LA MEDAGLIA DI MARIA ROSA MISTICA

L'apparizione del 19 maggio 1970 ebbe un suo particolare signi-ficato. Maria SS. apparve, come sempre, nel suo candido manto, il Cuore ornato con tre rose (bianca, rossa e giallo-oro). Al braccio de-stro un grande rosario che terminava con una medaglia invece della croce. Quindi, stendendo ambedue le braccia, la SS. Vergine mostrò una medaglia rotonda e dorata sulle due palme delle mani. Su quella della mano destra Pierina vide incisa la figura di Maria in piedi, in ci-ma alla scala con le mani giunte e con il capo, come sempre, china-to in avanti sulla sinistra, circondato di rose. Molte rose erano pure ai suoi piedi, sparse per la scala. Sull'orlo della medaglia della mano de-stra vi era scritto: "Rosa"; su quello della sinistra "Mistica". Quindi a tergo di una delle medaglie Pierina osservò distintamente una bella chiesa a cupola con tre grandi porte. Sopra vi era la scritta:

"Maria Madre della Chiesa"

A questo punto la Madre celeste prese a parlare e disse:

"Desidero sia fatta coniare una medaglia come questa e con le due iscrizioni. il Signore mi ha inviata in questo luogo da Lui prescelto per portare il dono del suo amore, il dono della fonte delle grazie e quello della medaglia del mio amore materno. Oggi sono qui per far cono-scere questa medaglia, dono dell'amore universale e che sarà portata dai figli sul loro cuore ovunque andranno. Prometto a questi miei fi-gli la mia protezione e la mia grazia materna. Questa è l'ora in cui si cerca di annientare il più possibile la venerazione che mi si deve. La medaglia del mio amore materno farà si che i figli miei mi abbiano sempre con sé. Io sono la Madre del Signore, la Madre della umanità. Vi sarà il trionfo dell'amore universale! La benedizione del Signore, as-sieme al mio amore, accompagneranno sempre tutti i figli che ricorre-ranno a me".  

GRAZIE OTTENUTE PER MEZZO DELLA MEDAGLIA DI MARIA ROSA MISTICA

Dalla corrispondenza giunta all"Opus Rosa Mistica".

- Un padre di famiglia che portava appesa al collo la medaglia di Rosa Mistica fu assalito inaspettatamente dai terroristi e gettato a ter-ra. Lo spinsero in un taxi e raggiunto un luogo lontano dalla città, de-cisero di ucciderlo con una serie di colpi.

Quando pensarono che fosse morto, se ne andarono. Il padre di famiglia tremando raggiunse un taxi e si fece condurre a casa. Chiese alla moglie di aiutarlo a togliersi i vestiti. Miracolo! I proiettili dell'ar-ma da fuoco erano rimasti nei vestiti, il suo corpo era illeso, non ave-va nessuna ferita. Questo perché portava la medaglia di Rosa Mistica. (13-1-1)88, Hermana Belen, Medellin, Colombia).  

- Io ho un fratello che non credeva a niente. Ma il giorno che Celina mi diede alcune medaglie di Rosa Mistica, chiesi a mio fratel-lo se ne voleva una per avere la protezione della Madonna, Rosa Mi-stica.

Egli prese la Medaglia. Tre giorni dopo andò con un cugino. Fu-rono assaliti e presi di mira. Mio cugino fu colpito da quattro colpi di arma da fuoco, mentre mio fratello sentiva che i proiettili gli passava-no accanto. Rimase prodigiosamente illeso.

(8-2-1988, Maria Barcona, Roldanillo, Colombia).

  - Mio marito ebbe un infarto; io lo visitai nel reparto di cura in-tensiva dove era ricoverato e gli diedi la benedizione con la Medaglia di Rosa Mistica. Il venerdì seguente, festa del sacro Cuore, aprì gli oc-chi... Ora mio marito è guarito, ci vede e cammina.  (13-5-198), Frau Schuiz, Viersen, Germania).

  - Da venti giorni non ero più in grado di deglutire una goccia d'acqua senza prendere la xilocaina. Tre anni e mezzo fa avevo subi-to una operazione di cancro. Fui trattata con quaranta irradiazioni e dodici cicli di chemioterapia. Ero perduta. Un giorno, a metà del trat-tamento andai a casa. Una vicina notò che mi sentivo molto male. Mi diede una Medaglia di Rosa Mistica e per otto giorni pregai per riac-quistare la salute. Le chiesi il nome della Signora, ma non lo sapeva, poiché la medaglia era stata regalata a suo marito. Sapeva solo che era miracolosa.

Un giorno mio marito cuoceva la trippa per alcune persone e una zuppa di carne e verdura piccante. Me ne diede un boccone per pro-vare se riuscivo a mangiarla e fummo molto meravigliati perché io po-tevo non solo mangiarla, ma anche digerirla e allora gliene chiesi di più. Questo senza prendere la xilocaina. Poco per volta mi sentii me-glio e ora sono completamente guarita.

Questa grazia è dovuta a Nostra Signora, a Maria Rosa Mistica che ringrazio di cuore. (21-11-198), Consuela Murillo, Argentina).