VIA CRUCIS dettata da GESU' a Madre Provvidenza

 PRIMA STAZIONE: Gesù è condannato a morte.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "Beati quelli che accettano di essere ingiustamente giudicati. Io sono stato uno di essi"

Per salire bisogna morire. Il giudizio degli uomini può essere una prova di Dio. Chi lo accetta con fede e supera con pazienza ogni difficoltà, potrà unirsi a Cristo sulla via dolorosa per la salvezza delle anime. Pater, Ave Gloria, Eterno riposo...

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

SECONDA STAZIONE: Gesù abbraccia la croce.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "Beati quelli che porteranno sul loro dorso la mia croce: Io l'ho portata per essi".

Ogni cristiano deve fare quello che ha fatto Cristo per ri-sorgere dalla morte. Più la croce è pesante e più anime salverà. Chi disprezza la croce non è degno discepolo di Cristo. Pater, Ave Gloria, Eterno riposo

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

TERZA STAZIONE: Gesù cade per la prima volta sotto la croce.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "Io sono caduto: beati quelli che dopo caduti si rialzeranno come me".

Ciascun uomo è peccatore, ma se si lava dal suo peccato può sempre rialzarsi e ricominciare il cammino. Cristo è cadu-to da innocente per sollevarci dalla debolezza umana. Pater, Ave Gloria, Eterno riposo

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

QUARTA STAZIONE: Gesù incontra Sua Madre.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "Anche a voi è concesso l'incontro con mia Madre sulla via dolorosa".

Maria è sempre la forza di questo esilio terreno. Dobbiamo cercarLa nei momenti difficili, e affidare a Lei ogni nostra difficoltà. Pater, Ave Gloria, Eterno riposo

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

QUINTA STAZIONE: Gesù è aiutato dal Cireneo a portare la croce.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "L'aiuto che Io ebbi sotto la croce da uno o più uomini, voi l'avrete da me".

Con Cristo tutto è facile; senza Cristo tutto è difficile. Il Padre ce L'ha dato come modello di vita. Noi dobbiamo farceLo amico fedele. Pater, Ave Gloria, Eterno riposo

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

SESTA STAZIONE: Gesù è asciugato in volto dalla Veronica.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "Beati coloro che mi consoleranno, perché Io li consolerò".

O Pie donne che accompagnate e difendete i chiamati del Signore ad essere apostoli tra le genti, siate benedette. Consolate sempre il Cuore di Cristo che continua la Sua Passione redentrice attraverso gli strumenti delle Sue Opere. Pater, Ave Gloria, Eterno riposo

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

SETTIMA STAZIONE: Gesù cade la seconda volta sotto la croce.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "Quando caddi sotto la croce, finito nel mio dolore, mi rialzai perché ti ho amato. Non fermarti, figlio, sul tuo cammino doloroso".

Chi si scoraggia è perduto. L'Amore di Cristo deve sti-molarci a continuare il cammino per fermarci dove Lui ci chia-ma a realizzare la volontà del Padre. Pater, Ave Gloria, Eterno riposo

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

OTTAVA STAZIONE: Gesù è consolato dalle Pie Donne.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "Nella Via della Croce fui seguito da coloro che con la bocca mi hanno amato. Seguitemi non con la bocca ma col cuore".

Ciascun uomo ha dei veri amici, come pure incontra creature come lui che lo scherniscono con la calunnia, la mal-dicenza, l'ipocrisia. Anche per quelli Gesù è morto, anche per quelli bisogna pregare perché anch'essi sono un mezzo per la nostra santificazione affinché possiamo meglio essere colla-boratori nella redenzione di Cristo.  Pater, Ave Gloria, Eterno riposo

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

NONA STAZIONE: Gesù cade la terza volta sotto la croce.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "Ancora sono caduto: beati quelli che si rialzeranno con forza e coraggio".

Anche quando il fisico è malato e sembra ribellarsi alla croce dobbiamo abbracciarla, e con fede seguire Cristo ogni giorno della nostra vita. Pater, Ave, Gloria, Eterno riposo...

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

DECIMA STAZIONE: Gesù viene spogliato delle Sue vesti.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "Mi sono spogliato per te anche delle mie vesti; spògliati per me di ogni umano amore".

Cristo ha lasciato il mondo, Sua Madre, i Suoi fratelli, gli Apostoli; ha lasciato la Sua volontà per immolarsi come vit-tima per la nostra salvezza. Noi, invece, il più delle volte, sia-mo avari per via del sacrificio. Vorremmo libertà e piaceri, mentre l'obbedienza è sempre quella di compiere i doveri del proprio stato, senza ribellione. Pater, Ave, Gloria, Eterno riposo...

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

UNDICESIMA STAZIONE: Gesù viene inchiodato sulla croce.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "Sopra la croce sono stato inchiodato: inchiodati su di me e saliremo insieme".

Cristo oltre alle Sue vesti, volle lasciare il Suo Sangue come eredità preziosa alle Sua Passione e Morte. Si lasciò in-chiodare ad una croce, mentre pensava a noi e ci amava. La vi-ta è una vanità se non la interpretiamo come dono di Dio. Tutto può servire per la nostra salvezza, come per la nostra dannazio-ne eterna. L'amore è distacco, e rinuncia, e abbandono. Pater, Ave, Gloria, Eterno riposo...

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

DODICESIMA STAZIONE: Gesù viene innalzato sulla croce.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "Sotto le mie ferite vennero i peccatori. Anch'io voglio venire, e lenire le tue ferite come tu lenisci le mie".

Chi Ti ha inchiodato verrà un giorno a chiederTi perdo-no, come fratelli del-la stessa mensa e figli dello stesso Padre, ci raduneremo per cantare le glorie della pace eterna. Pater, Ave, Gloria, Eterno riposo...

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

TREDICESIMA STAZIONE: Gesù muore in croce. .

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "Dopo la mia morte rividi mia Madre. Anche tu la rivedrai nel mio regno".

Maria, la Vergine, l'Immacolata, l'Addolorata, la Regina e l'Avvocata nostra, Lei che ci ha preso tra le braccia e ci ha adottato come figli ai piedi della croce, ci porterà tra le braccia del Suo amato Figlio per il quale viviamo la nostra vita eterna. Pater, Ave, Gloria, Eterno riposo...

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

QUATTORDICESIMA STAZIONE: Gesù viene deposto dalla croce.

Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo, con la tua croce hai redento il mondo.

Gesù: "Sono stato sepolto come un agnello, e, come superiore ad un agnello sono risorto".

Chi semina bene raccoglie bené. Non è perciò il giudizio degli uomini che fa i Santi, ma sono le opere di Dio che danno i frutti. Non perdiamo tempo, ma cerchiamo di sviluppare in ogni istante della nostra vita i talenti che il Buon Dio ci ha dato per la Sua gloria e la nostra salvezza eterna. Pater, Ave, Gloria, Eterno riposo...

Santa Madre, deh, voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore