ROSARIO DEL GETSEMANI

Gethsemani (breve meditazione)

Cosa è il Gethsemani?

E' la grande agonia, è il grande combattimento con «l'AVVERSARIO» che Gesù deve sostenere nella sua umanità, come «FIGLIO DELL'UOMO», per riscattare tutti gli uomini.

Egli si trova dinanzi una realtà più grande di Lui: è Gesù - Uomo, con tutta la sua umanità perfettissima e perciò infinitamente sensibile, che deve scontrarsi con il grande avversario che si chiama «MORTE», «MALE», «PEC-CATO».

E' per Lui «l'ora delle tenebre», quella del secondo scon-tro: il primo c'era stato nel deserto, quando Gesù aveva vinto la prima fase di questa battaglia e «il diavolo si al-lontanò da Lui fino al tempo stabilito» (Lc. 4,7). Il GETHSEMANI è il «tempo» della seconda e decisiva lotta nella quale si decideranno le sorti dell'umanità. (Il ROSARIO DEL PADRE pag. 15 - P. Andrea D'Ascanio).

 

Signore dolce volto (Canto d'inizio)

Signore, dolce volto di pena e di dolor,

o volto pien di luce colpito per amor.

Avvolto nella morte perduto sei per noi

Accogli il nostro pianto, o nostro Salvator.

Nell'ombra della morte, resistere non puoi,

o Verbo, nostro Dio, in croce sei per noi.

Nell'ora del dolore ci rivolgiamo a Te

Accogli il nostro pianto, o nostro Salvatore.

O capo insanguinato del dolce mio Signor,

di spine incoronato, trafitto dal dolor.

Perché son si spietati gli uomini con Te?

Ah, sono i miei peccati! Gesù pietà di me.

 

Preghiera introduttiva al Rosario del Gethsemani

Sangue e sudore sono sul Tuo Volto, o Gesù; angoscia e amore sono nel Tuo Cuore. Come allora nel Gethsemani, così oggi nel TABERNA-COLO.

Siamo qui per confortare la Tua solitudine, per dire che Ti amiamo, per unire la nostra angoscia alla Tua sof-ferenza umana e per chiedere la forza di ripetere con Te: «non la mia volontà, o PADRE, ma la tua sia fatta». Con le Tue mani bagnate di sudore di sangue, presenta al Padre, te ne preghiamo, le grazie di cui abbiamo bisog-no perché ci voglia esaudire.

Chiediamo alla Vergine Assunta, che si trova con te, di rendere più valida la nostra preghiera. Facci la grazia, Gesù, di vedere il Tuo volto sfigurato dal-l'angoscia in ogni uomo che soffre e che possiamo aiu-tarlo.

Accetteremo il dolore come penitenza per i nostri pec-cati e cercheremo, con il tuo aiuto, di vigilare contro il male che avanza e di attendere il tuo Regno, come la sen-tinella attende l'aurora. AMEN. (Prof. Luigi Gelda, fond. «SOCIETA' OPERAIA»)

 

Rosario del Gethsemani

- Dio vieni a salvarmi.

- Signore vieni presto in mio aiuto. - GLORIA...

- CREDO... (formula breve) - tenendo in mano la croce o medaglia del Gethsemani.

- PATER E 3 AVE (sul 1 ° grano grosso dopo la croce e i tre seguenti grani) in onore della SS. Trinità.

- Formulare l'intenzione (per chi o che cosa si prega) - 1 PATER (sul 2° grano grosso).

N.B. - Si usa una corona di 7 poste come il rosario dell'Addolorata o dello S. Santo.

 

1° MISTERO

Gesù andò con i discepoli in un podere, chiamato Gethsemani, e disse loro: «sedetevi qui, mentre io vado là a pregare». (MAT. 26, 36)

Meditazione

Il Gethsemani è il passaggio obbligato nel cammino ver-so l'alto, cioè verso il Padre.

E' il tempo delle prove supreme, il momento in cui il potere delle tenebre e le forze del male hanno il per-messo di agire.

Sui grani grossi: (al posto del PATER)

- PADRE, se questo calice non può passare senza che Io lo beva,

- Non la mia ma la TUA VOLONTA sia fatta. (1 volta).

Sui grani piccoli: (al posto dell'AVE)

- Per la Tua agonia e la Tua passione, - Liberaci Gesù (per 7 v.)

- GLORIA

Ritornello: ECCOMI (salmo 39) Eccomi, eccomi!

Signore io vengo.

Eccomi, eccomi!

Si compia in me la Tua volontà.

 

2° MISTERO

Gesù prese con sé Pietro e i due figli di Zebedeo e cominciò a provare tristezza e angoscia. Disse loro: «la mia anima è triste fino alla morte: restate qui e vegliate con me» (MAT. 26,37-38).

Meditazione

Nel Gethsemani è scomparsa da Gesù la potenza del mira-colo, quella energia soprannaturale che Gli faceva do-minare tutte le realtà circostanti, che faceva fuggire i de-moni, che quietava i mari, che risuscitava i morti. Ora tutto il male del mondo si rovescia sulla Sua uma-nità.

Sui grani grossi

- PADRE, se questo calice non può passare senza che Io lo beva,

- non la mia ma la TUA VOLONTA' sia fatta. (1 v.).

Sui grani piccoli

- Per la Tua agonia e la Tua passione, - Liberaci Gesù (per 7 v.)

- GLORIA

Ritornello: ECCOMI (salmo 39) Eccomi, eccomi!

Signore io vengo.

Eccomi, eccomi!

Si compia in me la Tua volontà.

 

3°MISTERO

Gesù avanzatosi un poco si prostrò con la faccia per terra e pregava dicendo: «PADRE MIO, se è possibile passi da me questo calice. Però non come voglio Io, ma come vuoi Tu!» (MAT. 26, 39)

Meditazione

Nello scontro esistenziale tra il proprio «io» e «Dio» la vittoria finale è di Dio, perché Gesù subordina la sua volontà a quella del PADRE.

E' la grande vittoria, il riscatto del «NO» di Adamo. Gesù consegue questa vittoria in un bagno di sangue.

Sui grani grossi

- PADRE, se questo calice non può passare senza che Io lo beva,

- Non la mia ma la TUA VOLONTA' sia fatta. (1 v.).

Sui grani piccoli

- Per la Tua agonia e la Tua passione, - Liberaci Gesù (per 7 v.)

- GLORIA

Ritornello: ECCOMI (salmo 39) Eccomi, eccomi!

Signore io vengo.

Eccomi, eccomi!

Si compia in me la Tua volontà.

 

4° MISTERO

Gesù tornò dai discepoli e li trovò che dormivano. E disse a Pietro: «Così non siete stati capaci di vegliare un'ora sola con me? Vegliate e pregate per non cadere in tentazione» (MAT. 26,40-41)

Meditazione

Gesù chiede aiuto ai suoi intimi perché sente tristezza e angoscia. Ma i suoi amici dormono.

L' «avversario» li ha messi fuori combattimento assopendo la loro volontà, perché essi hanno pregato e la loro «carne è debole».

Sui grani grossi

- PADRE, se questo calice non può passare senza che Io lo beva,

- Non la mia ma la TUA VOLONTA sia fatta. (1 v.).

Sui grani piccoli

- Per la Tua agonia e la Tua passione, - Liberaci Gesù (per 7 v.)

- GLORIA

Ritornello: ECCOMI (salmo 39) Eccomi, eccomi!

Signore io vengo.

Eccomi, eccomi!

Si compia in me la Tua volontà.

 

5°MISTERO

Gesù in preda all'angoscia pregava più intensamente; e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra (Lc. 22, 44)

Meditazione

La sudorazione di sangue si verifica in rarissimi casi in seguito a grave trauma psichico. Quando Gesù si accorge che sta venendo meno, scon-giura il PADRE di dargli quel conforto che i suoi disce-poli, storditi dal sonno, non riescono a dargli. Sui grani grossi

- PADRE, se questo calice non può passare senza che Io lo beva,

- non la mia ma la TUA VOLONTA sia fatta. (1 v.).

Sui grani piccoli

- Per la Tua agonia e la Tua passione, - Liberaci Gesù (per 7 v.)

- GLORIA

Ritornello: ECCOMI (salmo 39) Eccomi, eccomi!

Signore io vengo.

Eccomi, eccomi!

Si compia in me la Tua volontà.

 

6° MISTERO

Gli apparve allora un ANGELO dal cielo a confortarlo (LC. 22, 43)

Meditazione

Il Padre risponde al richiamo del FIGLIO inviandogli un ANGELO. E' l'Angelo del conforto, l'Angelo del CA-LICE.

Cosa c'è in quel calice? C'è la VOLONTA' DEL PADRE e Gesù la beve. Ma mentre beve la volontà del Padre - in un «Si» totale - il Padre Gli comunica e Gli dona tut-ta la SUA POTENZA.

Gesù beve tutta la potenza di VITA del Padre che Gli per-mette di rialzarsi.

Sui grani grossi

- Padre, se questo calice non può passare senza che Io lo beva,

- Non la mia ma la TUA VOLONTA' sia fatta. (1 v.).

Sui grani piccoli

- Per la Tua agonia e la Tua passione, - Liberaci Gesù

- GLORIA

Ritornello: ECCOMI (salmo 39) Eccomi, eccomi!

Signore io vengo.

Eccomi, eccomi!

Si compia in me la Tua volontà.

 

7° MISTERO

Poi si avvicinò ai discepoli e disse loro: «Dormite ormai e riposate! Ecco, è giunta l'ora nella quale il Figlio del-l'uomo sarà consegnato in mano ai peccatori. Alzatevi, andiamo ecco colui che mi tradisce si avvicina» (MAT. 26,45-46)

Meditazione

Gesù rimprovera con dolcezza i suoi discepoli. E' torna-to ad essere il MAESTRO di sempre, anzi più potente di prima perché in Lui c'è in pienezza il PADRE ON-NIPOTENTE.

Questo lo possiamo riscontrare nell'incontro con la fol-la e le guardie che erano andate a prenderlo. «Chi cercate?» Gli risposero: «Gesù il NAZARENO». Disse loro Gesù: «IO SONO!».

Appena disse «IO SONO!» indietreggiarono e caddero a terra. (Gv. 18, 6)

Sui grani grossi

- PADRE, se questo calice non può passare senza che Io lo beva,

- Non la mia ma la TUA VOLONTA sia fatta. (1 v.).

Sui grani piccoli

- Per la Tua agonia e la Tua passione, - Liberaci Gesù (7 v.)

- GLORIA

Ritornello: ECCOMI (salmo 39) Eccomi, eccomi!

Signore io vengo.

Eccomi, eccomi!

Si compia in me la Tua volontà.

- 1 PATER E 3 AVE per tutte le persone in agonia. - O S. Giuseppe, padre putativo di G. Cristo, vero sposo di M. Vergine prega per noi e per gli agonizzanti di questo giorno (o notte).

 

Litanie del Gethsemani

- Signore pietà

- Cristo pietà

- Signore pietà

- Gesù, per l'obbedienza che hai imparato al Gethsemani ABBI PIETA DI NOI

- Gesù, per la Tua sottomissione al Gethsemani

- Gesù, per la Tua accettazione al Gethsemani

- Gesù, per l'agonia e la tristezza di quelle ore

- Gesù, per il Tuo timore e tremore

- Gesù, per la tua PREGHIERA al Gethsemani

- Gesù, per la tua caduta con la faccia a terra

- Gesù, per l'insistenza della Tua preghiera continuamente rinnovata

- Gesù, per la tua richiesta che ti fosse allontanato il CALICE della PASSIONE

- Gesù, per la tua preghiera: «non la MIA ma la TUA VOLONTA' SIA FATTA»

- Gesù, per l'abbandono degli Apostoli

- Gesù, per il conforto che ricevesti dall'ANGELO

- Gesù, per il tuo sudore di sangue

- Gesù, per la conoscenza al Gethsemani di tutti i pec-cati del mondo

- Gesù, per la tua obbedienza alla VOLONTA DEL PADRE

- Dall'ingratitudine verso il tuo AMORE LIBERACI GESU'

- Dall'indifferenza verso il Tuo dolore e la tua agonia

- Noi poveri peccatori, Ti preghiamo ASCOLTACI GESU'

- Perdona i nostri peccati, Ti preghiamo

- Insegnaci il Tuo abbandono alla volontà del Padre al Gethsemani

- Donaci di capire la penitenza e l'espiazione, Ti preghiamo

- Nell'ora della nostra morte mandaci il Tuo Angelo del Gethsemani Ti preghiamo.

AGNELLO DI DIO che togli i peccati del mondo: Per-dona tutti i nostri peccati

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo: Ascolta le nostre suppliche

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo: Abbi pietà di noi e donaci la Pace.

(Dal libro: VEGLIATE E PREGATE pag. 259 - Sac. Charles N'doulou)

Preghiamo

Gesù che sei qui presente, per i sacri sentimenti del Tuo CUORE DIVINO e umano con i quali hai affrontato l'agonia del Gethsemani nell'ESPIAZIONE, nel-l'OBBEDIENZA e nell'AMORE con i quali tu rimani ancora in mezzo a noi, TI PREGHIAMO: riempi i nos-tri cuori di pentimento per i nostri peccati, facci accogliere la nostra croce nel Tuo spirito di ESPIAZIONE e di PE-NITENZA ed accordaci un amore di gratitudine in cam-bio dell'amore con il quale tu accettasti al Gethsemani di dare inizio, per noi peccatori, alla TUA SACROSANTA PASSIONE.

Tu che vivi e regni con il PADRE e lo SPIRITO SANTO nei se-coli dei secoli. AMEN.

 

Preghiera di liberazione

Liberaci, Signore da tutte le forze dell'inferno, della dan-nazione e da tutte le TRIBOLAZIONI. Gesù misericordioso che bruci d'amore per la salvezza delle anime, Ti supplico per l'agonia del Tuo SACRO CUORE al Gethsemani e per i dolori della TUA e NO-STRA MADRE IMMACOLATA, di purificare nel Tuo sangue tutti i peccatori del mondo, soprattutto quelli che sono in agonia e nel pericolo di morte. AMEN. 1 PATER - AVE - GLORIA ai Santi Protettori S. Michele - S. Gabriele - S. Raffaele e 1 SALVE REGINA a Maria SS. La Vergine del Gethsemani nostra protettrice.

 

Offerta della paura della morte di Gesù

ETERNO PADRE, Ti offro la paura della morte di Gesù nell'orto del Gethsemani:

- per coloro che non hanno il tempo di morire,

- per coloro che si uccidono,

- per coloro che vengono uccisi, strappati alla vita, affinché mandi lo SPIRITO SANTO, CHE E' LA VITA STESSA, su di loro. AMEN.

(dal libro di Bustine Klotz (mistica tedesca)

 

Offerta della sofferenza

ETERNO PADRE, con le mani purissime di MARIA, pongo nel CALICE che i SACERDOTI innalzano sugli altari di tutto il mondo, la SOFFERENZA fisica, morale e spirituale di tutta l'umanità, per tutti coloro che non sono più in grado d'offrirtela, per coloro che non hanno la forza d'offrirtela, per coloro che non pensano d'of-frirtela, per coloro che rifiutano o si ribellano alla sof-ferenza.

Nella TUA INFINITA BONTA' E MISERICORDIA, gradiscila e accettala come se fosse offerta da loro e dà loro merito.

(da un'amica del Gethsemani di Bergamo (24.10.1997)

 

Preghiera del Preziosissimo Sangue di Gesù

DIVINISSIMO SANGUE, che sgorghi per noi dalle vene del DIO UMANATO, scendi come rugiada di redenzione sulla terra contaminata e sulle anime che il peccato rende simili a lebbrosi.

Ecco, io ti accolgo, SANGUE DEL MIO GESU', e ti spargo sulla CHIESA - sul mondo - sui peccatori - sul PURGATORIO [sui sofferenti - sulla gioventù - sugli innocenti - sugli agonizzanti].

Aiuta, conforta, monda, accendi, penetra e feconda o di-vinissimo SUCCO DI VITA.

Né ponga ostacolo al tuo fluire l'indifferenza e la colpa. Ma anzi, per i pochi che ti amano, per gl'infiniti che muoiono senza di te, accelera e diffondi su tutti questa divinissima pioggia, onde a te si venga fidenti in vita, per te si sia perdonati in morte, con te si venga nella gloria del TUO REGNO - COSI' SIA.

N.B. Questa preghiera è stata dettata da Gesù a Maria Valtorta il 2-8.6.1943 (pag. 23 del libro "PREGHIERE" di M. valtorta).

 

Amici del Gethsemani     -> Carisma  Amare Pregare Riparare

AMARE: Amare Gesù e tenergli compagnia nella grande sofferenza e solitudine del Gethsemani: ORA SANTA - Giovedì ore 23-24.

PREGARE: Per la conversione dei peccatori - persecu-tori - moribondi - suicidi - impenitenti - disperati - bestemmiatori - per le necessità della S. Chiesa - per il Papa - per la santificazione dei sacerdoti e per chiedere a Gesù Sante Vocazioni.

RIPARARE: Soprattutto per i SACRILEGI EUCARI-STICI. Per i nostri peccati, per quelli della nostra famiglia e di tutto il mondo.

SANTI PROTETTORI:

S. MICHELE - S. GABRIELE - S. RAFFAELE e MARIA SS. sotto il titolo di "VERGINE DEL GETH-SEMANI".

N.B. Per lucrare le indulgenze recitare secondo le intenzioni del Papa: 1 PATER - AVE - GLORIA.