NOVENA AL SANTO BAMBINO DI PRAGA  

I.

O Bambino Gesù, stato annunziato dall'Arcangelo Gabrie-le alla Vergine Maria, voleste nascere nella stalla di Betlem per arrecare a noi tutti la salute e la pace, abbiate pietà di me, mentre a Voi ricorro per una grazia importantissima che spero ottenere dalla vostra misericordia, se ciò non è contrario ai vostri sapien-tissimi disegni. Alzate, o Gesù, sopra di me la vostra manina onnipotente, e con la vostra benedizione accordatemi la grazia che domando, ond'io possa esaltare sempre più la vostra infinita bontà. Pater, Ave, Gloria.

 

II.

O Bambino Gesù, che nella Circon-cisione avete sparso le prime gocce del vostro Sangue divino, deh! per quell'a-more che vi spinse a soffrir tanto per me, fate che quel Sangue purissimo scenda sopra l'anima mia a purificarla delle sue colpe, ed insieme mi ottenga la vostra misericordia per essere esau-dito nella mia domanda. Pater, Ave, Gloria.  

III.

O Bambino Gesù, che, offerto da Ma-ria nel tempio, avete fatto esultare di gaudio il santo vecchio Simeone, come già prima di nascere faceste esultare il vostro Precursore santificandolo, deh! fate che il mio cuore esulti sempre alla vostra presenza, e concedetemi, se così a Voi piace, che esulti ancora per essere stata esaudita la mia richiesta. Pater, Ave, Gloria.  

IV.

O Bambino Gesù, che fatto segno alla crudeltà di Erode doveste fuggire tra mille disagi nella terra d'Egitto ove faceste risplendere la vostra bontà on-nipotente in mezzo alle tenebre del gen-tilesimo, fate che anch'io abbia a pro-vare l'efficacia portentosa della vostra presenza, e la fede illumini sempre la mia mente nelle prove della vita, ma specialmente mi sorregga nella presente necessità, sicuro d'aver presto la grazia che vi chiedo. Pater, Ave, Gloria.        

V.

O Bambino Gesù, che in mezzo ai dottori del tempio voleste manifestare i primi raggi della vostra infinita sapien-za, illuminate la mia mente, acciò possa conoscere le eterne verità, e fate ancora che, ottenuta la grazia desiderata, sem-pre meglio conosca ed apprezzi la vo-stra bontà e misericordia. Pater, Ave, Gloria.  

VI.

O Bambino Gesù, che a manifestare i tesori della vostra bontà verso i Car-melitani ispiraste l pia principessa Polissena a donar loro l'Immagine vostra come pegno di benedizione e fonte di grazia, deh! fate ch'io pure provi gli effetti della vostra predilezione, mentre prostrato dinanzi alla vostra effige di Praga imploro la sospirata grazia. Fate che si appalesi sempre più la virtù mi-racolosa del vostro simulacro, sì che tutti accorrano ad onorarvi e doman-darvi grazie. Pater, Ave, Gloria.  

VII.

O Bambino Gesù, che ispiraste il vo-stro servo Cirillo della Madre di Dio di propagare la devozione alla vostra Statuetta volendo diffondere sempre più le vostre grazie e così mostrar la vostra potenza, volgete verso di me il vostro dolce sorriso, e concedetemi la grazia che imploro per propagare poi con lo zelo più ardente la devozione al-la vostra divina Infanzia. Pater, Ave, Gloria.  

VIII.

O Bambino Gesù, che per animare la nostra confidenza, rivolgendovi al vo-stro servo Padre Cirillo, proferiste quel-le consolanti parole: « Più voi mi ono-rerete, più Io vi favorirò », ricordatevi della vostra promessa, mentre io con tutte le forze mi studio d'onorarvi, e concedetemi il favore che vi chieggo, mediante questa novena di suppliche. Vi prometto ché per l'avvenire sarò sem-pre più fervoroso nell'onorarvi e farò sì che anche altri vi onorino coll'esal-tare quella infinita misericordia, che si diffonde attraverso la vostra Immagine di Praga. Pater, Ave, Gloria.  

IX.

O Bambino Gesù, che anche fuori di Praga voleste far conoscere la vostra potenza, e per essere a noi più vicino stabiliste un trono di grazie nel santua-rio d'Arenzano ; deh, guardate anche a me, mentre mi porto in ispirito al ligure altare e mi prostro dinanzi alla vo-stra taumaturga effige. Se avete caro d'esser venerato attraverso questa im-magine, se godete essere invocato il miracoloso Bambino di Praga, acco-gliete la mia supplica fervente ed ac-cordatemi la grazia sospirata. Ve la chie-do per i meriti della vostra divina In-fanzia. Son sicuro che me la concede-rete, o Signore, per cui fin d'ora vi ringrazio di sì amorosa degnazione pro-mettendovi eterna riconoscenza. Pater, Ave, Gloria.