NOVENA AI PASTORELLI di Fatima

La fede conduce il cristiano a Dio, alla Santissima Vergine e ai Santi. è la fede che dà risposta alle sue domande sulla vita terrena ed eterna. E sempre la fede che lo porta a ricorrere a Dio e ai Santi, nostri potenti intercessori, nelle grandi difficol-tà, soprattutto nelle malattie, quando la scienza umana non può fare più nulla. Chi ha poca fede deve, prima di tutto, cercare aiuto nella preghiera, affinché Dio gli conceda una fede più forte e più viva. Mosso dall'amore verso il prossimo, il cristiano vuole anche aiutare gli altri con la sua preghiera. Nella preghiera, chiede per loro a Dio aiuto e forza perché possano portare la croce, seguendo Gesù e offrendo tutto per la loro propria salvezza e per quella degli altri. I Pastorelli, conoscendo bene questa dottrina, ebbero modo di aiutare molti peccatori e ammalati con preghiere e sacrifici. Dal libretto Francois et Jacinthe di J.-F. de Louvencourt, Edi-tions Bénédictines 2001 riportiamo queste belle preghiere, che, in forma di novena, possono essere utilizzate sia per in-vocare l'intercessione dei Pastorelli, presentando loro le no-stre intenzioni, sia per meditare le loro virtù:

Primo giorno

O Francesco e Giacinta, che tanto avete pregato gli Angeli e che avete avuto la gioia di ricevere la visita dell'Angelo della Pace, insegnateci a pregare come voi. Mostrateci come vivere in loro compagnia e aiutateci a vedere in loro gli adoratori dell'Altissimo, i servitori della Madonna, i nostri fedeli protet-tori e messaggeri di pace. Padre Nostro, Ave Maria, Gloria

Secondo giorno

O Pastorelli, che avete visto la Madonna tanto bella, più splendente del Sole, e che con prontezza avete accettato di offrirvi totalmente a Dio, insegnate anche a noi ad offrirci con generosità. Infondeteci coraggio, ricordandoci che in tutti i momenti della vita, anche nei più dolorosi, la grazia di Dio sarà il nostro conforto. E fateci scoprire nella Madonna, Colei che è la Tutta Bella, la Tutta Santa e la Tutta Immacolata. Padre Nostro, Ave Maria, Gloria

Terzo giorno

O Francesco e Giacinta, voi, ai quali la Madonna ha promesso di portare con Sé in Cielo e ha mostrato il Suo Cuore trafitto di spine, rendeteci sensibili al dolore che Le causano le be-stemmie e le ingratitudini degli uomini. Ottenete anche a noi la grazia di poterLa confortare con le nostre preghiere e sacri-fici; aumentate in noi il desiderio del Cielo, laddove insieme potremo ancor meglio consolarLa con il nostro amore. Padre Nostro, Ave Maria, Gloria

Quarto giorno

O Pastorelli, voi che siete rimasti terrorizzati alla vista dell'in-ferno e così profondamente segnati dalle sofferenze del Santo Padre, insegnateci ad usare i due grandi mezzi che la Madon-na vi ha indicato per salvare le anime: la Consacrazione al Suo Cuore Immacolato e la Comunione riparatrice dei Primi Sabati del mese. Pregate con noi per la pace nel mondo, per il Santo Padre e per la Chiesa. Chiedete, insieme con noi, a Dio che ci liberi dal l'inferno e che porti in Cielo tutte le anime. Padre Nostro, Ave Maria, Gloria

Quinto giorno

O Francesco e Giacinta, a cui la Madonna ha chiesto di prega-re e fare sacrifici per i peccatori abbandonati, perché non vi era chi si sacrificasse e pregasse per loro, fate che sentiamo la stessa chiamata per tutte queste anime afflitte e tormentate. Aiutateci a intercedere per la conversione del mondo. Ottene-teci la vostra fiducia incrollabile nella bontà della Madonna, che trabocca di amore per tutti i suoi figli, e nella misericordia di Dio che vuole che tutti gli uomini si salvino. Padre Nostro, Ave Maria, Gloria

Sesto giorno

O Pastorelli, voi che avete visto la Madonna nella sua sma-gliante e incomparabile bellezza e che sapete che noi non L'abbiamo vista, mostrateci come possiamo contemplarLa sui d'ora con gli occhi del nostro cuore. Fateci comprendere il messaggio meraviglioso, che Lei vi ha affidato. Aiutateci a viverlo pienamente e a farlo conoscere attorno a noi e nel mondo. Padre Nostro, Ave Maria, Gloria

Settimo giorno

O Francesco e Giacinta, a cui la Madonna ha detto di volere una Cappella in suo onore e a cui rivelò di essere "la Madon-na del Rosario", insegnateci a pregare il Rosario meditando i misteri della vita di Suo Figlio Gesù. Infiammateci del vostro amore, affinché possiamo amare, insieme a voi, la Madonna del Rosario e adorare "Gesù nascosto", realmente presente nei Tabernacoli delle nostre Cappelle e delle nostre Chiese. Padre Nostro, Ave Maria, Gloria

Ottavo giorno

O Bambini tanto amati dalla Madonna, che avete sperimentato grandi sofferenze durante la vostra malattia e che serenamente le avete accettate fino all'offerta conclusiva della vostra vita, insegnate anche a noi ad offrire le nostre prove e tribolazioni. Mostrateci come la sofferenza ci configura a Gesù, a Lui che ha voluto redimere il mondo attraverso la Croce. Fateci scoprire che la sofferenza non è mai inutile, ma, bensì, è fonte di purificazione per noi stessi, di salvezza per gli altri e di amore per Dio. Padre Nostro, Ave Maria, Gloria

Nono giorno

O Francesco e Giacinta, voi, a cui la morte non ha fatto paura e che la Madonna venne a prendere per portarvi in Cielo, insegnateci a guardare alla morte non come a una disgrazia o ad un'assurdità, ma come all'unico mezzo per passare da que-sto mondo a Dio, per entrare nella luce eterna, dove incontre-remo coloro che abbiamo amato. Infondete in noi la certezza che questo passaggio non avrà nulla di pauroso, perché non lo affronteremo da soli, ma con voi e con la Madonna. Padre Nostro, A ve Maria, Gloria