VIA CRUCIS MEDITATA CON DON DOLINDO  

O Maria Immacolata fammi incontrare spesso con Gesù sulla via del Calvario. (Don Dolindo) 

TI SEI ESAURITO PER ME... ESAURISCI LA MIA MISERIA

Orazione preparatoria

(L'anima mia nelle tue mani santissime, o Gesù!) 

Gesù mio, ecco l'anima mia nelle tue mani santissime. Io mi ti offro interamente, affinché tu mi accolga nel tuo Cuore addolorato e mi faccia sentire le tue pene e le tue amarezze! Quanto hai sofferto, o Gesù, quanto hai patito per me! Oh, io dovrei consumarmi di amore innanzi a tanto dolore, ed invece sono così freddo e così insensibile!

Tu grondi sudore, grondi sangue, sei trafitto da spine pungenti, sei ridotto tutta una piaga, ed io non mi commuovo?

Oh, mio Gesù, voglio seguirti per piangere tan-ti miei peccati, voglio bagnare la terra con le mie lacrime, mentre tu la bagni con il tuo sangue divino!

Gesù mio, ti ho offeso assai, e me ne pento sinceramente, perché ho disgustato te che sei degno di ogni amore! I miei peccati mi op-primono, ma io non diffido di te, e non cesso di gridare a te, mio Dio: Misericordia di me, misericordia di me!

(Pausa di riflessione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

Ia Stazione

GESU' CONDANNATO A MORTE

(Mi condanno io innanzi a te, o Gesù, io che tanto ti offesi)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Innanzi a Pilato sei condannato come un reo, mio Gesù, sei condannato e vilipeso, sei per-cosso ed umiliato! Che male hai fatto, mio Gesù? Tutti ti dichiarano innocente con i fat-ti, e tutti ti condannano e chiedono ad alte grida la tua morte!

Mi condanno io innanzi a te, io che tanto ti offesi e che ho domandato la tua morte con le mie iniquità!

Facciamo pace Gesù addolorato! Io non voglio più dispiacerti, anzi ti protesto che ti amo con tutto il mio cuore! E bacio il sangue che scorre da te per la mia salvezza e desidero che tu mi incateni al tuo Cuore, perché io ti ami sempre e non sia più ingrato con te!

(Pausa di silenzio)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

2° Stazione

GESU' CARICATO DELLA CROCE

(La Croce, la grande opera della glorificazione di Dio)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Ecco la pesante Croce, o Gesù caro! Tu l'ac-cogli come il mezzo col quale compirai la grande opera della Glorificazione di Dio e del-la Redenzione delle anime.

I Giudei te la mettono addosso per crudeltà, e tu la ricevi per amore, o Gesù!

Oh, come è bella la Croce nelle mani tue, e come diventi più attraente e più amabile! Sei curvo sotto quel peso, perché l'ho reso pe-sante io con i miei peccati, o mio Gesù! Deh! che io pure sappia piangere e soppor-tare le croci della mia vita in isconto dei miei peccati e per amore tuo, o Gesù!

Non mi risparmiare, pungimi e fammi sof-frire, affinché io mi assomigli a te, e ti segua sotto il peso della croce che mi darai e che fin da ora accetto volentieri!

(Breve pausa di riflessione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

3a Stazione

GESU' CADE LA PRIMA VOLTA

(Ti sei esaurito per me..., esaurisci la mia miseria)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Sei sfinito di forze, e cadi sotto il peso della Croce, o Gesù mio!

Non è per debolezza che tu cadi, ma per mo-strarmi che ti sei esaurito per me, e che se seguiti a camminare, è proprio per consumare sino alla fine la grande opera della Reden-zione!

Anima mia, non vedi come è malmenato ora Gesù dai suoi carnefici? Egli ha urtato la testa sulle pietre, i suoi spasimi gli si sono orribil-mente rinnovati..., e tu stai così inerte e indif-ferente?

Ah, Gesù mio, mi umilio profondamente in-nanzi a te, e gemendo mi riconosco un piccolo atomo di polvere!

Sono nullità e peccato, lo riconosco, ed il mio orgoglio non ho davvero dove poggiarlo! Esaurisci dunque, o Gesù, la mia miseria con la tua misericordia, ora che sei umiliato come un cencio e sei prostrato per terra!

(Breve pausa di riflessione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

4a Stazione

GESU' INCONTRA LA SUA SANTISSIMA MADRE

(O Maria, fammi incontrare spesso con Gesù)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Quanto dovette essere doloroso per Gesù que-sto incontro che doveva ferire il Cuore della Mamma sua!

Che cosa Le dicesti in quel momento, o Gesù? I tuoi dolori ed il tuo Sangue furono più elo-quenti di qualunque parola, e tu gemesti sol-tanto, ed Ella rimase come impietrita per lo spasimo amaro!

O Maria, il tuo dolore è vasto come il mare, e per questo dolore io ti supplico di farmi incontrare spesso con Gesù, anzi di condurmi tu stesso alla sua presenza! In tua compagnia Egli non mi ricaccerà dal suo sguardo come io merito, ma ferirà il mio cuore, perché io Lo ami sempre!

E questo cuore lo do in custodia pure a te che hai tanto sofferto per mio amore come Corre-dentrice del genere umano!

(Breve pausa di riflessione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

5a Stazione

GESU' AIUTATO DAL CIRENEO

(Non permettere mai che io porti per forza le croci della vita)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Sei sfinito sotto il peso della Croce, o Gesù buono, ed i tuoi persecutori costringono un Cireneo a portarla in tua vece per forza. Voglio aiutarti io a portare la Croce, perché è per i miei peccati che te ne sei caricato. Ecco l'anima mia: io mi ti consacro come vit-tima di amore e di espiazione, e così soffrirò insieme con te, per condurre ai tuoi piedi quelle anime per le quali hai tanto sofferto. Non mi discacciare da te, mio Dio, e non per-mettere mai che io porti per forza le croci della vita e le tribolazioni che tu mi mandi; sono degno di sofferenze, e voglio attestarti il mio pentimento ed il mio amore almeno con la pazienza e con la rassegnazione.

(Breve pau-sa di riflessione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

6a Stazione

GESU' ASCIUGATO DALLE DONNE

(Possiedi tu, o mio Gesù, i pensieri e gli affetti miei)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Tu cammini verso il Calvario, Gesù mio, ma quali pensieri hai tu nella mente?

L'agonia dell'orto degli ulivi continuò, e tu ti vedesti ridotto in uno stato così vile, che stimavi di essere l'ultimo di tutti!

Alcune donne lungo la strada ti asciugano il volto, ma non lo fanno che per pietà umana; tu sei solo ed abbandonato come lo eri nel-l'orto del Getsemani, e la turba che ti circonda ti ricorda soltanto tanti che si perderanno miseramente nonostante tanti tuoi dolori e tante tue amarezze!

L'anima tua ancora una volta è triste sino alla morte!

Come ti consolerò io, caro Gesù?

Deh, possiedi tu i miei pensieri e gli affetti miei! Io voglio seguirti vivendo solo per te! (Breve pausa di riflessione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

7a Stazione

GESU' CADE LA SECONDA VOLTA

(Che io sollevandoti dal suolo, partecipi alle tue misericordie)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

I pensieri tristi che hai, o Gesù, ti rendono no-vellamente sfinito, e, come nell'Orto degli ulivi cadesti sul suolo quasi esaurito, così ora cadi per terra sotto il peso della Croce.

Ah! lo so: tu vuoi dirmi un'altra volta che ti esaurisci per me, mio Gesù! Tu vuoi fermarti perché io ti raggiunga e, sollevandoti dal suolo, partecipi alle tue misericordie ed al tuo dolore!

Intanto quante volte io ricado nei peccati, ed invece di aiutarti, mi arresto nella via del male e mi ci ostino?

Gesù mio, convertimi, prendi tutto il mio cuo-re e rinnovalo tu, per i dolori che soffristi in questa tua seconda caduta!

Io ti prometto che ti seguirò sempre e non mi arresterò stoltamente nel cammino della perdizione e della morte!

(Breve pausa di ri-flessione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

8a Stazione

GESU' RIPRENDE LE DONNE CHE PIANGONO SOPRA DI LUI

(Voglio piangere sopra di me, o Signore, sulle mie miserie, sui miei peccati)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Queste donne, vedendoti ridotto in uno stato così pietoso, piangono amaramente sopra di te, ma il loro cuore è mosso solo da compas-sione umana, e per questo, o Gesù, dici loro: "Non piangete sopra di me, ma sopra di voi e dei vostri f igliuoli", e preannunzi il terribile castigo che seguirà alla imprecazione che il popolo si aveva gettato addosso: "Il suo san-gue cada sopra di noi e sui nostri figli!".

Oh, quante volte io mi lamento del mondo che è cattivo, ma io poi sono sempre al me-desimo stato di apatia spirituale e partecipo alla vita del peccato, alla vita del mondo me-desimo?

Ah, Gesù mio! Voglio essere rimproverato da te, perché voglio piangere sopra di me, sulle mie miserie, sui miei peccati!

Tu volesti muovere nel cuore di quelle donne un salutare rimorso per farle convertire; eb-bene fammi sentire tutto il peso delle mie colpe, affinché io ne vegga la enormità e le pianga amaramente!

(Breve pausa di rifles-sione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

9a Stazione

GESU' CADE LA TERZA VOLTA

(Possa io rimanere tanto oppresso dalle croci della vita, da essere costretto a ritornare a te)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Tu cadi la terza volta sotto il peso dei miei peccati, o Gesù, perché questi ti rendono così pesante la Croce che porti sulle spalle.

Oh! perché io non alleggerisco questo peso, cambiando vita e ritornando a te? Sono trop-po ostinato, e tu mi vuoi ancora una volta risvegliare con questa caduta, perché io vegga quanto male sia per me il cadere nell'abisso della colpa.

Quei colpi che i crudeli Giudei ti danno per farti rialzare, dàlli a me, Gesù mio caro. Io sono contento di essere tribolato, di essere trafitto nel cuore dai più amari dolori, pur-ché io ritorni al tuo Cuore umiliato e pentito! Tu cadi per amore sotto il peso della Croce che io stesso ti ho messo sulle spalle. Possa io rimanere tanto oppresso dalle croci della vita, da essere costretto a ritornare a te!

(Breve pausa di riflessione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

10a Stazione

GESU' SPOGLIATO DELLE VESTI ED ABBEVERATO DI FIELE

(Ti chiedo, o Gesù, la purità dell'anima e del corpo)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Sei giunto sul Calvario, o Gesù, e subito ti strappano le povere vesti che indossi, e ti rin-novano così tutte le piaghe della flagellazione, perché quelle vesti si erano attaccate alle tue carni sanguinanti!

Quali spasimi mio dolce Gesù!

Eccoti, nudo! Sei come un giglio candido e rubicondo che spunti dalla terra, e non ispiri altro che purità e candore!

I tuoi carnefici vogliono darti a bere una be-vanda che ti deve stordire, come si soleva fare can i condannati; ma tu la rifiuti, perché vuoi soffrire interamente tutta la pena della Croci-fissione!

Ah, quanto mi hai amato, mio caro Gesù! Ed io, vedendoti così nudo e così puro, ti chiedo il dono della purità dell'anima e del corpo.

Fammi candido come un bambino, e fa' che nella purità io ti vegga meglio, e sappia acco-starmi a te nell'intimità dell'amore sopranna-turale!

Per questo, o Gesù, spogliami interamente di me, e con la purità dammi la santa umiltà del cuore.

(Breve pausa di riflessione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

11a Stazione

GESU' CONFITTO IN CROCE

(Tu volgi lo sguardo al Cielo, o Gesù, per offrirti vittima per me)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

I crudeli carnefici già ti hanno disteso sulla Croce! Ho che duro letto di dolore per la tua morte, o Gesù!

Essi stirano le tue braccia, e poi, con ferocia inaudita, le conficcano alla Croce con due chio-di. La tua mano si squarcia, si rigonfia, si illi-vidisce. Un rivo di sangue ne sgorga. Le tue membra si contraggono per lo spezzarsi vio-lento dei nervi, e tu volgi lo sguardo al Cielo per offrirti vittima per me!

Nei piedi pure ti conficcano un lungo chiodo, e quale spasimo maggiore non è per te? Eccoti vittima completamente immolata per me! Rimarrò io insensibile a tanto dolore? Ah, mio Gesù, sono stato troppo ingrato al tuo amore, ma ora non voglio esserlo più. Voglio amarti assai, e, abbracciato alla tua Croce, voglio purificarmi nel Sangue adorato che sgorga dalle tue piaghe! Scuotiti, mio povero cuore, Gesù agonizza per te, Gesù prega per te, Gesù con quelle braccia aperte vuole ab-bracciarti... E che aspetti tu per corrispon-dergli?

(Breve pausa di riflessione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

12a Stazione

GESU' MUORE IN CROCE

(Oh Gesù, perché non muoio io pure a me stesso?)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Dopo tre ore di spasimo atroce, Gesù solleva lo sguardo al Cielo, raccomanda al Padre l'anima sua, e poi china il capo e muore!

E' morto Gesù, Egli non respira più, non parla più, il suo capo è abbandonato sul petto, è immobile!

Il velo del Tempio si squarcia, i sassi si spez-zano per un grande terremoto, la medesima natura insensibile si commuove e piange il suo Signore!

Ed io rimango così muto ed indifferente, io che sono stato la causa di tanto dolore?

O Maria, madre mia, tu sei rimasta come di sasso, ed il tuo dolore è più vasto del mare. Ricordati che Gesù morente ha voluto affidare a te il mio cuore. Scuoti dunque tu la mia durezza, e fa' che io partecipi alle tue pene e pianga con te!

Oh, perché non muoio io pure a me stesso? Io non mi muoverò dai tuoi piedi, o madre mia, se tu non mi avrai trasformato e non avrai fatto di me un incendio di amore! (Breve pausa di riflessione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

13a Stazione

GESU' DEPOSTO DALLA CROCE

(O piaghe adorate, lasciate che la mia anima si ricoveri in voi)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Sull'imbrunire di quel giorno doloroso nel quale morì Gesù, quando era rimasto solo il suo corpo esanime, e nessuno più lo ricordava, all'infuori della Madre sua, di Giovanni e del-le pie donne, venne sul Calvario Giuseppe d'Arimatea e Nicodemo per togliere dalla Croce il corpo santissimo di Gesù!

Essi appoggiano una scala alla Croce, tolgono i chiodi, ed il corpo di Gesù... cade pesante-mente, mentre quei due discepoli suoi lo sor-reggono!

Non c'è più dubbio, o mio Gesù, sei vera-mente morto.

O labbra pallide del mio Salvatore, lasciate che io imprima su di voi un bacio di amore, un bacio che cancelli quello, tanto crudele, che vi diede Giuda!

O piaghe adorate che mi avete aperte le porte del Cielo, lasciate che l'anima mia si ricoveri in voi!

Gesù mio, tu non mi guardi più?

Io non posso più sollevarti, perché sei morto. Allora io piango...

Amami, mio Gesù, misericordia di me!

(Breve pausa di riflessione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

14a Stazione

GESU' POSTO NEL SEPOLCRO

(Cerca Gesù con l'amore, perché lo vedrai risorgere glorioso nel cuore)

 

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo Perché per la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Il corpo di Gesù è deposto prima nel seno del-la sua desolata Madre!

O Maria, perché sei così pallida e smorta? Ah, tu contempli tutte le piaghe del tuo di-letto, ed esse si riproducono nel tuo Cuore desolato!...

La notte già discende sulla terra, e i due disce-poli pigliano dalle braccia di Maria il corpo di Gesù, lo avvolgono in un bianco lenzuolo e poi lo mettono nel sepolcro.

Ancora una volta tu ti nascondi, o mio Dio!... Si cala su di te un grande masso.

Dov'è il mio Gesù? Io non ti vedo più.

O mio cuore, veglia vicino a Gesù quando ti si nasconde con le aridità, piangi ed anela alla sua presenza; cercalo con l'amore, perché lo vedrai risorgere glorioso nel cuore!

O Maria, mamma mia, tu sei costretta ad al-lontanarti da questo sacro sepolcro. Deh, par-tecipa a me le tue pene, affinché io le custo-disca col mio amore e le bagni con le mie lacrime!

(Breve pausa di riflessione)

Pater, Ave e Gloria.

Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore

 

A conclusione della Via Crucis OFFERTA

Gesù mio, ti offro il mio cuore e la mia vita! Tu hai tanto patito per me ed io non so mo-strarti in altra maniera la mia gratitudine che offrendoti interamente me stesso!

Possiedi tu la mia libertà, la mia volontà, il mio cuore, la mia vita... Ed abbi misericordia di me. AMEN

1 Pater