NOVENA AI SS CUORI DI GESU' E DI MARIA

PRIMO GIORNO

Amore dei SS. Cuori di Gesù e di Maria per gli uomini.

Non è possibile, o sacratissimi Cuori di Gesù e di Maria, ridire tutte le prove di generosità e di amore, con cui vi siete degnati di beneficare la po-vera umanità che deve solo alla vostra bontà la propria salvezza. Queste prove sono immense ri-guardo al numero e d'un valore incomprensibile riguardo al pregio e alla bellezza. Chi non si ef-fonde perciò senza misura in lodi e ringraziamenti verso i Cuori di Gesù e di Maria che hanno tanto largheggiato verso le povere creature, mostra di avere un cuore più duro d' una pietra. La nostra gratitudine perciò non deve conoscere limite nè misura e deve essere eterna e indefettibile.

Vi prego perciò, cuori beniguissimi di Gesù e di Maria, di concedermi la grazia tanto sospirata di unirmi a Voi sempre più strettamente e col cuore e con la mente. A tutto rinunzio, ma non posso rinunziare a questa grazia che forma l'ideale su-premo della mia vita. Per questo soffro ora immen-samente nel vedere che le creature, le occupazioni .. e tante altre sciocchezze mi rubano la vostra pre-senza, o cuori amabilissimi di Gesù e di Maria. Deh! fate che io non ami, non cerchi, non pensi non voglia altra cosa che voi, se tutto è niente fuori di voi? è impossibile che l'anima mia trovi riposo o delizia nelle cose create, di cui vede sempre me-glio la vanità e l'insufficienza.

O Cuori di Gesù e di Maria, accesi d'amore verso di noi, infiammate il cuore nostro d'amore verso di Voi.

ORAZIONE - Vi preghiamo, o Signore, che lo Spirito Santo c'infiammi di quel fuoco che il Signore nostro Gesù Cristo dall'intimo del suo Cuore sparse sopra la terra e volle grandemente si accendesse. Egli, che con voi vive e regna nell' umiltà dello Spirito Santo, Dio per tutti i secoli dei secoli. Così sia.

COLLOQUIO - Cuori dolcissimi di Gesù e di Maria, non per-mettete mai che io sia schiavo del peccato, dell' e-goismo e di qualunque altra passione. Fate che il desiderio di amarvi si accresca e s'infiammi tanto che giunga a consumarmi e trasformarmi intera-mente in Voi. Fate che cerchi in tutto la vostra gloria, il solo vostro onore e tanto sia portato a glorificarvi e farvi glorificare da tutti che questo desiderio formi la mia vita e 1' unico mio ideale. Io voglio essere tutto vostro, vivere in voi solo, per Voi solo, con Voi solo, stare con Voi solo, unirmi per sempre a Voi solo. Non posso concepire, non posso permettere in nessun modo il contrario di quanto giuro e scrivo. Col mio sangue vorrei scrivere queste parole; ma più del sangue deve va-lere la mia volontà, forte e decisa nell' amarvi immensamente più della morte. Così è e così deve essere. 

SECONDO GIORNO

Desiderio della nostra salvezza.

Chi, di fronte alla Vostra condiscendenza e de-gnazione, o benignissimi cuori di Gesù e di Maria, potrà rimanere indifferente? Chi non risponderà alla Vostra parola che con tanta dolcezza e soavità c'invita; chi non s'arrenderà e cederà alla pres-sione che ci fate? Ma oh! cecità mostruosa ed in-credibile! Se Gesù e Maria esigessero da noi di patire tanti tormenti, quanti se ne soffrono nell'in-ferno, prima di accoglierci nelle sue divine amorose braccia, ci dovremmo reputare ben fortunati di questa condizione. Pagheremmo infatti a poco prezzo il dono della salvezza eterna e non cesserei di me-ravigliarmi se fossero pochi i vostri amici. Ma vedere che non si ama Chi tanta ci ha amato, Chi ci corre dietro, Chi domanda il nostro cuore con minaccia di castighi eterni, é tale aberrazione che non si capirà mai. Anche se voi ci concedete di ve-derVi per brevi istanti sarebbe poco amarvi quanto. Vi hanno amato i più grandi Santi.

Che cosa dunque dovremo fare pensando che ci concederete di vederVi per sempre ed anche in questa vita ci ricolmate di grazie, di benefici, di carezze! Oh insensato chi non Vi ama con tutta l'espansione del cuore!

O Cuori di Gesù e di Maria, accesi d'amore verso di noi, infiammate il cuore nostro d'amore verso di Voi.

ORAZIONE - Vi preghiamo, o Signore, che lo Spirito Santo c'infiammi di quel fuoco che il Signore nostro Gesù Cristo dall'intimo del suo Cuore sparse sopra la terra e volle grandemente si accendesse. Egli, che con voi vive e regna nell' umiltà dello Spirito Santo, Dio per tutti i secoli dei secoli. Così sia.

COLLOQUIO - Cuori dolcissimi di Gesù e di Maria, non per-mettete mai che io sia schiavo del peccato, dell' e-goismo e di qualunque altra passione. Fate che il desiderio di amarvi si accresca e s'infiammi tanto che giunga a consumarmi e trasformarmi intera-mente in Voi. Fate che cerchi in tutto la vostra gloria, il solo vostro onore e tanto sia portato a glorificarvi e farvi glorificare da tutti che questo desiderio formi la mia vita e 1' unico mio ideale. Io voglio essere tutto vostro, vivere in voi solo, per Voi solo, con Voi solo, stare con Voi solo, unirmi per sempre a Voi solo. Non posso concepire, non posso permettere in nessun modo il contrario di quanto giuro e scrivo. Col mio sangue vorrei scrivere queste parole; ma più del sangue deve va-lere la mia volontà, forte e decisa nell' amarvi immensamente più della morte. Così è e così deve essere. 

TERZO GIORNO

Bontà di Gesù e di Maria.

La vostra bontà è tale e tanta, o dolcissimi Cuori di Gesù e di Maria, che io mi struggo dal desiderio di amarvi e nel tempo stesso affliggo immensamente nel vedere la mia pochezza che non vi sa amare quanto vorrebbe. Supplisca, o amatis-si mi Cuori di Gesù e di Maria, il desiderio ardente di amarvi senza misura. Voi sapete quanto farei per accrescere, anche d'un solo minimo grado, questo amore che preferisco a tutte le creature e a tutti i tesori della terra; tutto anzi ritengo come un niente al suo confronto.

Mi affligge tremendamente quello che io chia-mo mistero d'iniquità, l'ingratitudine umana che non corrisponde alla vostra bontà, tanto grande che mai riusciremo a comprendere. Siete tanto of-fesi, o Cuori benignissimi di Gesù e di Maria, da chi voi amate senza limiti, da quelli che voi bene-ficate senza misura! Quale oltraggio alla vostra bontà! Io stesso non reggo allo strazio che provo nel vedere che siete così perversamente corrisposti. Il torto è così grande che, se l'offeso fosse un uomo, dovrebbe soccombere sotto l'incubo del do-lore.

O Cuori di Gesù e di Maria, accesi d'amore verso di noi, infiammate il cuore nostro d'amore verso di Voi.

ORAZIONE - Vi preghiamo, o Signore, che lo Spirito Santo c'infiammi di quel fuoco che il Signore nostro Gesù Cristo dall'intimo del suo Cuore sparse sopra la terra e volle grandemente si accendesse. Egli, che con voi vive e regna nell' umiltà dello Spirito Santo, Dio per tutti i secoli dei secoli. Così sia.

COLLOQUIO - Cuori dolcissimi di Gesù e di Maria, non per-mettete mai che io sia schiavo del peccato, dell' e-goismo e di qualunque altra passione. Fate che il desiderio di amarvi si accresca e s'infiammi tanto che giunga a consumarmi e trasformarmi intera-mente in Voi. Fate che cerchi in tutto la vostra gloria, il solo vostro onore e tanto sia portato a glorificarvi e farvi glorificare da tutti che questo desiderio formi la mia vita e 1' unico mio ideale. Io voglio essere tutto vostro, vivere in voi solo, per Voi solo, con Voi solo, stare con Voi solo, unirmi per sempre a Voi solo. Non posso concepire, non posso permettere in nessun modo il contrario di quanto giuro e scrivo. Col mio sangue vorrei scrivere queste parole; ma più del sangue deve va-lere la mia volontà, forte e decisa nell' amarvi immensamente più della morte. Così è e così deve essere. 

QUARTO GIORNO

Riparazione.

Voi sapete, dolcissimi Cuori di Gesù e di Ma-ria, quanto soffra nel vedervi corrisposti con tanti oltraggi e nere ingratitudini. Un cuore ben fatto e gentile sa bene che le ingratitudini feriscono le anime delicate così sensibilmente che superano qualunque tormento e vincono ogni paragone. Co-me dunque Gesù e Maria sopporteranno l'ingra-titudine degli uomini che giunge al massimo grado della mostruosità? Infatti, come puoi un uomo di-sprezzare Colui dal Quale ha ricevuto tutto quello che è e tutto quello che ha? Inoltre; essendo la bontà e la bellezza amabili di per se stesse, perchè i cristiani non amano i SS. Cuori di Gesù e di Maria, in cui si trovano tutti i tesori e le grazie celesti? Di fronte a tanta umana perversità, io non voglio conoscere misura e limite alcuno nell' amar-Vi e nell'offrirmi generosamente vittima di espia-zione per l'enorme peccato dell' ingratitudine. Si, scaricate pure sopra di me il rigore della vostra giustizia, io sarò sempre pronto a tutto sopportare, purchè si venga a distruggere l'orribile ingrati-tudine che reca così grave offesa ai vostri Cuori benignissimi.

O Cuori di Gesù e di Maria, accesi d'amore verso di noi, infiammate il cuore nostro d'amore verso di Voi.

ORAZIONE - Vi preghiamo, o Signore, che lo Spirito Santo c'infiammi di quel fuoco che il Signore nostro Gesù Cristo dall'intimo del suo Cuore sparse sopra la terra e volle grandemente si accendesse. Egli, che con voi vive e regna nell' umiltà dello Spirito Santo, Dio per tutti i secoli dei secoli. Così sia.

COLLOQUIO - Cuori dolcissimi di Gesù e di Maria, non per-mettete mai che io sia schiavo del peccato, dell' e-goismo e di qualunque altra passione. Fate che il desiderio di amarvi si accresca e s'infiammi tanto che giunga a consumarmi e trasformarmi intera-mente in Voi. Fate che cerchi in tutto la vostra gloria, il solo vostro onore e tanto sia portato a glorificarvi e farvi glorificare da tutti che questo desiderio formi la mia vita e 1' unico mio ideale. Io voglio essere tutto vostro, vivere in voi solo, per Voi solo, con Voi solo, stare con Voi solo, unirmi per sempre a Voi solo. Non posso concepire, non posso permettere in nessun modo il contrario di quanto giuro e scrivo. Col mio sangue vorrei scrivere queste parole; ma più del sangue deve va-lere la mia volontà, forte e decisa nell' amarvi immensamente più della morte. Così è e così deve essere. 

QUINTO GIORNO

Protesto d' Amore

Alla vista del male che dilaga dapertutto e delle offese innumerevoli che si fanno ai SS. Cuori di Gesù e di Maria, provo un immenso dolore e mi sento spinto a supplire con generosità illimi-tata e con infiniti atti d'amore alle mancanze di carità che vi dovrebbero l'ingrate creature. Vi supplico perciò, amabilissimi Cuori di Gesù e di Maria, a gradire benignamente la protesta d'amore che vi fa il mio povero cuore, profondamente amareggiato per le offese che ricevete continuamente da tante anime, dimentiche dei loro doveri. Vorrei che gli affetti del mio cuore superassero in ardore quelli dei Serafini e dei più grandi Santi; vorrei con essi soddisfare pienaniente a tutti quegli atti d'amore, d'ossequio, di lode che non vi danno e pur vi dovrebbero dare gli uomini. Voi vedete che non ho altro modo di riparare al vostro onore e alla vostra gloria. Voi vi contentate di ciò che possiamo. Dove non arriva la nostra pochezza pos-siamo supplire coi desideri. Questi non hanno li-miti nel glorificarvi e nell' offrirci pronti a tutto fare e a tutto soffrire. Benedite, dolcissimi Cuori di Gesù e di Maria, i nostri sforzi e degnatevi di gradirli e di spargere grazie abbondanti sopra le povere anime, affinchè vi amino e consolino i vostri cuori, tanto addolorati per l'umana ingra-titudine.

O Cuori di Gesù e di Maria, accesi d'amore verso di noi, infiammate il cuore nostro d'amore verso di Voi.

ORAZIONE - Vi preghiamo, o Signore, che lo Spirito Santo c'infiammi di quel fuoco che il Signore nostro Gesù Cristo dall'intimo del suo Cuore sparse sopra la terra e volle grandemente si accendesse. Egli, che con voi vive e regna nell' umiltà dello Spirito Santo, Dio per tutti i secoli dei secoli. Così sia.

COLLOQUIO - Cuori dolcissimi di Gesù e di Maria, non per-mettete mai che io sia schiavo del peccato, dell' e-goismo e di qualunque altra passione. Fate che il desiderio di amarvi si accresca e s'infiammi tanto che giunga a consumarmi e trasformarmi intera-mente in Voi. Fate che cerchi in tutto la vostra gloria, il solo vostro onore e tanto sia portato a glorificarvi e farvi glorificare da tutti che questo desiderio formi la mia vita e 1' unico mio ideale. Io voglio essere tutto vostro, vivere in voi solo, per Voi solo, con Voi solo, stare con Voi solo, unirmi per sempre a Voi solo. Non posso concepire, non posso permettere in nessun modo il contrario di quanto giuro e scrivo. Col mio sangue vorrei scrivere queste parole; ma più del sangue deve va-lere la mia volontà, forte e decisa nell' amarvi immensamente più della morte. Così è e così deve essere. 

SESTO GIORNO

Condiscendenza dei SS. Cuori di Gesù e di Maria.

A chi non ispirerà grandissima fiducia la condi-scendenza dei SS. Cuori dì Gesù e di Maria!

Qual peccatore non si sentirà profondamente commosso e spinto a gettarsi nell'amorose braccia di Gesù e di Maria! Nessuno avrebbe mai pensato che Gesù e Maria giungessero a trattare i peccatori con tanto affetto e benignità, considerando l'enormità del peccato e l'offesa recata all'infinita maestà di Dio. Ma Gesù e Maria non vogliono timori in noi e per convircerei di ciò basta leggere i graziosi anedotti del Vangelo, come il miracolo delle nozze dì Cana, la parabola del figliuol prodigo, le innumerevoli grazie e prodigi operati in favore dei loro devoti e gli aiuti in tutte le nostre necessità per mostrarceli sempre pronti a perdonarci, ad accoglierci con tratti di squisita bontà e ridonarci la grazia, l'unico e vero tesoro d'incalcolabile valore.

O Cuori di Gesù e di Maria, accesi d'amore verso di noi, infiammate il cuore nostro d'amore verso di Voi.

ORAZIONE - Vi preghiamo, o Signore, che lo Spirito Santo c'infiammi di quel fuoco che il Signore nostro Gesù Cristo dall'intimo del suo Cuore sparse sopra la terra e volle grandemente si accendesse. Egli, che con voi vive e regna nell' umiltà dello Spirito Santo, Dio per tutti i secoli dei secoli. Così sia.

COLLOQUIO - Cuori dolcissimi di Gesù e di Maria, non per-mettete mai che io sia schiavo del peccato, dell' e-goismo e di qualunque altra passione. Fate che il desiderio di amarvi si accresca e s'infiammi tanto che giunga a consumarmi e trasformarmi intera-mente in Voi. Fate che cerchi in tutto la vostra gloria, il solo vostro onore e tanto sia portato a glorificarvi e farvi glorificare da tutti che questo desiderio formi la mia vita e 1' unico mio ideale. Io voglio essere tutto vostro, vivere in voi solo, per Voi solo, con Voi solo, stare con Voi solo, unirmi per sempre a Voi solo. Non posso concepire, non posso permettere in nessun modo il contrario di quanto giuro e scrivo. Col mio sangue vorrei scrivere queste parole; ma più del sangue deve va-lere la mia volontà, forte e decisa nell' amarvi immensamente più della morte. Così è e così deve essere. 

SETTIMO GIORNO

Dolcezza dei SS. Cuori di Gesù e di Maria.

considerare tanti altri Vostri pregi, ma non so staccarmi da quella prerogativa che Vi è tanto cara, che rifulge in voi in modo tutto particolare e che Vi rende così amabili, la dolcezza e bontà, di cui troviamo tutto pervaso il Vangelo. La dol-cezza è tanto affine alla bontà che si potrebbe chiamare sorella germana della medesima. Sforzarsi con ogni arte e con ogni mezzo di mettere in luce questa virtù, così cara ai Vostri Cuori, credo tri-butarVi l'omaggio più accetto e meritato. Si, è proprio questo l'unguento prezioso, al cui para-disiaco profumo accorrono le anime, inebriate di tanta soavità, tratte irresistibilmente a seguirVi e costrette ad esclamare: O dolci Cuori di Gesù e di Maria, fate che io Vi ami sempre più!

Ecco la cara giaculatoria che non cesserò mai di ripetere perchè esprime così bene la virtù predi-letta dei Vostri Cuori. Non c' è dolcezza pari a quella che si gusta con l'aderire in pieno a quanto ci chiedete. E perchè Voi chiedete un amore ar-dente, generoso; incondizionato e totale, Vi pro-mettiamo di amarvi senza misura, di mai tradirVi e abbandonarVi, ben consapevoli di quanto soffre chi ha amato e non è stato corrisposto.

O Cuori di Gesù e di Maria, accesi d'amore verso di noi, infiammate il cuore nostro d'amore verso di Voi.

ORAZIONE - Vi preghiamo, o Signore, che lo Spirito Santo c'infiammi di quel fuoco che il Signore nostro Gesù Cristo dall'intimo del suo Cuore sparse sopra la terra e volle grandemente si accendesse. Egli, che con voi vive e regna nell' umiltà dello Spirito Santo, Dio per tutti i secoli dei secoli. Così sia.

COLLOQUIO - Cuori dolcissimi di Gesù e di Maria, non per-mettete mai che io sia schiavo del peccato, dell' e-goismo e di qualunque altra passione. Fate che il desiderio di amarvi si accresca e s'infiammi tanto che giunga a consumarmi e trasformarmi intera-mente in Voi. Fate che cerchi in tutto la vostra gloria, il solo vostro onore e tanto sia portato a glorificarvi e farvi glorificare da tutti che questo desiderio formi la mia vita e 1' unico mio ideale. Io voglio essere tutto vostro, vivere in voi solo, per Voi solo, con Voi solo, stare con Voi solo, unirmi per sempre a Voi solo. Non posso concepire, non posso permettere in nessun modo il contrario di quanto giuro e scrivo. Col mio sangue vorrei scrivere queste parole; ma più del sangue deve va-lere la mia volontà, forte e decisa nell' amarvi immensamente più della morte. Così è e così deve essere. 

OTTAVO G1ORNO

Fedeltà reciproca.

Chi ama davvero, fortemente e costantemente, non lascia di amare alla prova, non indietreggia nel giorno della sventura e del dolore.

Nel mondo dei cuori fedeli ce ne sono sì po-chi che si possono paragonare alle rarissime oasi in mezzo al deserto. Chi vuole amare e desidera di essere amato, non appoggi mai il suo amore alle creature instabili e incostanti, ma lo doni tutto ai SS. Cuori di Gesù e di Maria, e sarà si-curo di non soffrire il martirio dell'ingratitudine e dell'abbandono, di cui si rende sì spesso colpe-vole l'umanità.

Qual consolazione per le anime gentili e deli-cate saper che in Gesù e Maria troveranno Cuori, traboccanti di tanta tenerezza che non solo non le tradiranno mai ma che le acccompagneranno e pro-teggeranno sempre e dovunque. Questa sicurezza dovrebbe rendere tranquille e felici quelle special-mente che sono state deluse ed ingannate dalle creature. Si, tutti Vi benediranno e ringrazieranno, Cuori dolcissimi di Gesù e di Maria, perchè por-gete benigni e solleciti gioie e conforti a chi ri-corre a Voi e confida nella Vostra bontà e fedeltà veramente indefettibili. Si, si, Cuori benignissimi, solo nel vostro amore troveremo ciò che si richiede per vivere felici in perfetta armonia di reciproche affezioni e corrispondenze.

O Cuori di Gesù e di Maria, accesi d'amore verso di noi, infiammate il cuore nostro d'amore verso di Voi.

ORAZIONE - Vi preghiamo, o Signore, che lo Spirito Santo c'infiammi di quel fuoco che il Signore nostro Gesù Cristo dall'intimo del suo Cuore sparse sopra la terra e volle grandemente si accendesse. Egli, che con voi vive e regna nell' umiltà dello Spirito Santo, Dio per tutti i secoli dei secoli. Così sia.

COLLOQUIO - Cuori dolcissimi di Gesù e di Maria, non per-mettete mai che io sia schiavo del peccato, dell' e-goismo e di qualunque altra passione. Fate che il desiderio di amarvi si accresca e s'infiammi tanto che giunga a consumarmi e trasformarmi intera-mente in Voi. Fate che cerchi in tutto la vostra gloria, il solo vostro onore e tanto sia portato a glorificarvi e farvi glorificare da tutti che questo desiderio formi la mia vita e 1' unico mio ideale. Io voglio essere tutto vostro, vivere in voi solo, per Voi solo, con Voi solo, stare con Voi solo, unirmi per sempre a Voi solo. Non posso concepire, non posso permettere in nessun modo il contrario di quanto giuro e scrivo. Col mio sangue vorrei scrivere queste parole; ma più del sangue deve va-lere la mia volontà, forte e decisa nell' amarvi immensamente più della morte. Così è e così deve essere. 

NONO GIORNO

Gratitudine e consacrazione ai SS. Cuori di Gesù e di Maria

Viene spontanea la conclusione che si deve fare in questo ultimo giorno. Visto che dal cuore umano non possiamo aspettarci che instabilità, tra-dimenti, amarezze, disillusioni, non ci resta che gettarci con perfetto e totale abbandono nelle amo-rose braccia di Gesù e di Maria, sicuri di trovare in Loro la gioia di vivere e la tanto desiderata pace che il mondo ci può togliere ma dare mai. Convinti in pieno che il cuore umano vive d'amore e vuole essere amate e che in ciò trova la sua fe-licità, ricorriamo fiduciosi ai SS. Cuori di Gesù e di Maria, i veri e soli amici, fedeli e costanti, de-licati e affettuosi che comprendono perfettamente i nostri desideri, affetti e necessità... In Loro tro-veremo non uno ma due amici, i più belli, i più intelligenti, i più amabili e i più amanti degli uomini, dotati insieme di tutte le bellezze spirituali e fisiche.

Tutto compreso di gioia e di amore verso di Voi, Cuori benignissimi di Gesù e di Maria, sciol-go la lingua a lodarVi, benedirVi, glorificarVi pe-rennemente, infinitamente... Consacro a Voi tutta l'anima mia, tutto il mio corpo, dandoVi tutti i miei pensieri, tutti i miei affetti e desideri, tutto il mio cuore e tutta la mia volontà. Si, si, io Vi amo senza fine e senza limiti e non aggiungo al-tro, perchè la penna non arriva a dire tutto ciò che sento per Voi, Cuori benignissimi di Gesù e Maria.

O Cuori di Gesù e di Maria, accesi d'amore verso di noi, infiammate il cuore nostro d'amore verso di Voi.

ORAZIONE - Vi preghiamo, o Signore, che lo Spirito Santo c'infiammi di quel fuoco che il Signore nostro Gesù Cristo dall'intimo del suo Cuore sparse sopra la terra e volle grandemente si accendesse. Egli, che con voi vive e regna nell' umiltà dello Spirito Santo, Dio per tutti i secoli dei secoli. Così sia.

COLLOQUIO - Cuori dolcissimi di Gesù e di Maria, non per-mettete mai che io sia schiavo del peccato, dell' e-goismo e di qualunque altra passione. Fate che il desiderio di amarvi si accresca e s'infiammi tanto che giunga a consumarmi e trasformarmi intera-mente in Voi. Fate che cerchi in tutto la vostra gloria, il solo vostro onore e tanto sia portato a glorificarvi e farvi glorificare da tutti che questo desiderio formi la mia vita e 1' unico mio ideale. Io voglio essere tutto vostro, vivere in voi solo, per Voi solo, con Voi solo, stare con Voi solo, unirmi per sempre a Voi solo. Non posso concepire, non posso permettere in nessun modo il contrario di quanto giuro e scrivo. Col mio sangue vorrei scrivere queste parole; ma più del sangue deve va-lere la mia volontà, forte e decisa nell' amarvi immensamente più della morte. Così è e così deve essere.

Tratta da: "La salvezza del mondo - i SS Cuori di Gesù e di Maria" 1954