ROSARIO DEL PREZIOSISSIMO SANGUE 

Il Rosario è la stona filmata del Prezioso Sangue di Cristo: della sua formazione, dei suoi principali versamenti e della sua potente efficacia.

 

MISTERI GAUDIOSI 

1° L'annunciazione dell'Angelo a Maria.

Ammiriamo la formazione dei Preziosissimo Sangue di Gesù Reden-tore per opera dello Spirito Santo, dal solo sangue che sulla terra fosse puro, quello dell'immacolata Vergine Maria.

Adoriamo l'unione di quel Sangue alla Persona divina dei Verbo, dal quale attinge il suo valore infinito di glorificazione per il Padre, di preservazione per la Madre, di purificazione per noi, di impetrazìone per tutti i nostri bisogni.

Ringraziamo Gesù della prima offerta che Egli fa dei suo Preziosis-simo Sangue nel santuario dei seno di Maria e sull'altare dei suo cuore e preghiamo Maria, nostra Signora e Regina dei Preziosissimo Sangue, di svelarcene l'arcano mistero.

 

2° La visitazione di Maria alla cugina Elisabetta.

In questo mistero intravediamo l'efficacia anticipata dei Preziosissi-mo Sangue in tutte le anime santificate prima dell'incarnazione, special-mente in quella di Maria Immacolata.

Assistiamo alla sua applicazione a S. Giovanni Battista e al profetico annunzio che ha fatto S. Zaccaria della sua applicazione a tutto il nuovo Israele che crederà, come Maria, nel Salvatore.

Ma come Maria fu allora quasi il sacramento della santificazione dei Precursore, così lo sarà, quale Mediatrice universale dei Preziosissimo Sangue, della santificazione di tutti i redenti.

 

3° La nascita di Gesù.

Adoriamo l'Agnello di Dio, che coi suo Sangue laverà i peccati del mondo, mentre inizia la sua missione redentrice attirando alla sua culla, nei pastori e nei magi, i ricchi e i poveri, i dotti e gli ignoranti, provocando nell'umanità una santa gara di innumerevoli offerte del proprio sangue, a cominciare da quella inconscia dei Santi Innocenti, a quella cosciente e riconoscente di milioni di martiri, che lo versarono quale amoroso ricambio di quello che Gesù comincia a versare nella circoncisione.

 

4° La presentazione di Gesù al Tempio.

Adoriamo con riconoscenza l'anticipata offerta per le mani di Maria dei Preziosissimo Sangue dei vero Agnello di Dio, in quello stesso Tempio in cui erano stati sgozzati e offerti a Dio migliaia di agnelli, il cui sangue attingeva tutto il suo potere purificatore da quello di Gesù, di cui essi non erano che figura.

Gesù ripete in quell'occasione le parole che gli pone in bocca il profeta: "Non ti sono graditi, o Padre, i sacrifici degli animali, ma mi hai dato un corpo, il cui solo sacrificio ti può placare, e quel Sangue che solo può purificare i peccatori".

 

5° II ritrovamento di Gesù tra i dottori del Tempio.

In questa circostanza Gesù ci svela un mistero: Egli, facendo tacere la voce del suo Sangue naturale di Figlio dell'uomo, assoggetta la Madre alla dura prova della sua momentanea perdita fisica, per meritare a noi il ritrovamento della paternità di Dio e rendere Maria Santissima degna distributrice dei frutti del suo Preziosissimo Sangue.

 

MISTERI DOLOROSI

 

1° L'agonia di Gesù nell'orto degli olivi.

Dopo aver adorato il mistico versamento del Sangue di Gesù nell'i-stituzione dell'Eucaristia nell'Ultima Cena, adoriamo il primo reale ver-samento (dopo quello della circoncisione) nella sua agonia nel Getsemani.

Misterioso versamento non provocato dalle ferite dei carnefici, ma dal suo orrore al peccato, dal suo amore per noi e dalla previsione che il suo Sangue sarebbe stato inutile per tanti miliardi di uomini, per i quali pure lo versava.

Preghiamo e cerchiamo ogni mezzo affinché questo numero abbia a diminuire.

 

2° La sanguinosa flagellazione di Gesù alla colonna.

Contempliamo il compassionevole stato di Gesù che è coperto di Sangue e da esso rivestito come di una porpora regale.

E' il terzo versamento di Sangue che la pietà cristiana commemora. Domandiamo, per i suoi meriti, la purezza del nostro corpo e dell'anima e il risanamento della nostra carne corrotta dalla sensualità.

 

3° La coronazione di spine.

Se la flagellazione aveva martoriato il corpo di Gesù fino a non lasciare in esso alcuna parte sana, la coronazione ne martirizza il capo. In questo mistero udiamo l'eco della tremenda bestemmia che in quel venerdì mattina risuonò nella piazza prospiciente il palazzo del Procu-ratore romano. Pilato si lava le mani protestandosi innocente dei Sangue del Giusto, ed il popolo, sobillato dai Farisei, grida: "II suo Sangue cada su di noi e sui nostri figli".

E' il quarto versamento di Sangue da parte di Gesù.

Domandiamo che esso scenda su di noi e sui nostri figli, cioè sui nostri peccati, non a maledizione e condanna, ma a purificazione e redenzione.

 

4° La salita di Gesù al Calvario e la sua crocifissione.

Adoriamo con Maria Santissima, con le pie donne e con gli angeli, questo quinto e sesto versamento di Sangue e cerchiamo, come la Veronica, di asciugare il volto di Gesù con la nostra riparazione, in particolare con quella contro la bestemmia, contemplando con viva compassione e baciando con amore quel Volto che gli angeli e i beati guardano perdutamente, e venerando e baciando almeno ogni mattina dopo la S. Comunione, quelle sante Piaghe, da cui è sgorgato il prezzo della nostra salvezza.

 

5° La morte di Gesù e il colpo di lancia al costato.

Adoriamo in quest'ultimo misterioso versamento, il Sangue di Gesù misto ad acqua, simbolo dei Sacramenti, canali della grazia, perché canali che portano alle nostre anime i frutti del Preziosissimo Sangue dei Redentore, senza il quale non vi è sulla terra né remissione di colpa, né concessione di grazia.

 

MISTERI GAUDIOSI .

 

1° La risurrezione di Gesù.

Il Sangue di Gesù, pur separato dall'anima dopo la morte, continuò ad essere Sangue divino, per la sua unione alla Persona del Figlio di Dio, che restò e resterà unita per sempre alla sua anima e al suo corpo.

Ammiriamo gli Angeli, che la pietà cristiana usa immaginare nel devoto atteggiamento di adorare il Sangue di Gesù e nella sollecita cura di raccoglierlo, per preservarlo dalla caduta.

Adoriamo con santa gioia quello stesso Sangue nell'atto di essere ricongiunto con l'anima per essere di nuovo e per tutta l'eternità da essa vivificato, e preghiamo Gesù affinché quel suo stesso Sangue che riceviamo nella S. Comunione, ci sia pegno e caparra della finale risurrezione dei nostri corpi alla vita eterna, dopo essere stato per le nostre anime sorgente di nuova e sempre maggiore vitalità spirituale.

 

2° L'ascensione al cielo di Gesù.

Gesù prima di salire al cielo istituisce il Battesimo e ne sancisce la necessità dicendo agli Apostoli: "Andate, predicate... e battezzate". Questo sacramento è la principale e più necessaria applicazione del Preziosissimo Sangue di cui gli altri sacramenti, che sono altrettanti canali dello stesso Sangue, sono un complemento.

L'Agnello di Dio asceso al cielo continuerà per tutta l'eternità la sua liturgia del suo Sangue Preziosissimo.

Ringraziamo Gesù dell'istituzione del Battesimo, nel quale tutti siamo lavati nel suo Sangue.

 

3° La discesa dello Spirito Santo.

Dice S. Giovanni nella sua prima lettera (v. 8) che sono in tre a rendere testimonianza che Gesù è il Messia, Figlio di Dio: lo Spirito Santo (nella sua discesa sugli Apostoli), l'acqua e il Sangue (cioè il Battesimo di Gesù e la sua morte, oppure l'acqua e il Sangue usciti dal costato di Gesù rnorto).

Contempliamo questa relazione dei Sangue di Cristo con lo Spirito Santo che, dopo averlo formato nel seno di Maria e offerto sulla croce, ne spande i frutti sugli Apostoli e sui primi convertiti dalle prediche di S. Pietro, per mezzo del Battesimo.

 

4° L'assunzione di Maria SS.ma al cielo.

Solo in Maria il Sangue di Cristo ha portato tutti i frutti. Maria è il frutto più prezioso, è il trionfo più glorioso del Preziosissimo Sangue. Nell'im-macolata Concezione di Maria la potenza del Sangue di Gesù non fu solo purificatrice, ma preservatrice. Nella sua santità raggiunse il vertice della sua efficacia. Nella sua assunzione fu glorificata la fonte dalla quale era sgorgato il Preziosissimo Sangue.

Maria può dunque giustamente essere invocata come Nostra Signora del Preziosissimo Sangue.

 

5° L'incoronazione di Maria Santissima Regina del cielo e della terra e la gloria degli Angeli e dei Santi in paradiso.

II paradiso è il regno del Preziosissimo Sangue, perché conquistato e popolato da tutti coloro che ne sono stati aspersi. Maria e i Santi devono al Sangue di Gesù la loro santità sulla terra e la loro gloria in cielo.

Maria è veramente la Regina del Preziosissimo Sangue e da lassù la sua missione di distributrice dei suoi frutti è diventata universale.

E la liturgia del Sangue continuerà per l'eternità in cielo, dove i beati non si stancheranno di ripetere: "Sia sempre benedetto e ringraziato Gesù che col suo Sangue ci ha salvato".

 

INVOCAZIONI AL PREZIOSISSIMO SANGUE

O Sangue del mio Salvatore, sgorgato da un Cuore misconosciuto... torturato... trafitto per amor mio... scendi sopra di me.

O Sangue del mio Salvatore, uscito da quelle divine mani stese verso di me... mani che lo ho respinto... e che pur tuttavia non cessano d'invitarmi... scendi sopra di me.

O Sangue del mio Salvatore, uscito dai suoi sacri piedi che mi hanno cercato... inseguito .. aspettato e finalmente ritrovato per la mia salvez-za... scendi sopra di me.

O Sangue del mio Salvatore, uscito da tutto il suo sacro Corpo insanguinato... martoriato... e crocifisso per amor mio... scendi sopra di me.

Scendi e resta sempre nell'anima mia, o Sangue prezioso del mio Redentore, e rivestila come di una sacra porpora, pegno dell'etema gloria.

 

LA BENEDIZIONE DI GESU' CROCIFISSO

Eterno Padre, ti offriamo il Sangue Preziosissimo di Gesù sparso per noi con tanto amore e dolore dalla piaga della sua mano destra, e per i suoi meriti e le sue virtù supplichiamo la tua divina Maestà di concederci la santa benedizione, affinché possiamo essere difesi dai nostri nemici e liberati da tutti i mali, dicendo: "La benedizione di Dio Onnipotente, Padre, Figlio e Spirito Santo discenda su di noi e con noi rimanga sempre". Amen. Pater, Ave e Gloria.

 

LITANIE E DEL PREZIOSISSIMO SANGUE

Signore, pietà Signore, pie-tà

Cristo, pietà Cristo, pietà

Signore, pietà Signore, pietà

Cristo, ascoltaci Cristo, ascoltaci

Cristo, esaudiscici Cristo, esaudiscici

Padre dei cielo, che sei Dio abbi pietà di noi

Figlio redentore del mondo, che sei Dio abbi pietà di noi

Spirito Santo, che sei Dio abbi pietà di noi

Santa Trinità, unico Dio abbi pietà di noi

Sangue di Cristo, Unigenito dell'eterno Padre salvaci

Sangue di Cristo, Verbo di Dio incarnato salvaci

Sangue di Cristo, Nuovo ed Eterno Testamento salvaci

Sangue di Cristo, disceso fino a terra nell'agonia salvaci

Sangue di Cristo, profuso nella flagellazione salvaci

Sangue di Cristo, che emani nella coronazione di spine salvaci

Sangue di Cristo, versato sulla croce salvaci

Sangue di Cristo, prezzo della nostra salvezza salvaci

Sangue di Cristo, senza il quale non c'è perdono salvaci

Sangue di Cristo, presente nell'Eucaristia salvaci

Sangue di Cristo, fiume di misericordia salvaci

Sangue di Cristo, vincitore dei demoni salvaci

Sangue di Cristo, fortezza dei martiri salvaci

Sangue di Cristo, vigore dei confessori salvaci

Sangue di Cristo, che generi i vergini  salvaci

Sangue di Cristo, sostegno nei pericoli salvaci

Sangue di Cristo, aiuto degli oppressi salvaci

Sangue di Cristo, conforto nel pianto salvaci

Sangue di Cristo, speranza dei penitenti salvaci

Sangue di Cristo, sollievo dei moribondi salvaci

Sangue di Cristo, pace e dolcezza dei cuori salvaci

Sangue di Cristo, pegno di vita eterna salvaci

Sangue di Cristo, che liberi le anime del purgatorio salvaci

Sangue di Cristo, degnissimo di ogni onore e gloria salvaci

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo perdonaci, Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo esaudiscici, Signore

Agnello di Dio che togli i peccati del mondo abbi pietà di noi

PREGHIAMO O Signore, onnipotente ed eterno, che hai disposto che il tuo Figlio divenisse Redentore del mondo e volesti essere placato dal suo Sangue, fa che venerando il prezzo del nostro riscatto, per i suoi meriti scampiamo da tutti i mali qui in terra, per conseguire poi in cielo la pienezza della gloria che ci ha meritato col suo sacrificio. Per lo stesso Gesù Cristo, nostro Signore. Amen.