IL SANTO ROSARIO CON PADRE DEHON

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Noi diciamo a Maria: Intercedi per noi. Ricorda a Gesù che ha voluto nascere, soffrire e morire per salvarci. Egli ha accumulato meri-ti infiniti nell'incarnazione, nella vita nascosta, nelle fatiche aposto-liche, nella passione e morte di croce. Presentagli questi meriti, e avrai diritto a tutte le grazie. Noi preghiamo per la Chiesa, preghiamo per la patria, per la famiglia, per gli amici vivi e defunti. La tua bontà è illimitata; attingi, o Maria, dal Cuor di Gesù tutte le grazie che ci sono necessarie. P Dehon

 

O Dio vieni a salvarmi! Signore, vieni presto in mio aiuto! 

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito santo, come era in principio e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen!  

Dolce Cuore di Gesù, fa che io t'ami sempre più! Dolce Cuore di Maria, sii la salvezza mia! 

Gesù, perdona le nostre colpe, preservaci dal fuoco dell'inferno e porta in cielo tutte le anime, specialmente le più bisognose della tua mise-ricordia!

Maria, Regina della Pace, prega per noi! 

1 Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. 

10 Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei bene-detta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell'ora della nostra morte. Amen 

MISTERI DELLA GIOIA (Lunedì e Sabato)

1. Nel primo mistero della gioia con-templiamo l'angelo che annuncia a Maria che diventerà Madre di Dio (Lc 1, 26-38).

Approfittiamo del grande esempio di Maria per sottometterci alla grazia appena si pre-senta.

Appena Dio parla all'anima per ispirarci una buona azione o per allontanarci da una cattiva, seguiamo immediatamente l'attrattiva di questa grazia, umiliamoci, riconosciamo Ia grandezza di Dio e la nostra miseria, la sua autorità la nostra dipendenza. Diciamo con Maria: «Sia fatto secon-do la tua Parola». E Dehon 

2. Nel secondo mistero della gioia contempliamo la visita di Maria SS. Ad Elisabetta (Lc 1,39-45).

In tutto questo mistero della Visitazione straripa la carità del Cuor di Gesù, che spande le grazie su tutti quelli che egli visita, è l'umile riconoscenza del Cuor di Maria che c'insegna a dimostrare a Dio tutta la gratitudine attribuendogli fedelmente tutto il bene che egli opera in noi, suoi poveri servi umilissimi e piccolissimi. P. Dehon 

3. Nel terzo mistero della gioia contempliamo la nascita di Gesù a Betlemme (Lc 2,1-7).

Ciò che particolarmente ci deve rallegrare, è che Maria non è sola-mente la madre del Salvatore, essa è anche la madre nostra. Questa dignità di figli da qualche diritto a partecipare a tutti i suoi beni spi-rituali. Noi possiamo unirci alle adorazioni, alla gioia, alle lacrime, alla felicità di Maria; anzi possiamo dire con lei: Un bambino ci è nato, ci è stato dato un figlio (Is 9). P Dehon 

4. Nel quarto mistero della gioia contempliamo la presenta-zione di Gesù al tempio (Lc 2,21-52).

Andiamo a Gerusalemme con la sacra Famiglia. Eccola al Tempio, ecco l'altare, ove si offrirà il più gran sacrificio che la terra possa offri-re a Dio. Eccomi, Signore, io mi offro, mi dono a Te, con Te, in unio-ne ai sentimenti del tuo Cuore. Accoglimi e non permettere che io mi riprenda mai più. P Dehon  

5. Nel quinto mistero della gioia contempliamo il ritrovamento di Gesù tra i dottori del tempio (Lc 41-52).

O Gesù, dove sei? Molte volte ho sentito la tua presenza meglio di quest'oggi; ritorna ancora, io ti cerco, ti scongiuro di ritornare; purifico la mia anima perché possa riceverti. Il mio cuore non ha pace che nell'unione col tuo. P. Dehon  

MISTERI DELLA LUCE (Giovedì)

1. Nel primo mistero della luce contempliamo il Battesimo di Gesù nel fiume Giordano (Mt 3, 16-17).

Il battesimo del Salvatore è l'ul-timo atto della sua lunga prepara-zione di trent'anni. Riceve il battesi-mo non per sé, ma per gli uomini suoi fratelli, e viene immerso nell'acqua in segno di morte e di risurrezione. Il suo battesimo simboleggia ed annuncia la sua morte reale e la sua risurrezio-ne, mentre il nostro esprime solo una morte spirituale al peccato e la risur-rezione alla vita soprannaturale. P. Dehon 

2. Nel secondo mistero della luce contempliamo la manifestazione di Gesù alle nozze di Cana (Gv 2,1-5).

Gesù va a Cana, Maria s'interessa di tutto, vede ciò che manca, dice ciò che si deve fare. Dice a Gesù: "Manca il vino" ed ai servi: "Fate ciò che vi dirà". E' l'amica benevola, l'anima che da un buon consiglio, l'amica sicura e fedele. "Siate in buoni rapporti con molti, dice il Saggio, ma scegliete il consigliere fra mille ". (Eccl. 6,6). Maria è per noi questo consigliere unico. P. Dehon 

3. Nel terzo mistero della luce contempliamo l'annuncio del Regno di Dio con l'invito alla conversione (Mc 1, 15-16).

Questo regno ha un bandiera la croce prima, il Crocifisso il cui cuore è stato trapassato dalla lancia; poi il Crocifisso stesso apre la tenda, e ci mostra nel petto il Cuore aperto, e allora questo Cuore diventa un secondo segno aggiunto alla Croce: segno che ci richia-ma a dare amore al Salvatore, una domanda d'amore sempre più pres-sante, una domanda di riparazione e di sacrificio amoroso. O Gesù, vieni e regna nell'anima mia. P. Dehon 

4. Nel quarto mistero della luce contempliamo la trasfigura-zione del Signore (Lc 9, 29-35).

Questa parola divina: «Ascoltatelo» attende da noi una risposta e non basta una risposta vana: «ascolterò», occorre una disposizio-ne abituale: «ascolto, ascolto sempre; parla, Signore, che il tuo servo ti ascolta». Ascolterò al principio di ogni azione per sapere ciò che devo fare, e come devo fare. P Dehon 

5. Nel quinto mistero della luce contempliamo l'istituzione dell'Eucaristia (Gv 13,1)

Gesù ha voluto manifestare l'amore infinito che ha per gli uomi-ni, dandosi a loro e trovando il mezzo di restar in mezzo a loro. Ha preso il pane e il vino per indicare che egli era per noi il nutrimento delle anime, una sorgente di forza, di gioia, di consolazione e il pegno della vita stessa. P. Dehon  

MISTERI DEL DOLORE (Martedì e Venerdì)

1. Nel primo mistero del dolore contempliamo Gesù che prega nell'orto degli ulivi (Mt 26,36-39).

Gesù vuole insegnarci che nei giorni d'angoscia e di tristezza dob-biamo cercare la consolazione nella preghiera. Vuole insegnarci che dobbiamo pregar bene, che dobbiamo ritirarci nella solitudine ed allon-tanarci dal fracasso degli uomini. O Gesù, permetti che io ti contem-pli lungamente e piamente durante questa mia preghiera. P. Dehon 

2. Nel secondo mistero del dolore con-templiamo Gesù innocente flagellato alla colonna (Mt 27,24-26).

Non solamente egli subiva la flagella-zione per la nostra salvezza, ma la santifi-cava, facendone come un accumulatore di grazie capace di agire fino alla fine del mondo. Egli prendeva la maggior parte delle sofferenze per sé, e ci meritava la gra-zia di imitarlo un pò. Non lasciamo perde-re queste grazie, offriamo a nostro Signore qualche penitenza volon-taria in unione alla sua flagellazione. P Dehon 

3. Nel terzo mistero del dolore contempliamo Gesù incorona-to di spine (Mt 27,27-31).

Soffrendo, Cristo ha riscattato il mondo, ed ha meritato di dive-nirne il re supremo. Le spine della sua corona terrestre sono divenu-te le gemme della sua corona celeste. Signore, ti riconosco per mio vero re. Regna veramente su tutta la mia vita. P. Dehon 

4. Nel quarto mistero del dolore contempliamo Gesù che porta la croce fino al Calvario (Lc 23,26-32).

Maria segue Gesù fino al Calvario, e Gesù soffrirà doppiamen-te. Maria pertanto è il nostro modello. Essa dimentica interamente se stessa, e da a Gesù tutto ciò che il suo Cuore può attendersi: com-passione, riparazione, amore, riconoscenza. Camminiamo con lei, imi-tiamola, consoliamola, come faceva san Giovanni. P. Dehon 

5. Nel quinto mistero del dolore contempliamo Gesù che muore sulla croce per salvarci (Gv 19, 25-30).

Nei momenti dolorosi della prova noi innalziamo i nostri sguardi al crocifisso per ritemprare il nostro coraggio, ma quanto l'immagi-ne del Cristo ci sarà più dolce ancora fortificante, se accanto a lui vedremo Maria in piedi nella sua eroica rassegnazione! Non scorag-giamoci mai. P. Dehon 

MISTERI DELLA GLORIA (Mercoledì e Domenica)

l. Nel primo mistero della glo-ria contempliamo Gesù che risor-ge dalla morte (Mt 28, 5-6).

O Maria, fammi condividere la tua santa gioia! O Gesù, fa che io viva veramente una vita risuscitata, in unio-ne a Te, nel distacco dalle cose della terra e nell'amore delle cose del cielo. Rinnovo il mio proposito di unirmi a Te in ogni mia piccola azione. P. Dehon 

2. Nel secondo mistero della glo-ria contempliamo Gesù che ascen-de al cielo (Le 24, 36-53).

A Natale Gesù è nato per noi; durante la Passione ci ha incorpo-rati alle sue sofferenze e ci ha chiamati ad offrire la nostra vita per ripa-rare le offese che ancora oggi si fanno al suo amore fedele; a Pasqua ci ha comunicato la vita nuova, distaccata dalla terra: con l'ascensio-ne ci ha formati alla vita celeste. P. Dehon 

3. Nel terzo mistero della gloria contempliamo la discesa dello Spirito Santo su Maria e gli apostoli

Lo Spirito Santo è un legame d'amore. Come ha unito Gesù al Padre, così unisce noi a Gesù e desidera unirci tra di noi. E' il legame più stret-to che fortifica in noi l'amore, perché noi possiamo donarlo ai nostri fratelli e amare con verità e nella quotidianità Colui che ha donato la sua vita per noi. P. Dehon 

4. Nel quarto mistero della gloria contempliamo l'assunzione di Maria al cielo (Gv 13, 18-20).

Maria è diventata lassù la nostra mediatrice presso il Cuore di Gesù, il canale delle grazie divine e il sostegno della Chiesa. O Madre mia, io unisco la mia lode a quella degli angeli e dei Santi, poiché Tu sei degna di ogni mia venerazione. P. Dehon 

5. Nel quinto mistero della gloria contempliamo Maria inco-ronata Regina degli Angeli e dei Santi (Ap 12,1).

Eccola Maria, Regina della gloria, ma anche Regina di bontà e di misericordia. Andiamo a lei noi tutti che siamo feriti, la sua poten-za non ha i limiti di amore. Essa è l'asilo dei peccatori, la protettrice dei giusti, la speranza ed il sostegno della Chiesa, la risorsa dei popo-li e delle nazioni. P. Dehon 

LITANIE LAURETANE

Sono le più antiche, formatesi lentamente. Nel 1587 furono ap-provate ufficialmente da Sisto V, il quale eresse la Diocesi di Loreto e ne fece costruire la facciata del Santuario.

Lungo i secoli, secondo i bisogni della Chiesa e lo sviluppo dottrinale del Magistero, sono state aggiunte altre invocazioni. L'ulti-ma - Regina della famiglia - è stata inserita per espressa volontà di Giovanni Paolo II.

Queste Litanie sono una miniera inesauribile di potenti stimoli per la riflessione e la pietà popolare verso Maria.

Signore, pietà Signore pietà

Cristo, pietà Cristo pietà

Signore, pietà Signore pietà

Cristo, ascoltaci Cristo ascoltaci

Cristo, esaudiscici Cristo esaudiscici

Padre del Cielo, che sei Dio abbi pietà di noi

Figlio, Redentore del Mondo, che sei Dio abbi pietà di noi

Spirito Santo, che sei Dio abbi pietà di noi

Santa Trinità, unico Dio abbi pietà di noi

Santa Maria prega per noi

Santa Madre di Dio prega per noi

Santa Vergine delle vergini prega per noi

Madre di Cristo prega per noi

Madre della Chiesa prega per noi

Madre della divina grazia prega per noi

Madre purissima prega per noi

Madre castissima prega per noi

Madre sempre vergine prega per noi

Madre immacolata prega per noi

Madre degna d'amore prega per noi

Madre ammirabile prega per noi

Madre del buon consiglio prega per noi

Madre del Creatore prega per noi

Madre del Salvatore prega per noi

Madre di Misericordia prega per noi

Vergine prudentissima prega per noi

Vergine degna di onore prega per noi

Vergine degna di lode prega per noi

Vergine potente prega per noi

Vergine clemente prega per noi

Vergine fedele Specchio della santità divina prega per noi

Sede della sapienza prega per noi

Causa della nostra letizia prega per noi

Tempio dello Spirito Santo prega per noi

Tabernacolo dell'eterna gloria prega per noi

Dimora tutta consacrata a Dio prega per noi

Rosa mistica prega per noi

Torre di Davide prega per noi

Torre d'avorio prega per noi

Casa d'oro prega per noi

Arca dell'alleanza prega per noi

Porta del cielo prega per noi

Stella del mattino prega per noi

Salute degli infermi prega per noi

Rifugio dei peccatori prega per noi

Consolatrice degli afflitti prega per noi

Aiuto dei cristiani prega per noi

Regina degli Angeli prega per noi

Regina dei Patriarchi prega per noi

Regina dei Profeti prega per noi

Regina degli Apostoli prega per noi

Regina dei Martiri prega per noi

Regina dei veri cristiani prega per noi

Regina dei Vergini prega per noi

Regina di tutti i Santi prega per noi

Regina concepita senza peccato originale prega per noi

Regina assunta in cielo prega per noi

Regina del Santo Rosario prega per noi

Regina della pace prega per noi

Regina della famiglia prega per noi

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo perdonaci, Signore

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo esaudiscici, Signore

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo abbi pietà di noi.

P. Prega per noi, Santa Madre di Dio.

A. E saremo degni delle promesse di Cristo.

PREGHIAMO - P. O Dio, il tuo unico Figlio Gesù Cristo ci ha procurato i beni della salvezza eterna con la sua vita, morte e risurrezione; a noi che, con il santo Rosario della Beata Vergine Maria, abbiamo meditato questi misteri concedi di imitare ciò che essi contengono e di raggiungere ciò che promettono. Per Cristo nostro Signore. Amen.