismo e fiducia verso Colui al quale è diretto. 

Ti amo sono due piccole parole che pesano quanto l'eternità intera!  Il mio Ti amo racchiude tutto, coinvolge tutti, si diffonde, si stringe, si eleva in alto, scende fin nel basso, s'imprime ovunque e giammai si arresta.  Chi mai potrà afferrare il suo valore?

La sua origine è eterna.  Nel Ti amo il Padre Celeste Mi generò e nel Ti amo procedette lo Spirito Santo.

Nel Ti amo Iddio diede l'esistenza a tutti gli esseri, perdonò all'uomo colpevole e lo redense.  Mediante il Ti amo l'anima trova tutti in Dio e Dio ritrova tutti in esso.  Il Ti amo, quindi, è di valore infinito, è pieno di vita, di energia, è instancabile nell'operare, supera tutto e trionfa di tutto.

E' per questo motivo che Io bramo così intensamente di udirlo ripetere da te, lo voglio sul tuo labbro, nel tuo cuore, nel volo dei tuoi pensieri, nelle gocce del tuo sangue, nelle pene e nelle gioie, nel cibo che prendi, in tutto".

Per poter meglio corrispondere al desiderio che Gesù mi aveva espresso, io ripensavo agli atti del suo Divin Volere che aveva compito e su ciascuno di essi ponevo il suggello del mio amore.  Nella sua bontà, il mio Signore, mi mostrò la sua adorabile Persona tutta coperta del mio Ti amo.  Esso ne portava l'impronta sulle labbra, sulle mani, sulla punta delle dita, dappertutto.

"Figlia mia - mi disse Egli con tenero accento - vedi quanto gioisco della tua premurosa tenerezza?  Nessuno dei tuoi Ti amo va perduto, ognuno di essi resta indelebilmente impresso in Me.   L'anima che si decide a compiere un bene od una virtù, forma col suo stesso proposito il seme di quel bene o di quella virtù.  Tutte le volte che rinnova il suo esercizio, essa innaffia quel seme nel campicello del proprio cuore e quanto più spesso lo irrora, tanto più la pianta cresce bella e rigogliosa, atta a produrre subito frutto.  Se invece i suoi atti sono scarsi, quel seme resta come soffocato e se pur produce la pianta, questa cresce esile e non porterà mai frutto.

Perciò ripetendo Ti amo tu innaffi l'albero dell'amore, moltiplicando gli atti di pazienza tu innaffi e formi l'albero della pazienza, rinnovando i tuoi atti nella Volontà, tu alimenti e sviluppi l'albero divino ed eterno della vita della mia Volontà in te.  Nessuna cosa si può formare mediante un atto solo.  Non vi è che il tuo Gesù che possegga questa virtù, perché Egli è la stessa Potenza creatrice.  L'uomo invece deve ripetere sempre il medesimo atto e formare così stilla a stilla il bene che vuol compiere.  Poco per volta egli ne acquista l'abitudine, che diviene in lui come una seconda natura.  Soltanto dopo lungo esercizio egli giunge ad essere possessore della sua opera ed a godere del frutto del suo lavoro.

Anche nell'ordine naturale succede così;  nessuno, infatti, diventa maestro leggendo qualche rara volta un libro, nessuno raccoglie in un sol colpo i frutti del proprio campo.  Nel ripetere sempre lo stesso atto si di-mostra che si ama e si apprezza ciò che si esegue e che si vuole posse-derne l'effetto.  Perciò, ripeti senza stancarti mai il tuo:  Ti amo, Ti Amo, Ti Amo! >>.

E il 2 ottobre 1913 (Vol. 11) Luisa scrive:

<< ... Avendo fatto la Comunione, stavo dicendo a Gesù:  "Ti amo", e Lui mi ha detto:  "Figlia mia, vuoi amarmi davvero?  Dì:  'Gesù, Ti amo con la tua Volontà';  e siccome la mia Volontà riempie Cielo e terra, il tuo amore Mi circonderà ovunque e il tuo Ti amo si ripercuoterà lassù nei Cieli e fin nel profondo degli abissi.  Così, se vuoi dire  "Ti adoro, Ti benedico, Ti lodo, Ti ringrazio", lo dirai unita con la mia Volontà e riempirai Cielo e terra di adorazioni, di benedizioni, di lodi, di ringraziamenti, nella mia Volontà.  Queste sono cose semplici, facili ed immense.

La mia Volontà, è tutto, tanto che gli stessi miei attributi, che sono?  Un atto semplice della mia Volontà.  Sicché se la Giustizia, la Bontà, la Sapienza, la Fortezza, fanno il loro corso, la mia Volontà le precede, le accompagna, le mette in atto di operare;  insomma, non si spostano un punto dal mio Volere.  Perciò, chi prende la mia Volontà prende tutto, anzi può dire che la sua vita è finita, finite le debolezze, le tentazioni, le passioni, le miserie, perché in chi fa il mio Volere tutte le cose perdono i loro diritti, perché il mio Volere ha il primato su tutto e diritto a tutto" >>.

 

(All'inizio della giornata:)

GESU', Ti amo con la tua Volontà!  Vieni, Divina Volontà, nel mio lavarmi e lava l'anima mia da ogni macchia. 

GESU', Ti amo con la tua Volontà!  Vieni, Divina Volontà, nel mio vestirmi e vestimi con la tua luce. 

GESU', Ti amo con la tua Volontà!  Vieni, Divina Volontà, nel mio mangiare e nutrimi con il tuo cibo.

 

VIVERE con gli ANGELI  nella VOLONTA' di DIO

Padre Santo, nella tua Suprema Volontà, metto il mio Angelo Custode e tutti gli Angeli del Paradiso.  Fa', o Padre, che Essi pos-sano essere investiti di sempre maggior Luce, Gloria e beatitudine per ritornartela e riceverla moltiplicata, e così per tutta l'Eternità.  Amen. 

Divina Volontà, nella Unità della tua Luce, metto il mio Angelo Custode, perché lo investa di sempre maggiore Luce e beatitudine.  Fa', o Signore, che il mio Angelo sia la stella luminosa del Divin Volere per la mia anima, affinché vivendo insieme nel tuo Volere, possiamo renderti Gloria perenne in questa terra e per tutta l'eternità in Cielo.

 

Angelo mio, Custode mio, rapisci i miei atti e portali a Dio.

Angelo mio, Custode mio, fammi vivere sempre nella Volontà di Dio.

Angelo mio, custodisci in me la Volontà di Dio.

 

CONSACRAZIONE alla DIVINA VOLONTA'

O Volontà Divina e adorabile, eccomi davanti all'im-mensità della tua Luce, perché la tua eterna Bontà mi apra le porte, mi faccia entrare in Essa per formare la mia vita tutta in Te, Volontà Divina.

Perciò, dinanzi alla tua Luce prostrata, io, la più piccola fra tutte le creature, vengo, o adorabile Volontà, nella piccola schiera dei piccoli figli del tuo FIAT Supremo.

Prostrata nel mio nulla, supplico e scongiuro la tua Luce interminabile che voglia investirmi ed eclissare tutto ciò che non Ti appartiene, in modo che non faccia altro che guardare, comprendere e vivere in Te, Volontà Divina.

Essa sarà la mia vita, il centro della mia intelligenza, la rapitrice del mio cuore e di tutto l'essere mio.  In questo cuore non avrà più vita il volere umano, lo bandirò per sempre e formerò il nuovo Eden di pace, di felicità e di amore.  Con Essa sarò sempre felice, avrò una forza unica, una santità che tutto santifica e tutto porta a Dio.

Qui prostrata invoco l'aiuto della Trinità Sacrosanta che mi ammetta a vivere nel chiostro della Divina Volontà, affinché ritorni in me l'ordine primiero della Creazione, così come fu creata la creatura.

Mamma Celeste, Sovrana Regina del FIAT Divino, prendimi per mano e chiudimi nella luce del Volere Divino. Tu sarai la mia guida, la mia tenera Madre e mi insegnerai a vivere e a mantenermi nell'ordine e nei recinti della Divina Volontà.  Sovrana Celeste, al tuo Cuore affido tutto l'essere mio.  Sarò piccino, piccolo figlio della Divina Volontà.  Tu mi farai scuola di Volontà Divina ed io starò attento ad ascoltarti. Stenderai il tuo manto azzurro su di me, perché il serpe infernale non ardisca penetrare in questo sacro Eden per allettarmi e farmi cadere nel labirinto dell'umano volere.

Cuore del mio Sommo Bene, Gesù, Tu mi darai le tue fiamme perché mi brucino, mi consumino e mi alimentino, per formare in me la vita del Supremo Volere.

San Giuseppe, tu sarai il mio protettore, il custode del mio cuore e terrai le chiavi del mio volere nelle tue mani. Custodirai il mio cuore con gelosia e non me lo darai mai più perché io sia sicuro di non fare nessuna uscita dalla Volontà di Dio.

Angelo mio custode, fammi da guardia, difendimi, aiutami in tutto, affinché il mio Eden cresca fiorito e sia il richiamo di tutto il mondo nella Volontà di Dio.

Corte Celeste, vieni in mio aiuto ed io ti prometto di vivere sempre nella Volontà Divina.

 

CONSACRAZIONE a GESU'  RE dell'UNIVERSO

O Gesù, Re dei Re, Dio di Bontà, Dio di Amore e di Misericordia, io adoro, amo, ringrazio, glorifico la tua Volontà Santissima, emanata dalla tua Onnipotenza, guidata dalla tua Sapienza, accompagnata dalla tua Bontà ed Amore.  Ovunque ed in ogni tempo, sia nella gioia che nel dolore, la tua SS. Volontà, il tuo Divino Amore, siano la stella che rimiro, la legge che mi governa, l'aria che respiro, il palpito del mio cuore, la sostanza, o meglio la vita della mia vita.  A tal fine unisco a tutte le mie preghiere ed azioni, le tue, tutta la mia vita alla tua, nonché a quella della Vergine SS. Madre tua e Madre mia, di San Giuseppe e di tutti gli Eletti che sono stati, sono e saranno, con tutto il bene passato e futuro che è reale possibile in Cielo e in terra.

IO CONSACRO e DONO tutto me stesso, quanto ho, quanto sono, quanto mi appartiene, quanti mi sono cari, la mia vita, la mia morte, la mia eternità, tutto ciò che hai creato e creerai, al tuo Supremo Volere, al tuo infinito Amore e ti prego, o Sapienza infinita, di scrivermi a caratteri indelebili nel tuo adorabile Cuore, qual figlio ardente e zelante, del tuo Divino Volere e del puro Amore tuo.

Io compio questa offerta e donazione nella Potenza del Padre, nella Sapienza del Figlio, nella Virtù dello Spirito Santo, in nome mio ed in nome di tutte le creature e per ottenere l'av-vento e l'espansione della Divina Volontà e del Divino tuo Amore sulla terra.

Deh!  fa', o mio Signore, che da ogni labbro e da ogni cuore, come da sacro Altare, si innalzi continuamente al Cielo, la preghiera che Tu stesso per primo rivolgesti al Padre:  " VENGA IL TUO REGNO, SIA FATTA LA TUA VOLONTA' COME IN CIELO COSI' IN TERRA ".  Così sia.

 

Insieme a Te, Gesù, Adoro l'Eterna Maestà

Gesù, Amor mio, fregiami di Te, vestimi di Te e così, immedesimato con la tua Umanità, io posso venire insieme con Te innanzi alla Maestà dell'Eterno.  Sperduto innanzi a questa Maestà che è Luce inaccessibile, immensa, variata, di bellezza incomprensibile, da cui tutto dipende, adoro insieme con Te nell'immensità della tua Volontà la Potenza Increata.  Con Te, pur se piccola creatura, io vengo ad adorare in modo divino, a nome di tutti i miei fratelli delle generazioni di tutti i secoli, Colui che tutto ha creato e da Cui tutte le cose dipendono.  Adoro insieme a Te, Gesù, perché voglio che queste adorazioni si moltiplichino per tutti e, mettendosi innanzi al Trono dell'Eterno come a difesa per chi non vuole riconoscere l'Eterna Maestà anzi La insulta, corrano a bene di tutti per far conoscere a tutti l'Unica Suprema Maestà.  (Cfr. Vol. 12 - 10.2.1919) 

 

PREGHIERA alla SS. VOLONTA' di DIO

O eterna e inaccessibile VOLONTA' Suprema del mio Eterno Amore, prostrato innanzi a Te, la tua immensità m'av-volge, mi inabissa, mi annienta, ma m'innalza nel contempo fino al tuo Trono e mi ridà la vita, vita nuova, immutabile e santa, la vita dello stesso Volere del mio Gesù, nel cui centro trovo, come in un sol punto, passato, presente e futuro.  Oh sì, trovo il Supremo Volere creante, il quale in tutte le cose che crea mi manda amore, oceani di immensità di amore, però aspetta il ricambio di ogni creatura, ed io, a nome di tutta l'umana famiglia, dalla prima all'ultima creatura, prendo da questo imperscrutabile Volere l'amore di ciascuna di esse, ed entro in ogni atto creante, in ogni luccichìo di stelle, in ogni raggio di luce del sole, in ogni alito di vento, in ogni goccia di acqua, in ogni essere vegetale ed animale, e poi entro in ogni palpito di ciascun cuore, in ogni parola, passo, opera, pensiero, sguardo e, riempiendo tutto d'amore, mi porto innanzi alla Maestà Suprema, per darLe il ricambio dell'amore d'ogni cosa creata.

O VOLONTA' amabile e potentissima, VOLONTA' immensa da cui tutto esce e niente sfugge, vengo a portare ai tuoi piedi santissimi l'amore di tutti, vengo ad armonizzare insieme con l'amore creato.  Ah sì, per tutto Ti ricambio in amore:  la mia voce armonizzi su tutto ed in tutti, e facendo eterna questa voce, perché si moltiplichi in ogni istante sino all'infinito, Ti dirò sempre:  Ti amo, Ti amo, Ti amo;  sarò il suggello dell'amore creato, per cui non ci sarà cosa o detto che non suggellerò col mio amore.

O Gesù, seguendo il tuo Volere Eterno, entro nel primo istante del tuo concepimento, in ogni tuo palpito, pensiero e respiro, ed in ogni tuo moto, preghiera e pena che soffristi nel seno materno, in ogni tuo gemito, lacrima e stento della tua infanzia, in ogni passo, opera e parola della tua vita mortale;  entro nella tua VOLONTA' SS., nel mare immenso della tua Passione, in ogni goccia del tuo Sangue, in ogni piaga, in ogni insulto e disprezzo, in ogni spina, schiaffo e sputo, m'immedesimo nelle pene che soffristi sulla Croce, nella sete ardente, nell'amarezza del fiele, nelle tue riparazioni e soddisfazioni, fin nell'ultimo tuo anelito, ed insieme con tutte le generazioni ed a nome di tutte, entro nella interminabile tua VOLONTA' in cui tutti sono compresi.  E così in modo divino, vengo a darti il ricambio d'amore, riparazione per riparazione;  mi sprofondo nell'abisso del tuo Volere ed adoro ogni goccia del tuo Sangue, bacio ogni piaga, Ti benedico, lodo e ringrazio per ogni tuo atto.  Nel tuo Volere mi hai dato tutto ed io nel tuo Volere Ti ricambio per tutto e per tutti.

Amor mio, uniamo insieme il FIAT creante, il FIAT redimente, ed il mio FIAT nel tuo Volere, facciamone uno solo:  l'uno scompaia nell'altro, affinché Tu abbia amore completo, gloria perpetua, adorazione divina, benedizioni e lodi eterne della Creazione e del tuo Fiat Voluntas tua come in Cielo così in terra.

Celeste Regina, Mamma divina, Tu che avesti il primato nel Divin Volere, stendi il Tuo manto azzurro e, nell'im-mensità del Volere Eterno, ravvolgi tutte le creature, suggella  col suggello del Divin Volere la loro fronte, affinché tutte vivano della vita della Divina Volontà sulla terra, per poter passare nel tuo grembo materno a vivere della DIVINA VOLONTA' in Cielo. Così sia.

 

ATTO di RIPARAZIONE COMPLETO nel DIVINO VOLERE

Mio dolce Gesù, entro nel tuo VOLERE e mi prostro ai piedi della Maestà Suprema, ed a nome dell'umana famiglia, passata, presente e futura, vengo nell'immensità di questo DIVIN VOLERE, in cui tutte le generazioni sono tutte in atto come se fosse un punto solo, ed a nome di tutti vengo ad adorarti ed a prestarti gli omaggi che come a nostro Creatore tutti dobbiamo.

Vengo a riconoscerti a nome di tutti Creatore di tutte le cose, e per tutti e per ciascuna cosa creata, vengo ad amarti, a lodarti e ringraziarti.  Nella santità del tuo Volere vengo a sostituirmi per tutti e per ciascuna creatura ed anche per le stesse anime perdute per darti riparazione delle colpe per cui si perdettero:  per tutti voglio ripararti, e per ciascuna offesa voglio supplire, amarti per tutti e moltiplicandomi nel tuo Santo Volere in ciascuna creatura, voglio assorbirle tutte in me, per darti a nome di tutte, come se fosse una sola, non solo amore, ma amore divino, gloria, riparazione, ringraziamento in modo divino.

Nel tuo VOLERE, Amor mio, voglio sorvolare in ciascun pensiero di creatura, in ciascun sguardo, in ciascuna parola, opera e passo, e poi vengo a deporre tutto ai piedi del tuo Trono come se tutti gli atti delle creature fossero stati fatti per Te; e se alcuni si negassero, io mi sostituirò per loro. 

Sul moto delle mie labbra Ti porto il bacio di tutte le creature e con le mie braccia Ti porto l'amplesso di tutti; non vi è atto che io non voglia supplire.  Tu, o mio Gesù, dolce mia Vita, suggella con la tua benedizione questa riparazione e fa' che ogni atto che io compio, si ripeta, si moltiplichi e sia in continuo atto di volare dalla terra al Cielo per portare al tuo Trono a nome di tutti, amore, gloria e riparazione divina.

 

Mio Gesù, dammi la tua Volontà e prendi la mia, affinché mi faccia santo con la tua Santità, ami col tuo Amore, palpiti col tuo Cuore, cammini coi tuoi passi, ripari con le tue riparazioni
e formi con la mia parola un Gesù nei cuori di chi mi ascolta. 
Mamma Regina, nascondimi sotto il tuo manto, per tenermi difeso da tutto e da tutti.  (dall'Epistolario di Luisa)

E stando nel Tuo Volere, o mio Gesù,  imprimo il mio Ti amo su ciascuna cosa creata, su tutti i Beati del Cielo e in particolare nella Regina Mamma e, in virtù di quella Volontà Divina che le conserva belle e integre, e che la Vergine Maria possiede da Regina, Ti chiedo che il FIAT Supremo venga sulla terra.  (Cfr. Vol. 20 - 11.2.1927)

 

Mamma mia, Ti amo e Tu amami e da' un sorso di Volontà di Dio all'anima mia.  Dammi la tua benedizione affinché possa fare tutte le mie azioni sotto il tuo sguardo materno.

Mamma Santa, vieni Tu in me a fare ogni mio atto. 
Guidami Tu, mettimi nel tuo Cuore:  voglio fare tanti atti per quanti Dio ne ha pensati per me fin dall'eternità;  anzi, voglio prendere e fare miei proprio quegli atti che Lui ha già fatti e preparati per me.

 

CONSACRAZIONE della volontà umana alla REGINA del CIELO

MAMMA dolcissima, eccomi prostrato dinanzi ai piedi del tuo trono per offrirti il mio immenso amore!  Qual figlio tuo voglio intrecciare come in un serto profumato tutte le preghiere, le giaculatorie, le promesse che tante volte Ti feci, di non compiere mai più la mia volontà.

Mamma, io depongo questa bella corona nel tuo grembo come attestato di amore e di ringraziamento:  accettala, Ti prego e prendila fra le tue mani per dimostrarmi che gradisci il mio dono.  Col tocco delle tue dita materne converti in altrettanti Soli i piccoli atti che cercai di fare nella Volontà di Dio.

O sì, Madre Regina, il tuo caro figlio vuol offrirti oggi gli omaggi di luce e di Soli fulgidissimi;  so bene che Tu ne possiedi già tanti, tuttavia non sono quelli del figlio tuo, io, perciò, voglio darti i miei, per dirti che Ti amo e che m'impegno di amarti sempre più.

Mamma Santa, Tu mi sorridi:  deh, con la tua consueta bontà accetta il mio dono ed io Te ne sarò tanto riconoscente!

Quante cose vorrei dirti!   Mamma, ascolta:  io rinchiudo nel tuo Cuore materno le mie pene, i miei timori, le mie debolezze e tutto l'essere mio, come in luogo di rifugio, mentre Ti consacro senza riserva la mia volontà.  Deh, o Madre mia, accettala, fanne un trionfo della grazia, trasformala in un campo dove la Divina Volontà possa estendere il suo Regno!  Questa volontà a Te consacrata ci renderà inseparabili e ci terrà in continui rapporti;  le porte del Cielo non si chiuderanno più per me, perché avendoti affidata la mia volontà, Tu verrai a stare con il tuo figlio in terra e il tuo figlio andrà a vivere con la sua Mamma in Cielo.  Oh, come sarò felice allora!

Senti, Mamma carissima, per rendere più solenne questa consacrazione io chiamo qui presenti la Trinità Sacrosanta, gli Angeli ed i Santi e dinanzi a tutti protesto con giuramento di fare per sempre solenne rinunzia della mia volontà.

Ed ora, Sovrana Regina, Ti chiedo come compimento per me e per tutti la tua Santa Benedizione.  Scenda essa come celeste rugiada sui peccatori e li converta, sopra gli afflitti e li consoli, sopra il mondo intero e lo trasformi nel bene, sulle anime purganti e smorzi loro il fuoco che le brucia.  La tua benedizione materna sia pegno di eterna salvezza a tutte le anime!   Così sia.

 

Gesù, Ti amo con la tua Volontà; sperdi la mia volontà nella Tua e dammi la Tua per vivere. (Cfr. Vol. 36 - 11.7.1938)

 

ATTO di RINUNCIA  e  di OFFERTA

Io ..... rinnovo i voti del mio Battesimo, rinuncio alla mia volontà, implorando quella Divina.  Detesto, aborrisco, rinuncio a tutto ciò che fin dal primo attimo della mia esistenza è stato causa di peccato mortale, veniale, vanità, ecc. e, nella potenza del Fiat Supremo della Divina Volontà offro irrevocabilmente tutto il tempo di mia esistenza terrena, dal primo all'ultimo respiro, in un purissimo, perfetto e disinteressato Atto d'Amore di Dio nella Volontà Divina.

Rinnego nel modo più assoluto tutto ciò che mi può aver impedito o vorrà impedirmi in questo.  Metto questo Atto di Rinuncia e Offerta Totale nelle tue mani, Maria Santissima, mia dolce e vera Madre, affinché Tu tutto avvalori e disponi in merito agli atti della Divina Volontà che per tutti ha meritato.  Sigillami Tu nell'amatis-simo Cuor di Gesù, nella sua Divina Volontà.  Ribattezzami Tu nel suo Preziosissimo Sangue e così ricoperto dei suoi meriti infiniti presentami alla SS. Trinità.   Così sia!

 

Nei  PATIMENTI

Gesù mio, tutto per amore tuo!  Questi dolori siano tanti atti di lode, di onore, di omaggio che Ti offro;  questi dolori siano tante voci che Ti glorifichino e tanti attestati che dicano che Ti amo.   (Cfr. Vol. 2 - 21.8.1899)

Soffro nella tua Volontà, mio Gesù, perché ogni mia pena sia una vita che do a Te per impetrare anime.  Il mio patire baci il tuo, e così intendo, o mio Gesù, darti la soddisfazione delle stesse tue pene.   (Cfr. Le Ore della Passione... - 15a Ora)

Gesù, Ti offro la mia sofferenza unita a quella tua sofferenza che avesti nell'Orto quando sudasti Sangue per i miei peccati.  La mia umanità sia la croce e la mia anima unita con la tua Volontà sia il Crocifisso vivente che stia continuamente innanzi a Te per darti la soddisfazione che Tu stesso desti all'E-terno Padre.  O Gesù, dolce mia Vita, le mie preghiere e le mie pene s'innalzino sempre verso il Cielo per far piovere su tutti la luce della Grazia e assorbire in me la tua stessa Vita.   (Cfr. Le Ore della Passione di N.S.G.C. - 6a Ora)

 

(Per qualcuno che soffre:)

Gesù, stando nel tuo Volere imprimo il mio Ti amo nel tuo ti amo ed unisco il tuo patire al patire di ( N. N. ) perché Tu trovi in lui il tuo stesso patire.

Gesù, Ti amo con la Tua Volontà! 
Vieni Divina Volontà a soffrire nel mio soffrire, e la mia anima unita con la Tua Volontà, sia il Crocifisso vivente immolato per la gloria del Padre.

Ed a Te mi rivolgo, Madre mia Addolorata.  Metto nel tuo Cuore trafitto tutte le mie pene - e Tu sai come mi trafiggono il cuore! -  Fammi da mam-ma e versa nel mio cuore il balsamo dei tuoi dolori, affinché abbia la tua stessa sorte di servirmi delle mie pene come monetine per conquistare il Regno della Divina Volontà.   (Cfr. La Vergine Maria nel Regno della Divina Volontà - 23o giorno)

 

FUSIONE NELL'UMANITA' SS. DI GESU'

Essendo ritornato di nuovo Gesù, - scrive la Serva di Dio Luisa Piccarreta - siccome io
stavo tutta fondendomi nel Divino Volere, mi ha detto : " Figlia carissima del Mio Volere, Io sto con ansia aspettando queste tue fusioni nella Mia Volontà.  Tu devi sapere che come Io pensavo nella Mia Volontà, così venivo informando i tuoi pensieri nella Mia Volontà, preparandone il posto;  come operavo, venivo informando le tue opere nel Mio Volere, e così di tutto il resto.   Ora, ciò che facevo non lo facevo per Me, ché non avevo bisogno, ma per te;   perciò ti aspetto nella Mia Volontà, che venga a prendere i posti che ti preparò la Mia Umanità, e sopra le mie informazioni venga a fare le tue;  allora sono contento e ne ricevo completa gloria:  quando ti vedo fare ciò che feci Io "    (Vol. 13° - 16.9.1921 )

 

Gesù, fonditi in me ed io mi fondo in Te.  Gesù, facciamo tutto insieme, fondiamoci a vicenda nella Volontà, nei desideri e nell'amore, per potermi fondere nei desideri, nella volontà, nell'amore di tutte le creature, affinché tutte restino rinnovate nel tuo Volere;  e poi fondo tutte le mie piccole particelle nelle tue per potermi fondere in tutte le particelle delle creature, per darti per tutte quell'amore, quella gloria e quella soddisfazione che tutti Ti negano;  e Ti chiedo di suggellare questo mio atto, o Gesù, con la tua benedizione per me e per tutti.

Vita mia, Gesù, mi fondo tutto nella tua SS. Umanità e Divinità, parte per parte, perché la tua Umanità ha per centro di vita la Divina Volontà e chi vive in Essa vive in questo centro diffondendo luce dovunque e a tutti.  Fondo quindi, mio Gesù, la mia intelligenza nella tua Intelligenza, la mia memoria nella tua Memoria, la mia volontà nella Divina Volontà.  Fondo il mio sguardo nel tuo sguardo, il mio olfatto nel tuo, o Gesù, la mia voce nella tua voce, il mio udito nel tuo.  Fondo le mie mani e le mie opere nelle tue mani e nelle tue opere;  il mio palpito e respiro nel tuo palpito e respiro e la circolazione del mio sangue nella circolazione del tuo Sangue, o mio amato Gesù.  Fondo le mie intenzioni nelle tue intenzioni, il mio piccolo amore nel tuo infinito amore e le mie riparazioni nelle tue riparazioni...   (Cfr. Vol. 18 - 1.10.1925)

 

Voglio intrecciare il mio operato con il tuo, Gesù

Voglio fondermi nel tuo Volere, o mio Gesù, ed intrecciare il mio operato con il tuo.  Nel tuo Volere voglio far miei tutti i pensieri tuoi, che sempre fan corona ad ogni intelligenza creata in attitudine continua di donarsi;  voglio intrecciare ogni mio atto con il tuo, voglio far mia ogni tua parola, ogni tua opera ed ogni passo tuo, per fare insieme a Te corona agli atti di tutte le creature, ad ogni parola loro, ad ogni loro opera e passo.  Voglio che Tu possa dire al Divin Padre che l'operato mio è come il tuo.  Voglio, nel tuo Divin Volere, che i tuoi pensieri sentano la propria eco nella mia mente e, immedesimandosi insieme coi miei, moltiplichino i miei coi tuoi, per formare con Te doppia corona intorno all'intelligenza umana ed il Padre abbia così, anche dalle sue creature, tutta la gloria divina che da Te riceve.  E questo voglio anche per ogni parola e per ogni opera e passo umano.   (Cfr. Vol. 14 - 28.3.1922)

 

Gesù, voglio copiare la tua Umanità e, con Te, suggellare tutto col tuo Volere

Mio amato Gesù, voglio vivere con Te, nella tua Umanità, nel centro del tuo Voler Divino;  voglio operare con Te e con Te voglio spandermi a destra ed a sinistra, davanti e di dietro, per fare il giro dei secoli tutti, elevando ad ogni atto umano il mio atto in modo divino, in virtù della tua Volontà.  Voglio che l'eco tua risuoni nella mia e la mia nella tua e se ne faccia una sola.   (Cfr. Vol. 14 - 19.10.1922)  Voglio fare con Te ciò che fa la tua Volontà, perché non c'è bene che la tua Volontà non contenga ed è Essa la vita di tutti i beni che si fan dalle creature.  Voglio operare con Te, nella tua Volontà, perché so che un istante solo d'operato della tua Volontà Divina, sorpassa tutto l'operato di tutte le creature, passate e presenti e future;  io so che vale più un mio solo istante nella tua Volontà che tutto ciò che potrei fare di bene in tutta la vita mia.  (Cfr. Vol. 11 - 8.3.1914)   Perciò, mio amato Gesù, voglio vivere nel tuo Volere per moltiplicare la tua Vita e ripetere all'infinito tutto il bene che la tua Vita contiene.  Entro quindi nel tuo Voler Divino per distendermi in tutti ed in tutto:  dal primo all'ultimo pensiero, dalla prima all'ultima parola, dalla prima all'ultima azione e passo che si son fatti e si faranno.  Voglio suggellare tutto col tuo Volere, affinché Tu, Suprema Maestà, possa da tutto ricevere la gloria della tua Santità, del tuo Amore e della tua Potenza, e tutto ciò che è umano resti coperto, nascosto, improntato dal tuo Voler Divino, affinché nulla, nulla resti d'umano in cui Tu non riceva completa gloria divina. (Cfr. Vol. 13 - 8.11.1921)   Perciò, Amor mio Gesù, il fiumicello di tutti i miei atti fatti nel tuo Voler Divino scorra nel mare immenso del tuo Volere:  scorra ogni mio pensiero nella tua Volontà, perché ai riflessi della

tua Intelligenza, che è pensiero di ciascuno, si elevi il mio pensiero su ciascuna intelligenza creata, per darti d'ogni pensiero l'omaggio, in modo divino;  scorrano le mie parole ed opere nel tuo Volere, affinché al riflesso della tua Parola Fiat che fece tutte le cose ed è parola di ciascuno, ed ai riflessi della Santità delle tue Opere che è vita e moto di tutto, elevandomi su tutto e su tutto sorvolando, io Ti dia la gloria d'ogni parola e d'ogni opera, con la stessa tua Parola Fiat e con la stessa Santità delle tue Opere. 

O Gesù mio, io voglio entrare nell'Umanità tua SS. e copiare ciò che faceva l'anima della tua Umanità nella tua Divina Volontà e, con Te voglio abbracciare tutti i secoli e tutte le creature ed elevarmi su tutti, per mettere in vigore i diritti della Creazione che solo spettano a Te e che riguardano le creature, portando tutte le cose alla prima origine della Creazione ed allo scopo per cui Tu tutto creasti.  Voglio che tutti gli atti umani abbiano vita nel tuo Voler Divino per formarvi il loro piano, di tutti gli atti umani cambiati in atti divini, con l'impronta della nobiltà, Santità e Sapienza Suprema, secondo il tuo scopo della Creazione;  voglio che ogni atto di creatura sia fatto nel tuo Voler Santo e, qual fiumicello, venga a prendere il suo posto nel mare immenso del Volere Eterno, perché ogni creatura cresca a somiglianza tua, operando con gli stessi modi tuoi, stando con Te e vivendo in Te, e così il tuo Volere scenda sulla terra per farsi conoscere e finalmente regnarvi.   (Cfr. Vol. 14 - 6.10.1922)

 

Gesù, mi sperdo in Te

Gesù, mi sperdo in Te:  sperdo la mia preghiera nella tua, in modo che la tua e la mia siano una sola preghiera e più non si conosca quale sia la tua e quale la mia;  sperdo le mie pene, le mie opere, il mio volere, il mio amore, tutti nelle pene tue, nelle tue opere, nel tuo Volere, nel tuo Amore, in modo che si mescolino le une con le altre da formare una sola cosa, tanto ch'io possa dirti:  "Ciò che è tuo, Gesù, è anche mio".  E, con mio guadagno grandissimo e con sommo tuo contento, voglio ripeterti spesso, in tutto ciò che faccio:  "Amato mio Gesù, lo verso in Te, per poter fare non la mia volontà, ma la Volontà tua Divina".  E Tu, versa il tuo agire in me. (Cfr. Vol. 12 - 31.1.1918)   E così, sperso nella tua Umanità, voglio seguire, o Gesù mio, tutto il tuo operato, e quindi, nel tuo Volere unisco i miei pensieri ai tuoi, e siccome i tuoi pensieri circolano in ogni intelligenza creata, voglio che ogni pensiero di creatura attinga dai tuoi l'amore della tua Intelligenza, per poter mettere nel volo dell'amore ciascun pensiero di creatura;  voglio che questo volo giungendo fin su nel Cielo, innanzi alla Suprema Maestà, confondendosi con l'Eterno Amore, attiri in terra su tutte le creature l'Amore increato della Trinità Santissima.   (Cfr. Vol 16 - 6.9.1923)

 

Gesù, lascio il mio essere in Te: tutto io voglio vivere nella tua Umanità

Sempre voglio starmi stretto con Te, mio Gesù:  quando soffro o quando prego, se mi muovo o se respiro, se lavoro, se mangio, se dormo, tutto, tutto io voglio fare nella tua Umanità, tutto il mio operato voglio far uscire da Te.  Non voglio essere altro che la scorza, così che, rotta la scorza dell'opera mia, dentro Tu trovi il frutto dell'opera divina.  E questo voglio farlo a bene dell'intera umanità;  voglio che ogni mia azione, anche la più indifferente, da Te riceva la vita ed acquisti il merito della tua Umanità, in modo che la tua Umanità SS. possa trovarsi come vivente in mezzo alle genti.  Voglio, insieme a Te, abbracciare e contenere tutte le creature, con Te che, Uomo e Dio, non solo contieni nel tuo respiro il respiro di tutte le creature, ma tutto in Te contieni:  ogni movimento, azione e pensiero, per tutto santificare e tutto divinizzare e riparare.  E così il mio operato nel tuo si diffonderà a bene di tutti e Tu da me tutto vi prenderai, mio amato Bene. (Cfr. Vol. 7 - 28.11.1906)  Perciò io voglio stringermi più stretto con Te, anzi immedesimato;  voglio lasciare il mio essere in Te e prendervi il Tuo, fino a giungere a sperdere tutto il mio essere in Te come Tu lo trasfondi nel mio;  voglio in tutto prendere ciò che è tuo e in tutto lasciare ciò che è mio.  E quindi, in Te io vi lascio la mia

mente e prendo la tua Mente divina e così sempre e solo a cose sante penserò e che riguardano solo il bene e solo riguardano l'onore e la gloria di Dio.  In Te lascio i miei occhi, la mia bocca, il mio cuore, le mie mani e i miei passi...  Oh, quanto sarò felice d'ora in poi!  Penserò con la tua mente, guarderò con i tuoi occhi, parlerò con la tua bocca, Ti amerò col tuo Cuore, opererò con le tue mani, camminerò coi piedi tuoi;  quindi io voglio parlare ed operare sempre bene e solo per amore tuo, e voglio camminare le vie rette e sante;  e prendendo il tuo Cuore voglio amare Te solo e poterti amare col tuo stesso Amore.  Tutto di Te io voglio esser rivestito e di tutte le cose tue, e Tu delle cose mie, che Tu stesso metti in me e che sono tue.  Nessun'altra unione più stretta con Te, di questa, io posso cercare!  Oh, come l'anima mia si sente beata!  Ah, sì, perché anche la tua Beatitudine io prendo, o mio amato Gesù!   (Cfr. Vol. 8 - 8.1.1909  +  Vol. 9 - 4.11.1909)

 

Gesù, io entro in Te e mi trasformo in Te: voglio riempirmi tutto di Te e prendere tutto ciò che in Te vi trovo, per operare con Te il tuo stesso operato. 

Voglio andare da tutte le creature ed a ciascuna dare tutto ciò che insieme abbiamo operato; 
voglio dare a ciascun uomo la tua Vita divina. 

E poi ritorno subito in Te, perché per tutti Ti voglio pregare;  tutti vengo a scusare e per tutti vengo a riparare e ad amare. 

Per tutti io voglio saziarti d'amore, o Amor mio, e, a nome di ogni creatura voglio io darti tutta la gloria che tutte dovrebbero darti. (Cfr. Vol. 8 - 9.2.1908)

 

In Te voglio darmi in balia della Volontà del Padre e con Te voglio vivere, operare ed amare

Mio amato Gesù, con Te io voglio darmi, in ogni mio atto, sempre in balia della Volontà del Padre.  Con Te, voglio pensare nella Mente del Padre tuo;  quando parlo, voglio parlare nella bocca e con la lingua del Celeste Padre;  se opero, voglio operare nelle mani del Padre Divino.  Anche il mio respiro, voglio in Lui respirare, e tutto ciò che faccio voglio ordinarlo come Lui vuole.  Così, io svolgerò con Te, Gesù, la mia vita nel Padre e, con Te il portatore del Padre io sarò;  perché niente farò da me, ma, con Te, tutto chiuso nel suo Volere io solo vivrò. (Cfr. Vol 12 - 14.8.1917)  E se Tu, Gesù, vieni in me ad operare, con Te io tutto saprò far bene.  Gesù, io voglio amare:  vieni Tu insieme con me ad amare;  Gesù, io voglio pregare:  vieni Tu a pregare con me;  Gesù, un sacrificio io debbo fare:  vieni Tu a darmi la tua forza, perché troppo debole io sono. (Cfr. Vol. 11 - 20.8.1912)    Vita mia, vieni Tu in me, perché nulla io sono e Tu sai che nulla io ho;  tutto ciò che faccio lo prendo da Te e poi lo lascio di nuovo a Te, perché le cose mie, stando in Te, abbiano continuo atto e vita in Te, ed io rimango sempre nulla.  Perciò, prendo il tuo Amore e lo faccio mio e Ti dico:  "Ti amo con un Amore eterno, immenso, con un Amore che non ha limiti né fine e che è uguale al tuo, Gesù!" (Cfr Vol. 11 - 1.11.1915)   Voglio perciò far vita nel tuo Voler Divino, mio amato Bene:  voglio dare la forma della tua Mente alla mia mente, voglio dare al mio sguardo la forma del tuo Sguardo e la forma della tua Parola alla mia parola e del tuo moto al mio moto;  perché la vera vita della mia anima fatta nel tuo Volere non è altro che la formazione della mia vita nella tua Vita, dando la tua stessa forma a tutto ciò che io faccio.  Perdo, così, la mia forma ed acquisto la tua, dando continue morti all'essere umano e continua vita alla Volontà tua Divina.

 

Con Te io voglio mettere in volo tutti i miei atti - interni ed esterni - nel Santo tuo Volere;  ogni pensiero della mia mente, in ogni tuo Pensiero, con Te vola nel tuo Volere, per sorvolare con Te su ogni pensiero di creatura - della quale tutto esiste nel tuo Divino Volere - per farsi quasi corona di ciascuna intelligenza umana per portare alla Maestà del Celeste Padre l'omaggio, l'adorazione, la gloria e l'amore e la riparazione di ogni pensiero creato;  e così,
nel tuo Volere vola, con Te, il mio sguardo, la mia parola, il mio moto ed il passo.  Voglio, della tua Volontà, la Vita divina nell'anima mia completare. (Cfr. Vol. 12 - 5.1.1921)

 

Ti bacio col bacio del tuo Volere
per darti il bacio di tutte le creature

Mio dolce Gesù, voglio darti il mio bacio nella tua Volontà per darti il bacio di tutte le creature e contentare così il tuo Amore portandole tutte a Te.  Con la potenza creatrice della tua Volontà voglio moltiplicare il mio bacio per quante creature son passate e passeranno sulla terra, per darti il contento come se tutte Ti baciassero.  (Cfr. Vol. 11 - 24.8.1915)   Ti bacio quindi, mio dolce Amore, col bacio del tuo Volere, perché Tu non sei contento ch'io Ti dia solo il mio bacio, ma vuoi il bacio di tutte le tue creature, ed io perciò Ti do il bacio nel tuo Volere, perché in Esso trovo tutte le creature e, sulle ali del tuo Volere prendo tutte le loro bocche e Ti do il bacio col bacio del tuo Amore, affinché non Ti baci col mio amore, ma col tuo stesso Amore e, Tu senta il contento, le dolcezze, la soavità del tuo stesso Amore sulle labbra di tutte le creature, in modo che, attirato dal tuo stesso Amore, Ti costringa a dare il bacio a tutte le tue creature. (Cfr. Vol. 12 - 6.12.1917)   E riempiendo la tua Volontà il Cielo e la terra, io faccio scorrere il mio amore nella tua Volontà perché il mio Ti amo percorra i Cieli e tutta la terra e Tu possa trovarlo intorno a Te e dentro di Te;  e moltiplicandosi il mio Ti amo per tutti i punti, per quanti atti può fare la tua Volontà infinita ed immensa, voglio darti la soddisfazione dell'amore di tutti.  (Cfr. Vol. 11 - 24.8.1915)

 

Amato mio Gesù, voglio immedesimarmi con Te, parte per parte: mente con Mente, cuore con Cuore, palpito con palpito, respiro con respiro, sguardo con sguardo;  voglio che questa unione riproduca in me, in grado più alto, la Vita della tua Volontà e del tuo Amore. 
La mia mente voglio immedesimare alla tua Mente per produrre tante vite di pensieri santi nelle menti delle creature;  voglio unire i miei occhi agli occhi tuoi, per produrre nelle creature tante vite di sguardi santi; ed unendomi alla tua bocca, voglio dar vita alle parole; 
unendomi al tuo Cuore, ai tuoi desideri, alle tue mani ed ai passi tuoi, voglio dare ad ogni palpito una vita, vita ai desideri, alle azioni, ai passi. 

Ma tutte vite sante, perché contenendo Tu la Potenza Creatrice, insieme con Te posso creare e fare ciò che fai Tu.  (Cfr. Vol. 11 - 12.6.1913)

 

Abbandono nella Volontà di Dio per poter Riparare per tutti

Mi abbandono, o Gesù, nella tua Volontà, e tutto ciò che stai facendo Tu intendo farlo io;  e siccome tutto ciò che Tu facesti in terra è un continuo atto di riparazione, così col mio volere unito al Tuo, intendo riparare tutte le offese che Ti stanno facendo le creature in questo momento, in modo che la mia voce facendo eco nella tua, e in tutte le offese delle creature, voglia scorrere in tutte in modo divino e, toccando i cuori delle creature, con la potenza del tuo Volere, voglio queste portarle tutte a Te nelle tue braccia.

Gesù, il mio pensiero pensa nel tuo Volere e sulle ali del mio pensiero Ti mando i pensieri di tutte le creature.

Sulle ali del mio sguardo, dato nel tuo Volere, T'invio gli sguardi di tutte le creature.

Sulle ali della mia voce e della mia lingua, mossa nel tuo Volere, Ti mando tutte le voci delle creature.

Sulle ali della mia preghiera, fatta nella tua Volontà, voglio mandarti, o mio Gesù, la preghiera di tutti.

Sulle ali del mio lavoro e dei miei atti fatti nel tuo Volere intendo mandarti gli atti delle creature e tutti i loro lavori.

Sulle ali dei miei passi fatti nel tuo Volere, intendo far volare a Te tutti i passi delle creature.

Sulle ali delle mie sofferenze e delle mie pene, vissute ed offerte nel tuo Volere, intendo offrire a Te tutte le sofferenze e le pene delle creature.

 

Ho le tue opere in mio potere per glorificarti

Dolce mio Redentore Gesù, se basta un solo atto della tua Volontà Divina per creare mille mondi, tutti completi e perfetti, allora io voglio vivere tutto nel tuo Volere, per darti ad ogni mio atto un atto completo, un atto che, da solo, tutto Ti dia:  amore, lode, ringraziamento e riparazione;  anzi, racchiuderò Te stesso, per dare Te a Te stesso.  (Cfr. Vol. 11 - 29.10.1914)   Voglio, nel tuo Volere, stare intimamente con Te, in tua compagnia, quasi inseparabile da Te, come se or ora io stessi uscendo dal tuo Seno, come quando Tu mi creasti, senza aver fatto vie contrarie alla tua Volontà Santa.  Quanto saremo, allora, contenti insieme! (Cfr. Vol. 14 - 6.11.1922)   Ecco perché nel tuo Volere, a nome di ogni tua creatura, voglio farti godere prendendo tutte le tue opere, i tuoi passi, il tuo Amore, la tua Bontà, che Tu mi cedi e, con i tuoi doni in mio potere Ti dico:  "Nel tuo Volere ho il tuo Amore in mio potere, il mio amore non è dissimile dal tuo, quindi posso amarti quanto Tu stesso Ti ami.  Ho le tue opere in mio potere per glorificarti ed i tuoi passi nei miei per battere la stessa via che Tu batti in cerca delle tue creature, per condurle tutte innanzi all'adorabile tua Maestà".  Voglio farti sentire i miei passi camminare nei tuoi passi nei passi di tutti, e le mie opere nelle tue in ogni opera di creatura, ed il mio amore nel Tuo nel palpito di ogni cuore creato.  E se le creature Ti offendono, voglio poterti nascondere nella mia piccolezza e mettere la mia vita - che è pur tua - schierata tutta in tua difesa!  (Cfr. Vol. 31 - 20.11.1932)

 

Voglio far scendere il tuo Volere sulla terra

Mio dolce Gesù, voglio far scendere il tuo Volere sulla terra.  Voglio smaltare e suggellare d'atti di Volontà Divina ogni atto di creatura umana, affinché il tuo Volere Supremo vedendo che tutti gli atti di volontà delle sue creature sono cosparsi dalla Volontà sua Santa, attirato dalla calamita potente dello stesso suo Volere, scenda quaggiù in terra e fra noi stabilisca il suo Regno.  (Cfr. Vol. 16 - 6.12.1923)   Scendi, o Volere Supremo, vieni a regnare sulla terra!  Investi tutte le generazioni!  Vinci e conquista tutti!   (Cfr. Vol. 35 - 20.11.1937)

 

BENEDIZIONE  nella DIVINA VOLONTA' 

Nella Divina Volontà :  nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.  Amen.

( N N ... )  Ti voglio benedire con la stessa benedizione con cui Gesù benedisse la sua Madre Santissima prima di iniziare la sua Passione.  Quindi, per mezzo e intercessione della Beata sempre Vergine Maria, Madre e Regina della Divina Volontà, ti benedico per imprimere in te il triplice suggello delle Tre Divine Persone, affinché tu risorga dal tuo decadimento per vivere nel Divin Volere.

Questa benedizione, nel nome del Padre, comunichi ed imprima nella tua volontà il suggello della sua Potenza, restituendola sovrana di tutto;  nel nome del Figlio Gesù comunichi ed imprima nel tuo intelletto il suggello della sua Sapienza;  e nel nome dello Spirito Santo comunichi ed imprima nella tua memoria il suggello del suo Amore.

Ti siano restituite le forze dell'anima e del corpo.  Sii risanato da ogni infermità spirituale e corporale, ed arricchita ed abbellita di ogni bene e virtù la tua anima.  

E per circondarti di difesa contro il demonio, il mondo e la carne, insieme con Gesù benedico tutte le cose da Lui create, affinché tu le riceva tutte benedette da Lui.  Ti benedico la luce, l'aria, l'acqua, il fuoco, il cibo, tutto, affinché resti come inabissato e coperto con queste benedizioni.

Insieme con Gesù ti benedico il cuore, la mente, gli occhi, le orecchie, il naso, la bocca, le mani, i piedi, il corpo, le viscere, il respiro, il moto, tutto. 

Ti benedico per aiutarti, ti benedico per difenderti, ti benedico per perdonarti, ti benedico per liberarti da ogni male, ti benedico per consolarti, ti benedico per farti santo.   

( N N ... )  Ti benedico, dunque, nella Divina Volontà, nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.   Amen. (Cfr. Vol. 14° = 6.7.1922  e  Vol. 12° = 28.11.1920)

 

Voglio rientrare nell'Unità della tua Volontà perduta in Adamo

O Voler Santo, con la tua Potenza eclissa tutti i mali delle creature, metti il tuo:  "Basta!", onnipotente, affinché smarriscano la via del peccato e si ritrovino nella via della tua Divina Volontà!   (Vol. 36 - 12.4.1938)

Amor mio, voglio annientare il mio volere nel Tuo affinché il mio mai più abbia vita, per fare che in tutto e per sempre abbia vita la tua Volontà, per riparare il primo atto che fece Adamo di volontà sua umana, e per ridare tutta quella gloria al tuo Supremo Volere come se Adamo non si fosse sottratto da Esso.  Oh, come vorrei ridargli l'onore da lui perduto perché fece la sua volontà e respinse la Tua!  E quest'atto intendo di farlo quante volte tutte le creature hanno fatto la loro volontà - che è causa di tutti i mali! - ed hanno respinto la Tua, che è principio e fonte di tutti i beni.  Perciò Ti prego che venga presto il Regno del Fiat Supremo affinché tutti, da Adamo fino a tutte le creature che hanno fatto la loro volontà, ricevano l'onore, la gloria perduta, ed il tuo Volere riceva il trionfo, la gloria ed il suo compimento.   (Cfr. Vol. 20 - 26.10.1926)

Io entro ora, o mio Padre Creatore, nell'Unità della tua Volontà, affinché la mia volontà sia una con la Tua, uno l'amore.  In questa Unità che tutto abbraccia, la mia voce risuoni nel Cielo, investa tutta la Creazione, penetri nei cupi abissi e dica e gridi:  "Venga il Regno del tuo Volere Divino;  sia fatta la tua Volontà come in Cielo così in terra!  Io faccio mia la santità, la gloria, l'adorazione, il ringraziamento, i pensieri, gli sguardi, le parole, le opere, i passi di Adamo innocente per offrirti la ripetizione degli atti suoi;  e Tu, vedendo in me la tua Divina Volontà operante, concedimi, Te ne prego, che venga il tuo Regno!"   (Cfr. Pio Pellegrinaggio dell'anima nell'operato della Divina Volontà - 4aOra)

O Volontà Divina, come amerei che tutti Ti conoscessero, per far godere a tutti gioie sì pure, contenti sì ineffabili, che solo in Te si trovano!   (Cfr. Vol. 36 - 20.6.1938)

 

Mi fondo nel tuo Volere e Ti amo, mio Dio, in ogni tuo atto creante.  
Ti adoro, Padre mio, Ti ringrazio, Ti benedico e Ti lodo per ogni alito di vento, per ogni raggio di luce del sole, per ogni goccia d'acqua che scende dal cielo. 
Ti amo, Ti adoro e Ti ringrazio in ogni palpito di cuore umano, in ogni passo, in ogni respiro ed in ogni sguardo di creatura; Ti amo in ogni atomo del mio corpo, in ogni mio pensiero, in ogni goccia di sangue che scorre nelle mie vene.

Mio amato Gesù, nel tuo Volere tutto è mio, ed io voglio darti il gusto di dirti che Ti amo come Ti ami col Padre e con lo Spirito Santo, e quindi, mio Gesù, per amarti con l'immensità ed infinità del loro Amore, nella tua Volontà faccio mio l'Amore del Celeste Padre e dello Spirito Santo e Ti dico:  "Mio dolce Gesù, Ti amo nella Potenza ed Amore immenso del Padre, con l'Amore interminabile dello Spirito Santo;  Ti amo con tutto l'Amore che è nella Volontà Divina;  Ti amo con l'amore della mia e tua Mamma Regina;  Ti amo con l'amore
con cui Ti amano tutti gli Angeli e i Santi;  Ti amo con quell'amore con cui Ti amano o dovrebbero amarti tutte le creature presenti, passate e future;  Ti amo per tutte le cose create e con quell'Amore con cui Tu le creasti!"   (Cfr. Vol. 35 - 10.4.1938)

 

O Gesù, il tuo Amore mi inondi dappertutto e mi bruci tutto ciò che non è tuo, ed il mio corra sempre verso di Te da bruciare tutto ciò che possa contristare il tuo Cuore.

 

 

(  Ecc., ecc, ecc.... )